romanews-roma-gianluca-mancini-lautaro-martinez-inter-san-siro
Foto Getty

CONTI ALLA MANO – ‘Conti alla Mano’ è la rubrica ideata e realizzata da Romanews.eu per cercare di capire meglio il rendimento della Roma attraverso le statistiche avanzate. Ogni settimana proporremo gli spunti più interessanti, provando ad analizzarli e a spiegarli in modo semplice. Oggi parliamo della scarsa pericolosità avuta dalla Roma contro l’Inter, come evidenziato dalle statistiche del match.

romanews-legenda-statistiche-2-2.jpg

Le statistiche di Inter-Roma: record negativo di occasioni create per i giallorossi in stagione

A San Siro la Roma ha pareggiato contro l’Inter per 0-0. Non è la prima volta che i giallorossi non riescono a segnare in questa stagione (era già successo con Atalanta, Sampdoria e Parma). Stavolta però gli uomini di Fonseca non si sono messi minimamente in condizione di realizzare neanche un gol. L’attacco romanista infatti ha inanellato solo record negativi a Milano. Ecco quindi il minimo stagionale di tiri (6), di passaggi chiave (5), di occasioni da gol (0) e di produttività delle azioni d’attacco (0,21 xG, cioè l’indice di pericolosità dei tiri effettuati). Statistiche che testimoniano chiaramente la grande difficoltà avuta dalla Roma in fase offensiva contro l’Inter di Conte.

Le cause della serata storta dell’attacco giallorosso: l’assenza di Dzeko e Kluivert e la scarsa ispirazione di Pellegrini

La serata storta dell’attacco giallorosso non può essere spiegata soltanto con la forza della difesa interista (prima in Italia, con appena 0,87 xG concessi in media ogni 90 minuti). Il motivo principale è stato sicuramente l’assenza di Dzeko e Kluivert. Il bosniaco e l’olandese sono i giocatori romanisti che hanno tirato di più finora in questa stagione (rispettivamente 51 e 38 volte su 309 complessive). Parliamo quindi del 29% delle conclusioni totali realizzate dalla Roma quest’anno, che a San Siro sono venute improvvisamente a mancare.

Un altro fattore determinante è stata la scarsa lucidità dei giallorossi nella gestione della palla. Tanto che la squadra capitolina ha perso ben 33 palloni contro l’Inter (secondo peggior dato stagionale). Un aspetto su cui ha influito probabilmente anche l’assenza di Dzeko, che avrebbe permesso di alzare di più il pallone, senza rischiare ogni volta la giocata dal basso. Infine c’è da considerare la deludente prestazione offensiva di Pellegrini. Il numero 7 giallorosso non è riuscito a incidere come al solito sulla trequarti romanista, effettuando solo 1 passaggio chiave in 90 minuti (la sua media stagionale era di 3,5 a partita). Addirittura i suoi xA (cioè l’indice di pericolosità dei passaggi realizzati) sono stati appena 0,01, quando la sua media è dello 0,46. Ecco quindi perché la Roma a San Siro non è riuscita a creare occasioni da gol come invece fa di solito.

Altri spunti statistici del match: Diawara-Veretout, la mediana giallorossa sale in cattedra

Nonostante la pessima serata del suo attacco, la Roma ha portato a casa un punto prezioso. Ciò è stato possibile soprattutto grazie al grande lavoro compiuto dalla squadra di Fonseca in fase difensiva. I giallorossi infatti hanno recuperato 33 palloni, mentre la loro media stagionale è di 24 ogni 90 minuti. Parliamo quindi di una prestazione sopra le attese, che ha permesso alla Roma di non prendere gol contro uno dei migliori attacchi della Serie A (prima volta a secco in questo campionato). Protagonisti di tale impresa sono stati soprattutto i due mediani giallorossi. Diawara ha semplicemente dominato il centrocampo a San Siro, recuperando addirittura 9 palloni, con 3 contrasti vinti su 3 tentati. Anche Veretout si è fatto valere, con 4 palle rubate, a cui ha aggiunto 2 dribbling riusciti su 2 provati.

inter-roma-statistiche-diawara

Sono andati molto bene pure i due difensori centrali, con Mancini che ha vinto 3 contrasti su 4 e Smalling che ha intercettato 3 passaggi e prevalso in 4 dei 5 duelli aerei tentati. Importante è stato inoltre il lavoro di Pellegrini in pressione su Brozovic (3 palloni recuperati). Va detto però che alla fine la Roma ha comunque concesso all’Inter 2,08 xG. Un dato molto elevato, ma che è riconducibile alle troppe palle perse in uscita dai giallorossi, più che a delle disattenzioni difensive. Per fortuna in quelle occasioni ci ha pensato Mirante, autore di due parate davvero decisive.

(fonte dei dati: WhoScored.com, SofaScore, Understat.com e InfoGol)

Leonardo Gilenardi

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Il reparto offensivo era formato da pellegrini,mhykatarian,perotti e zaniolo.
    In pratica centrocampisti offensivi e trequartisti di cui 3 su 4 rientranti da lunghi e fastidiosi infortuni e che ovviamente rientrando da poco Ancora non sono in forma e brillanti.
    In questa fase della stagione partiamo molto le assenze di kluivert e dzeko in attesa che anche Inder entri in forma.
    In questa situazione fisica degli attaccanti è inevitabile avere problemi contro la migliore difesa del campionato.
    La scelta del vice dzeko forse è stata sbagliata anche se kalinic si e infortunato ma se c era shick era la stessa cosa……

Comments are closed.