romanews-roma-alessandro-florenzi-esultanza-roma-genoa-partita-edin-dzeko
Foto Getty

ROMA GENOA, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del capitano giallorosso Alessandro Florenzi in occasione di Roma-Genoa, prima partita del campionato di Serie A.

POSTPARTITA

Florenzi a Sky

Tre gol bellissimi. Quanta e forte l’amarrezza?
“Tanto, volevamo uscire con un altro risultato. Ci teniamo la prestazione, dobbiamo sicuramente migliorare ma abbiamo iniziato con un buon appiglio. Speriamo di migliorare in fretta”.

Cosa va registrato in difesa?
“Non è solo un discorso di singoli, ma anche di pressing davanti. Dovremo solo ascoltare il mister e lavorare”.

La prossima è il derby.
“Non sono io a spiegare che è una partita importante, che però non darà giudizi per tutto l’anno. Daremo il massimo.

Sulla fascia a Dzeko. Com’è andata? Gli striscioni?
“Gli striscioni in Curva mi hanno fatto piacere da romano e romanista. Sentivo un’emozione particolare. Li ringrazio, ma non per lo striscione, perché hanno incitato la squadra per 90 minuti. Dipende anche da quello che facciamo: quando esci con la maglietta sudata sono contenti di te”.

Che tipo è Dzeko? È rimasto sfoderando prestazioni eccezionali.
“Credo che da fuori tante cose vengano inventate, ma non voglio essere presuntuoso. È un professionista esemplare. Ci sono tante cose scritte ma non solo su di lui, anche sul sottoscritto, in cui c’è poca verità. Non doveva dimostrare stasera di essere un campione”.

Ma l’Inter lo voleva.
“Non mi riferisco solo a quello”.

Florenzi a Roma TV

Prima partita con la fascia di Capitano. Che partita è stata per te?
“E’ stata un’emozione particolare per me, un’emozione nuova. Era come 7-8 anni fa, la prima partita in Serie A. Ringrazio i tifosi perchè hanno incitato 90 minuti. Lo hanno fatto perchè hanno visto una squadra che non ha perso la sua identità. Quando metti tutto in campo difficilmente esci con la testa bassa. Questo è quello che io ho avvertito da tutta la squadra a cui faccio i complimenti. Li abbiamo messi molte volte nella loro area. Dobbiamo migliorare tante cose, sappiamo che negli ultimi 12 anni chi ha vinto lo scudetto aveva la migliore difesa”.

Cosa c’è da migliorare prima di tutto?
“Dobbiamo tenere meglio la palla, passa tutto da lì. Sembra facile a dirsi quello che ci chiede il mister. Non possiamo perdere la palla perchè se ripartono è difficile riprenderli. Un gol loro è stato fatto da una nostra palla persa. Sappiamo che dobbiamo migliorare tante cose e dobbiamo seguire l’allenatore in quello che ci dice. Non voglio dire che è un anno di transizione per è un anno in cui ci vengono chieste cose nuove. Ci serve tempo ma non lo abbiamo”.

E’ un sistema di gioco o sono disattenzioni?
“Non credo la seconda perchè hanno passato gran parte del tempo nella loro area. Alle volte prendere un giallo subito può far fermare un’azione d’attacco. Dobbiamo essere degli animali appena si perde palla perchè altrimenti dopo andiamo in difficoltà. Il recupero palla del Barcellona in 5 secondi deve essere il nostro modello”.

Il coraggio oggi si è visto, vi siete divertiti in campo.
“Assolutamente si, deve essere un punto di ripartenza. Il mister vuole giocatori coraggiosi, che vengono a dare una linea di passaggio. Stiamo lavorando da un mese e poco di più ma alcuni meccanismi si sono già visti alla grande e possiamo solo migliorare”.

Florenzi in zona mista

Prima partita stagionale, risultato al di sotto delle aspettative. Cosa non ha funzionato? E che cosa invece ha funzionato?
“Siamo soddisfatti di gran parte della partita giocata, soprattutto nella fase offensiva. E’ ovvio che ci sono delle cose da cambiare nella parte difensiva. Ci vorrà un po’ di tempo per assimilare quello che ci chiede il mister e per cui stiamo lavorando dall’8 di luglio. Il tempo non è dalla nostra parte e dobbiamo cercare di migliiorare perché le partite arrivano una dopo l’altra ma abbiamo fatto secondo me molto bene stasera in alcuni tratti della partita”.

E’ necessario un rinforzo in difesa?
“Non sono domande che devi fare a me, mi dispiace, non posso rispondere a questo”.

Ti hanno dedicato uno striscione, pace fatta con i tifosi?
“Con i tifosi non ho mai litigato, sia chiaro. Ho apprezzato tantissimo non solo lo striscione ma per come hanno incitato e hanno dato tutto durante i 90′. Hanno visto che non abbiamo mollato, che non ci siamo disuniti, non abbiamo cambiato la nostra identità. Quando esci stremato da partite come questa e sai che hai dato tutto non puoi che uscire a testa alta e i tifosi sono “contenti”, non del risultato, sono contenti della prestazione che hanno visto che abbiamo dato tutto per questa maglia”.

Tra poco c’è il derby, come arriva la Roma?
“Secondo me arriva in parte bene perché abbiamo fatto vedere per lunghi tratti quello che possiamo fare. Sarà importante lavorare in questa settimana su quello che abbiamo sbagliato e su quello che vuole l’allenatore in tutte e due le fasi. Sappiamo tutti che è una partita particolare, non devo dirlo io. Serviranno nervi saldi e cercare di imporre il nostro gioco con coraggio senza aver paura dell’avversario che abbiamo davanti. Questo non solo per la Lazio ma per quanto riguarda tutto il campionato”.

Non c’è rischio che il dualismo con Zappacosta possa condizionare entrambi?
“Penso proprio di no, siamo due giocatori che possiamo dare tanto a questa squadra e alla Nazionale. E’ venuto Davide per darci il suo apporto e una mano, non sono ancora pronto per giocare 45 partite di seguito. Stai tranquillo che tutti avranno le loro chance. E’ importante avere giocatori forti che vengono ad aiutare la Roma, non bisogna guardare il singolo ma la squadra”.

L’arrivo di Zappacosta potrà farti spostare tra centrocampo e attacco?
“Io sono a disposizione dell’allenatore come lo sono da quando gioco per la Roma, ho sempre detto che dall’1 all’11 sono sempre a disposizione”.

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

  1. Quale quello di farsi rimontare 3 goal e non riuscire a gestire una partita con una squadra mediocre? meglio non parlare continuare ad allenarsi cercando di migliorare il proprio gioco, la concentrazione, assimilare al meglio gli schemi voluti dall allenatore poi c’è sempre chi vede il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. FORZA ROMA

  2. C hanno la.faccia come.il cu.. di lasciare certe dichiarazioni! Bah vabe! Cmq pure st anno se festeggiano plusvalenze e rinnovi di contratto! Grazie Pallotta ….Pallotta VATTENE forza Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here