ROMA CLUB CAGLIARI – Dopo il pareggio contro l’Inter, i giallorossi continuano la propria rincorsa alla Champions apprestandosi a giocare contro il Cagliari. Romanews Web Radio ha contattato uno dei presidenti del Roma Club Cagliari, Federico Franceschi, per conoscere la realtà romanista del suo club e analizzare il momento della squadra e il prossimo match, molto sentito nelle sue zone.

TIFOSI CAGLIARITANI – “Molto bello avere un club anche al di fuori della Capitale. Quando mi sono trasferito qui ho trovato questo gruppo di ragazzi romanisti, alcuni di Roma, ma ci sono anche molti sardi tifosi giallorossi. Quando sono arrivato il club era già avviato, anche se un pochino più piccolo e con altri amici abbiamo tentato di ampliarlo. Ad oggi ci riuniamo in una sala e siamo anche un bel numero. Ritrovarsi a guardare le partita tutti insieme è fantastico per noi che viviamo in un certo senso sempre in trasferta, è una bella sensazione. Spesso organizziamo cene, incontri con i tifosi, abbiamo invitato anche qualche personaggio rappresentativo come calciatori”.

IL MOMENTO DELLA ROMA – “Da noi c’è chi addossava la colpa a Monchi, chi a Di Francesco e chi alla società. Da buoni presidenti bisogna cercare di mediare tra tutte le posizioni, ma sicuramente c’è stata una gestione sbagliata già dalla fine della scorsa stagione, abbiamo perso diversi pezzi importanti non riuscendo a rimpiazzarli al meglio. Si è fatto un buon mercato, ma il problema è che se perdi top player per sostituirli con buoni giocatori, tendi a perdere per forza. Sono giocatori che in una rosa competitiva possono starci però vanno affiancati ai campioni veri”.

ROMA CAGLIARI – “I romanisti qui vivono questa partita come un derby, quasi una finale di Champions. Nel corso degli anni, soprattutto nelle trasferte qui a Cagliari, la Roma è stata spesso in difficoltà, ma negli ultimi anni sta andando un po’ meglio. Presumo che il rossoblù non venga a fare la partita della vita, non c’è un motivo per giocarsela davvero. A Cagliari c’è questa leggenda che i giocatori, a salvezza acquisita, vadano al mare invece che ad allenarsi, speriamo sia così. E’ una squadra che ha dei valori importanti, giocatori molto buoni. Si parla molto di Cragno e Barella, sono quelli più sotto osservazione, hanno un futuro roseo davanti a loro. Io però ho un debole per Pavoletti, servirebbe molto alla Roma in questo momentoi, è un giocatore che, magari come riserva, in una rosa comupetitiva ci può stare”.

Edoardo Frazzitta

Print Friendly, PDF & Email