romanews-roma-paulo-fonseca-romanapoli
Foto Tedeschi

ROMA FONSECA ESONERO – Per la squadra allenata da Fonseca è la terza sconfitta nelle ultime 4 giornate di campionato. Con tutte le attenuanti del caso – gli infortuni di gregge, la neo paternità di Lorenzo Pellegrini (congratulazioni), Dzeko che sbaglia un rigore, e il terzo portiere Fuzato all’esordio che regala la prima rete ai doriani – la Roma, perdendo con la Sampdoria, ha messo una seria ipoteca sulla perdita del settimo posto. Che vuol dire non giocare neppure la coppa consolazione della nuova Conferenza League. I giallorossi rimangono piantati a quota 55 punti con il Sassuolo ormai diventato un’ombra, a solo due lunghezze di distanza.

Roma in caduta libera

Facciamo parlare i dati. I numeri di questa Roma, messi in fila, fanno calare un velo di tristezza oltre che di rabbia. A cominciare dal fatto che non collezionava tre sconfitte di fila in trasferta dal campionato 2012-2013 con Zdeněk Zeman in panchina. Fonseca ha perso cinque delle ultime otto partite di Serie A con l’aggravante che nelle ultime 8 giornate hanno fatto peggio solo Verona e Crotone, quest’ultimo già matematicamente retrocesso.

LEGGI ANCHE
Dzeko e la maledizione dei rigori: in Serie A ne ha sbagliati 1 su 2

Tanti gol presi e pochi segnati allontanano la Roma dall’Europa

I gol incassati dalla difesa di Fonseca in questi due anni di panchina sono 101, un colabrodo! Da inizio marzo ad oggi la Roma ha segnato appena 10 gol in Serie A: nessuna squadra ha fatto peggio in questo periodo (10 anche il Verona). A Marassi hanno giocato per la prima volta insieme Dzeko e Mayoral, un inedito che Paulo Fonseca ha sempre detto di non considerare congeniale per il suo attacco. La contingenza delle tante assenze lo ha costretto ad andare contro la sua convinzione, ma il risultato – nessun gol sul lato giallorosso del tabellino – evidentemente ha dato ragione allo scetticismo del portoghese. La riflessione da fare è, semmai, come mai questa considerazione non è stata fatta durante il mercato estivo.

Fonseca a rischio esonero?

Scontato il malumore dei Friedkin, arrivati a Genova per seguire la squadra anche contro la Sampdoria. I rumors trapelati da Trigoria dopo la figuraccia con il Manchester United hanno prefigurato un possibile esonero di Fonseca anche prima della fine del campionato. Rumors che torneranno a bussare anche all’indomani della sconfitta subita a casa dell’ex Ranieri. Alla Roma non rimane che difendere con i denti il settimo posto e se può servire promuovere Alberto De Rossi dalla Primavera (che lascerà tra poche settimane) si faccia tutto quello che serve.

GSpin

Print Friendly, PDF & Email

18 Commenti

  1. Qualsiasi società figuriamoci la Roma che ha i tifosi più appassionati del mondo, non merita una situazione vergognosa come questa che si è protratta. Quindi, a scapito di ulteriore offensive figuracce, via subito Fonseca, che ha litigto con tutti a cominciare dal nobile Florenzi e va bene anche un De Rossi Daniele, se Alberto rinunciasse. Forza Roma Sempre!

  2. Esonero? Sarebbe ora, anche se andava fatto almeno 1 mese fa, i numeri già dicevano che la roma era in caduta libera, ora è inutilmente tardi

  3. Oggi mi aspetto l esonero di questo maestro di calcio!e finito questo squallido campionato pretendo una rivoluzione di Rosa si devono tenere solo la difesa ,veretout,faraone,zaniolo,i tre terzini e basta il resto adios .Pellegrini da capitano il primo voglio veder partire ripeto al sassuolo per scamacca e frattesi.

  4. Iniziano tutti bene e poi finiscono tutti con un’imbarcata, ma sarà sempre colpa degli allenatori? Oppure colpa di chi li sceglie in ciclostile? Sarri non è molto diverso da Spalletti Di Francesco Luis Enrique e via dicendo. Accumuliamo eliminazioni e derby umilianti da dieci anni ormai, ma puntualmente ci ripropongono ogni anno il mago di giornata..

    • D’accordo con te. Spalletti e DiFrancesco, per me, di gran lunga migliori di Sarri. Luis Enrique era da cacciare subito dopo la gara d’andata, al ritorno non doveva neanche arrivare, contro lo Slovan. Ancora sento dire, dai ciarlatani della radio che, poverino, è stato costretto a scappare, che al Barcellona ha vinto tutto! Sai che fatica, vincerebbero anche con un mongoloide in panchina.

  5. Per una squadra da rifondare dalle fondamenta l’impegno del giovedì sarebbe deleterio.
    Meglio arrivare 8vi e dare a Sarri, o a chi per lui, il tempo per allenare.
    Fonseca deve restare fino alla fine, per portare a termine il lavoro: chi meglio di lui può garantire l’8vo posto?

    • Ma che discorsi sono? La Champions League non toglie ugualmente energie? Allora evitiamo di fare le coppe a prescindere dal piazzamento finale. Personalmente, se non dovessimo andare neanche in Conference, io caccerei via tutti. Perdere apposta è da miserabili.

      • Sono d’accordo e aggiungo che in molti per salvare una stagione (tipo il Sassuolo) ci si aggrappano al posto utile per la “misera coppetta” salvo poi, quando c’è da giocarla a luglio (perchè così sarà) snobbarla presuntuosamente. Io dico solo che, se t’iscrivi a un torneo, lo devi giocare al meglio delle tue possibilità e che se invece non lo vuoi giocare, allora ci rinunci a favore di chi ne ha voglia; ma perdere pretestuosamente per evitare d’iniziare la stagione a luglio è antisportivo e irrispettoso per tutti gli altri partecipanti (dato che, nei fatti, non sei migliore di loro).

      • Premesso che mai ho sostenuto di dover perdere apposta e che sostengo da tempo l’esigenza di fare piazza pulita, concordo con te che sia frustrante essere fuori dalle coppe.
        Ma sarebbe suicida NON prendere atto che la Roma non sia (stata) in grado di gestire le due competizioni!
        Il dispendio di energie ce l’hanno tutte le squadre che giocano in Europa, ma quantomeno si strutturano per questo.
        La Roma – per esplicita ammissione del suo attuale Mr – non è stata in grado di farlo ed è la storia della Roma a confermare che una competizione sia sempre stata disputata a scapito dell’altra (nel 2018 arrivammo in semi in CL ma in campionato chiudemmo 3° a -14 dalla seconda!).
        Sono convinto che la Conference League, programmata il giovedì sera come l’EL, creerebbe gli stessi deficit visti quest’anno ed onestamente non voglio vedere mai più abbandonare il campionato già a marzo, perchè poi le figure di m. alle quali questo ci espone sono sotto gli occhi di tutti.
        Quindi non mi strapperei i capelli se non dovessimo qualificarci né per i preliminari di EL (7mo posto) né per la Conference League (8vo posto).
        In questo senso – e solo in questo senso – sostengo che Fonseca vada tenuto fino alla fine: a meno che, ovvio, non si possa insediare già da adesso il futuro Mr, nel qual caso si potrebbe quantomeno lavorare per la prox stagione.
        Ma siccome non vedo come questo possa accadere, mettere in panchina per 4 partite un traghettatore qualunque credo che non darebbe alcun beneficio.
        PS: è agli atti che io sostenessi l’esonero di Fonseca già dall’estate scorsa, nel dopo Siviglia, ed ancor prima, dopo le 3 sconfitte di fila nel post lockdown.
        Questo per sgombrare il campo dal dubbio che io voglia difendere Fonseca, che reputo un allenatore inadeguato, ed il suo operato alla Roma, a dire poco fallimentare!

  6. Ricordo ancora gli insulti dei P-boys e fake supporters alla F&B quando, da ottobre, si diceva di esonerare il sor Fonseca. Oggi a buoi scappati dalla stalla tutti d’accordo. “Tifosi” che insultano i Sensi prima della partita con l’Ajax e che vogliono solo il male della nostra Roma. L’esonero ora non servirebbe a nulla, non c’è più nulla da salvare.Aspettiamo la fine dell’agonia, che era prevedibile da chi ci tiene veramente. Il prossimo anno non ci vuole una rifondazione (alibi per i P-boys per continuare il giochino delle plusvalenze), ma serve che i due Muti in tribuna ci dicano cosa sono venuti a fare a Roma (a parte “Dilettarsi”). Se sono venuti per vincere, subito Mourinho e campioni. Se è un Pallotta bis estraiamo a sorte tra i tifosi un allenatore, almeno diamo una gioia a qualcuno. Anche sor Pinto deve dirci se è l’ennesimo commissario liquidatore o se è venuto a costruire una squadra. L’Inter ha i nostri stessi buffi, non ha lo stadio ma ha vinto lo scudetto: ma come, F&S, non era impossibile? Oddio qualcuno ci è riuscito e noi siamo settimi….ma per piacere

  7. Esonerare Fonseca oggi non ha doppiamente senso; primo perché a tre giornate dalla fine non risolvi niente, secondo perché in ogni caso c’è un ritorno di semifinale giocare e non penso che chiunque possa prendere il suo posto riesca a far meglio di lui con due giorni di allenamenti. Quando dissi, in tempi non sospetti, che era inadatto (eufemismo) ci fu chi mi diede ripetutamente del laziale. Ma tante’… Io guardo al pratico, perché voglio bene alla mia Roma come la maggior parte di voi ed esprimo la mia opinione nel rispetto di tutti anche se ora può sembrare una contraddizione. Tra l’altro io motivo sempre le mie affermazioni a differenza di molti altri che invece aggrediscono col solito “p-boy”o “laziale” a prescindere.
    Forza Roma SEMPRE (ahime’)

    • A me (quantomeno finora…🙂) non danno del Laziale ma in compenso mi attribuiscono di voler perdere le partite apposta!
      Eppure basterebbe leggerli, i miei post!
      Scripta manent!

      • A proposito di perdere apposta. All’ultima giornata c’è Sassuolo-Lazio… Cerchiamo di arrivare certi del settimo posto. A me roderebbe assai non fare le coppe l’anno prossimo.

  8. @ Riccardo
    Su come la pensi io, riguardo all’opportunità di fare o meno le coppe in un anno di rifondazione, mi sono ampiamento espresso nei post sopra sopra.
    Resta il fatto che se dobbiamo legare il Ns futuro alla sportività di quelli dell’ “oh no”, allora stiamo freschi!
    A quel punto, all’ultima giornata meglio arrivarci certi dell’ottavo, di posto! 😂

Comments are closed.