Foto Tedeschi

ROMA PARMA, L’AVVERSARIA – Dopo la sosta per le nazionali, la Roma si prepara a tornare in campo per affrontare il Parma nella sfida valida per l’ottava giornata di Serie A. Attualmente i giallorossi si trovano al terzo posto in classifica, a pari punti con il Napoli. Sarà quindi fondamentale per la squadra di Fonseca conquistare una vittoria proprio in vista del big match contro i partenopei, nonostante le pesanti assenze dei tanti giocatori risultati positivi al Covid-19.

Prossimi impegni

Roma-Parma (8° turno di Serie A, 22 novembre ore 15.00, Stadio Olimpico)
Parma-Cosenza (4° turno di Coppa Italia, 25 novembre ore 14.30, Stadio Tardini)
Genoa-Parma (9° turno di Serie A, 30 novembre ore 20.45, Stadio Marassi)
Parma-Benevento (10° turno di Serie A, 6 dicembre ore 15.00, Stadio Tardini)

Come il Parma arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di campionato ha visto il Parma impegnato in casa contro la Fiorentina. Il match andato in scena al Tardini è terminato con un pareggio a reti bianche. Molti dei giocatori che finora si sono dimostrati fondamentali per i gialloblù, come Hernani, Gervinho e Kucka, sono infatti apparsi spenti e poco incisivi nel corso dei 90 minuti. Questo è il secondo pareggio consecutivo per il Parma dopo il pirotecnico 2-2 arrivato contro l’Inter a San Siro, grazie alla doppietta siglata da Gervinho. La squadra di Liverani si trova attualmente al 15° posto in classifica, a quota 6 punti.

Punti di forza e debolezze

In campionato il Parma ha ottenuto una vittoria, 3 pareggi e 3 sconfitte in 7 gare. Con 8 gol messi a segno finora (media di 1.14 a partita), quello gialloblù è il quarto peggior attacco del campionato. Le reti incassate sono state invece 13 (media di 1.86 a partita). Nemmeno i numeri relativi ai tiri effettuati sono positivi: 59 totali (solo il Genoa ha fatto peggio), di cui solo 24 in porta (peggior numero della Serie A). Dati poco incoraggianti anche per quanto riguarda i cross: 26 utili e 27 sbagliati. Male anche il possesso palla: la squadra di Liverani è quartultima con una media pari a 23 minuti a gara, 8 dei quali nella metà campo avversaria (nessuno ha fatto peggio). C’è però anche una nota positiva: con una media di 110.6 km percorsi a partita, è la squadra che corre di più in campionato dopo l’Inter di Antonio Conte. Un’occhiata al cronometro rivela inoltre che il Parma tende ad essere più vulnerabile tra il 15′ e il 30′ e tra il 60′ e il 75′ (31% dei gol subiti), mentre risulta più pericoloso tra il 60′ e il 75′ (38% dei gol realizzati). Buone notizie per la Roma: in trasferta i gialloblù hanno fatto registrare il terzo peggior rendimento in Serie A. Per loro in 3 match ancora nessuna vittoria lontano dal Tardini, dove sono infatti arrivati un pareggio e 2 sconfitte, sono stati messi a segno 5 gol e ne sono stati incassati 9 (media di 0.33 punti a partita). In casa invece hanno collezionato una vittoria, 2 pareggi e una sconfitta, hanno realizzato 3 reti e ne hanno subite 4 (media di 1.25 punti a partita).

I numeri dei singoli: occhi puntati su Gervinho e Kucka

Attualmente i migliori marcatori del Parma sono Hernani e Gervinho, entrambi a quota 2 gol. L’ex giallorosso vanta però la migliore percentuale realizzativa (50%), con 4 tiri effettuati e 2 reti realizzate, entrambe contro l’Inter. L’ivoriano è anche il giocatore che finora ha creato più occasioni da gol (6). Il brasiliano invece ha fatto 2 centri tirando 7 volte (percentuale realizzativa pari al 33%). La Roma dovrà però stare attenta anche ad un altro giocatore: Kucka, che vanta la più alta media di duelli aerei vinti a match (3), ha effettuato più tiri (13 totali, 1.9 a partita) e ha corso più di tutti (media di 11.5 km percorsi a partita) finora. Iacoponi e Alves invece sono i migliori per quanto riguarda la precisione dei passaggi effettuati (87%). Fino a questo momento, in campionato Liverani non ha mai fatto a meno di Hernani, Kucka e Sepe, che ha collezionato 2 clean sheet in 7 match. Se si tiene conto anche del minutaggio di ciascun giocatore, anche Pezzella entra a far parte di questa top 4: tutti hanno infatti disputato almeno 500 minuti nelle ultime 7 gare. Per quanto riguarda invece gli assist, il Parma ha dimostrato di essere una vera cooperativa: 5 passaggi vincenti partiti dai piedi di 5 giocatori diversi.

Le scelte di Liverani per Roma-Parma

Liverani cambia spesso modulo in Serie A, mettendo mano soprattutto a difesa e centrocampo e lasciando invece invariato l’attacco con le due punte. L’assetto più utilizzato in campionato resta però il 4-3-1-2. Per il match contro i giallorossi, il tecnico gialloblù dovrà fare a meno di Mihaila, che si è da poco sottoposto ad un intervento. Ancora in dubbio, ma sulla via del recupero, Busi e Cornelius, tornati parzialmente ad allenarsi con il gruppo. In porta ci sarà Sepe, con Iacoponi, Gagliolo, Bruno Alves e Pezzella a completare il reparto difensivo. A centrocampo spazio a Cyprien, Hernani e Kurtic. Dietro la coppia d’attacco formata da Inglese e l’ex giallorosso Gervinho, ci sarà invece Kucka.

La probabile formazione

PARMA (4-3-1-2): 1 Sepe; 2 Iacoponi, 7 Gagliolo, 22 Bruno Alves, 3 Pezzella; 18 Cyprien, 23 Hernani, 14 Kurtic; 33 Kucka; 45 Inglese, 27 Gervinho.
A disp.: 34 Colombi, 77 Rinaldi, 30 Valenti, 24 Osorio, 4 Balogh, 15 Brugman, 19 Sohm, 8 Grassi, 10 Karamoh, 32 Brunetta, 93 Sprocati, 99 Adorante.
All.: Fabio Liverani

BALLOTTAGGI:-.
IN DUBBIO: 42 Busi (lesione al semitendinoso), 11 Cornelius (lesione al bicipite femorale).
INDISPONIBILI: 28 Mihaila (intervento).
DIFFIDATI:-.
SQUALIFICATI:-.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email