romanews-roma-justin-kluivert-sassuolo-jeremie-boga
Foto Tedeschi

ROMA AJAX KLUIVERT – Justin Kluivert, attualmente al Lipsia in prestito dalla Roma, è intervenuto ai microfoni del sito olandese ad.nl, al quale ha detto la sua sulla sfida di domani sera tra due delle sue ex squadre, i giallorossi e l’Ajax. Inoltre un commento sul suo attuale club e sul suo passato. Queste le sue parole:

Leggi anche:
Ajax-Roma, le probabili formazioni

Su Ajax-Roma

“Un vero peccato che questa partita non si sia giocata l’anno scorso, mi sarebbe piaciuto sfidare l’Ajax. Conosco entrambe le squadre, è davvero difficile dire chi passerà il turno. L’Ajax può battere la Roma e viceversa. Dipenderà molto da come staranno le squadre il giorno della partita. In ogni caso, mi godrò lo spettacolo. Sono curioso di scoprire come si svilupperà la partita e come l’Ajax affronterà la Roma. Mi piace ten Hag, nei sei mesi in cui abbiamo lavorato insieme avevamo un buon rapporto. Ha mostrato di essere un grande allenatore. Se fossi rimasto all’Ajax un altro anno?
Quelle sono domande a cui nessuno, me compreso, può rispondere. Sarebbe potuta andare in qualsiasi modo. A volte ho pensato che se fossi rimasto avrei preso parte a quella bella stagione in Champions League.

Leggi anche:
Roma, da Florenzi a Kluivert: la situazione prestiti

Sulla Roma e sul Lipsia

Con la Roma ho giocato molto come titolare e ho segnato. Dopo lo stop per la pandemia questa cosa è cambiata. Così sono andato al Lipsia in prestito. Rimpianti? No, assolutamente no. Né dal mio passaggio alla Roma, né di quello al Lipsia. Qui siamo 20 giocatori forti e ruotiamo tutti. È un modo di fare diverso rispetto all’Olanda. All’Ajax difficilmente cambia la formazione titolare. Qui gioca chi sta meglio e chi è utile per la partita secondo l’allenatore. Ciò significa che a volte anche metà della squadra viene sostituita.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Ma chi rimpiange ? L’unico rimpianto è che sei venuto a Roma a perdere tempo e dire una marea di stupidaggini . Scarso come tuo padre

Comments are closed.