Passate le feste natalizie e salutato il nuovo anno, la Roma di Claudio Ranieri deve adesso mettere da parte i buoni propositi e iniziare a fare sul serio. Il prossimo giovedì, giorno dell’Epifania, si gioca la diciottesima giornata di Serie A, prima partita del 2011 e penultima del girone d’andata. Per i giallorossi l’avversaria di turno è il Catania di Marco Giampaolo, che naviga in acque relativamente tranquille in campionato, occupando la dodicesima posizione in classifica con 21 punti, 6 in più della zona retrocessione (rappresentata da Brescia, Cesena e Lecce, appaiate al penultimo posto con 15 punti).MALUMORI – La squadra del focoso presidente Antonio Pulvirenti è ormai una realtà consolidata del nostro campionato, visto che da ormai 5 anni gli etnei si confermano nella massima serie senza mai rischiare più di tanto il baratro della b. Tuttavia in questa stagione l’entusiasmo dell’ambiente catanese sembra essersi leggermente affievolito, un pò a causa del gioco troppo “difensivista” attribuito al tecnico Giampaolo (al suo primo anno in Sicilia dopo le avventure di Cagliari e Siena), un pò per via delle ultime polemiche che hanno coinvolto il difensore Terlizzi, colpevole di aver criticato pubblicamente il mister dopo la sconfitta per 3-0 in casa del Cagliari e praticamente messo sul mercato da Pulvirenti. A mettere ulteriore benzina sul fuoco ci ha pensato poi lo stesso allenatore originario di Bellinzona che, chiamato in causa dai giornalisti, si è detto molto infastidito dalle accuse di difensivismo che gli vengono rivolte.RECUPERI IMPORTANTI – Ma il Catania arriva alla gara dell’Olimpico anche con qualche buona notizia. Sono infatti tornati ad allenarsi regolarmente l’attaccante e idolo della tifoseria rossoazzurra Giuseppe Mascara, costretto a saltare le ultime partite di campionato a causa di un’ernia inguinale, e il centrocampista argentino Ezequiel Llama, che può dirsi completamente recuperato dopo essere stato fermo diversi mesi per via di un brutto infortunio al ginocchio. Salterà invece sicuramente il match dell’Olimpico Mariano Izco, infortunatosi al piede destro durante il primo allenamento del nuovo anno (il Catania si è preparato alla sfida con la Roma anche a San Silvestro e nel primo giorno del 2010).ATTENZIONE AGLI ARGENTINI – Per la Roma i pericoli vengono soprattutto dall’attacco dei catanesi, in particolare dalla coppia di gioielli Mascara-Maxi Lopez. Nella scorsa stagione i due hanno sommato la bellezza di 19 reti (8 per Mascara, 11 per l’argentino, che ha tra l’altro disputato soltanto metà campionato, essendo sbarcato in Sicilia nel gennaio 2010), mentre quest’anno hanno giocato entrambi con il freno a mano tirato, mettendo a segno soltanto 4 gol in due (3 Maxi Lopez, 1 Mascara). Non va assolutamente dimenticato il giapponese Morimoto, mina vagante per i giallorossi visto che alla Roma ha già segnato 4 gol in 5 partite. L’attaccante nipponico tuttavia difficilmente sarà della partita, perchè ancora in fase di riabilitazione in seguito ad una operazione d’artroscopia al ginocchio sinistro. Sulla trequarti dei siciliani agiscono solitamente l’argentino Adrian Ricchiuti, insieme al talento proveniente dal San Lorenzo, Alejandro Dario Gomez, oppure un altro giovane, il brasiliano Martinho, una scoperta dell’a.d. rossazzurro Pietro Lo Monaco. Ma il reparto più ricco è il centrocampo, formato da giocatori duttili, agili e soprattutto argentini. Il gruppo di mediani titolari è costituito infatti da tre “albicelesti”, Ledesma, Carboni e Llama. CURIOSITA’ – A proposito, il Catania vanta in rosa ben 11 connazionali dei fratelli Burdisso (fino a due giorni fa 12, poi è stato ceduto in prestito all’Estudiantes il trequartista Pablo Cesar Barrientos), tanti quanto gli italiani. Un numero notevole che fa subito pensare ad un affascinante confronto Argentina-Brasile con i verdeoro della Roma, sebbene questi ultimi siano “soltanto” 7 (dopo l’addio di Julio Baptista, restano Julio Sergio, Doni, Juan, Cicinho, Simplicio, Taddei e Adriano). Un’altra interessante sfida nella sfida è quella tra le due difese: un dato sorprendente sentenzia che dietro gli etnei subiscono meno della Roma. Sono “solo” 18 i gol incassati  dal Catania nelle prime 17 giornate di campionato, mentre i difensori giallorossi, nonostante il loro valore assoluto sia di gran lunga superiore a quello dei catanesi, hanno dovuto raccogliere 2 volte in più dei siciliani il pallone in fondo al sacco. Stranezze del calcio. Un ultimo dato riguarda il bottino della Roma in casa (i giallorossi sono imbattuti in campionato all’Olimpico), che abbraccia un’altra statistica, quella secondo la quale il Catania in trasferta ha ottenuto quest’anno la miseria di 3 punti (frutto di 3 pareggi e 5 sconfitte).RICORDI – Negli ultimi anni le sfide tra Roma e Catania sono sempre state particolarmente nervose. Le cause vanno ricercate soprattutto in quel match dell’11 novembre 2006, in cui i giallorossi di Spalletti ne rifilarono 7 ai catanesi, di fronte ad un Olimpico che in quella occasione aveva dovuto liberare tutta la Curva Nord per fare spazio ai 10.000 tifosi  siciliani giunti allo stadio. Non tardò ad arrivare la “vendetta” degli etnei, nell’ultima giornata del campionato 2007-2008, quando la Roma andò a giocarsi al Massimino lo scudetto, contro un Catania che invece cercava disperatamente la salvezza. I giallorossi di Spalletti si imbatterono in un ambiente a dir poco ostile (era stata anche vietata la trasferta ai tifosi romanisti), ma trovarono comunque il vantaggio grazie ad un eurogol di Vucinic, che valse loro il momentaneo titolo di Campioni d’Italia. Poi la rete di Ibrahimovic per l’Inter a Parma, insieme al pareggio degli etnei nel secondo tempo (gol del neo-juventino Martinez) spensero il sogno tricolore della Roma. Ma un nuovo sogno potrebbe riiniziare proprio contro il Catania, giovedì prossimo all’Olimpico. Sperando che il finale, questa volta, sia lieto.Federico Antonio PetittoCATANIA CALCIO S.P.A.Città: Catania (294.468 abitanti)Fondazione Club: 1945Presidente: Antonio Pulvirenti Vice Presidente: Angelo VitalitiPresidente Onorario: Ignazio Marcoccio         Amministratore Delegato: Pietro Lo MonacoStadio: Angelo Massimino di Catania (Capienza: 20.266 posti)Sito web: www.calciocatania.itROSA (in evidenza i nuovi acquisti):ALLENATORE: Marco GiampaoloPORTIERI21 Mariano Gonzalo ANDUJAR (ARG)30 Andrea CAMPAGNOLO (ITA)1 Tomas KOSICKY (SLO)DIFENSORI22 Valeira Pablo Sebastian ALVAREZ (ARG)18 Blazej AUGUSTYN (POL)14 Giuseppe BELLUSCI (ITA)33 Ciro CAPUANO (ITA)12 Giovanni MARCHESE (ITA)2 Alessandro POTENZA (ITA)6 Matias Agustin SILVESTRE (ARG)3 Nicolas Federico SPOLLI (ARG)23 Christian TERLIZZI (ITA)CENTROCAMPISTI27 Marco BIAGIANTI (ITA)5 Ezequiel Alejo CARBONI (ARG)4 Gennaro DELVECCHIO (ITA)17 Alejandro Dario GOMEZ (ARG)13 Mariano Julio IZCO (ARG)8 Pablo Martin LEDESMA (ARG)16 Cristian Ezequiel LLAMA (ARG)24 Simone PESCE (ITA)19 Adrian RICCHIUTI (ARG)26 Fabio SCIACCA (ITA)20 Raphael Alves De Lima MARTINHO (BRA)ATTACCANTI11 Maximiliano Gaston LOPEZ (ARG)9 Mirco ANTENUCCI (ITA)7 Giuseppe MASCARA (ITA)15 Takayuki MORIMOTO (JAP)Gianvito Plasmati (ITA)Probabile formazione (4-3-1-2): Andujar; Alvarez, Silvestre, Bellusci, Capuano; Ledesma, Carboni, Llama; Gomez; Mascara, Maxi Lopez. All. Giampaolo

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here