ROMA CSKA SOFIA, L’AVVERSARIA – La Roma deve immediatamente mettersi alle spalle il pirotecnico pareggio arrivato in campionato contro il Milan, perchè questa settimana torna subito l’Europa League. Il prossimo avversario dei giallorossi è il Cska Sofia, che ha da poco esonerato il tecnico Belchev dopo i risultati deludenti ottenuti in Parva Liga e nella competizione europea.

Prossimi impegni

Roma-Cska Sofia (2a giornata della fase a gironi di Europa League, 29 ottobre ore 21.00, Stadio Olimpico)
Cska Sofia-Fc Tsaarsko Selo Sofia (11° turno di Parva Liga, 1 novembre ore 15.45, Stadio dell’Esercito Bulgaro)
Young Boys-Cska Sofia (3a giornata della fase a gironi di Europa League, 5 novembre ore 21.00, Stade de Suisse)
Motana-Cska Sofia (12° turno di Parva Liga, 8 novembre ore 14.00, Ogosta Stadium)

Come il Cska Sofia arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di Parva Liga ha visto il Cska Sofia impegnato in trasferta contro l’Arda Kardzhali. Il primo tempo è terminato a reti inviolate, poi al 72′ i padroni di casa hanno sbloccato il risultato con Kovacev. La reazione dei biancorossi è arrivata 12 minuti dopo, con la rete siglata all’84’ da Sinclair. Il pareggio però non è bastato a salvare la panchina traballante di Belchev, già sconfitto 2-0 al debutto in Europa League contro il Cluj: è stato ufficialmente esonerato subito dopo la gara di campionato. Secondo la stampa bulgara sarà presto rimpiazzato da Zlatomir Zagorcic. In questo momento i biancorossi si trovano attualmente al quinto posto in classifica, a quota 15 punti dopo 10 match.

L’avventura del Cska Sofia in Europa League

Il percorso del Cska Sofia in Europa League quest’anno ha avuto inizio il 27 agosto, con le qualificazioni. Il primo avversario è stato il Sirens, battuto 2-1, poi è stato il turno del Bate Borisov, sconfitto 2-0 e del B36, ko per 3-1. Superato anche l’ostacolo Basilea ai playoff: gli svizzeri hanno perso 3-1 contro i bulgari. La prima sfida della fase a gironi della competizione europea ha poi visto il Cska Sofia impegnato in casa contro il Cluj. Dopo un primo tempo senza gol, gli avversari hanno conquistato la vittoria grazie alle reti di Rondon e Deac. Il club bulgaro si trova quindi all’ultimo posto del gruppo A, a quota zero punti insieme allo Young Boys, dietro a Roma e Cluj.

Il palmares del Cska Sofia e le sue precedenti esperienze in Europa League

Il Cska Sofia gode di una certa fama in patria grazie al suo ricco palmares: 31 campionati bulgari vinti, 20 Coppe di Bulgaria e 4 Supercoppe di Bulgaria (record). Dal 2005/2006 al 2019/2020 ha quasi sempre chiuso la stagione al secondo posto in Parva Liga. Le passate avventure del club bulgaro in Europa League non sono invece state positive: negli ultimi vent’anni ha partecipato alla competizione 15 volte ed è riuscito ad arrivare alla fase a gruppi soltanto in 3 occasioni (stagione 2005/2006, 2009/2010, 2010/2011).

Punti di forza e debolezze

In 10 sfide di Parva Liga per il Cska Sofia sono arrivate 3 vittorie, 6 pareggi e una sconfitta. I gol realizzati finora in Bulgaria sono 15 (media di 1,5 a partita) e quelli subiti 13 (media di 1,3). In Europa League invece, tra preliminari, playoff e fase a gironi, ha ottenuto 4 vittorie e una sconfitta, ha messo a segno 10 reti e ne ha incassate 5. L’ultima vittoria stagionale del club bulgaro risale all’1 ottobre: si tratta della sfida valida per i playoff di Europa League contro il Basilea, sconfitto per 3-1. Da quel momento ha collezionato 3 pareggi in campionato e il ko incassato contro il Cluj nella fase a gironi. Questa appunto la serie di risultati poco esaltanti che hanno spinto la dirigenza a sollevare Belchev dal suo incarico. Un’occhiata al cronometro invece rivela che in Parva Liga la squadra è decisamente più pericolosa nel secondo tempo (79% dei gol realizzati nella ripresa) e più vulnerabile nel primo (69% dei gol subiti). Tendenza confermata in parte anche in Europa League: 7 gol su 10 sono stati messi a segno nella ripresa, mentre i 3 gol incassati sono arrivati tutti nella seconda frazione di gioco.

Il miglior marcatore del Cska Sofia in questa stagione è Ali Sowe, a quota 5 reti (di cui 3 in Europa League) in 12 presenze. Segue Tiago Rodrigues, con 4 gol realizzati (2 in EL) in 12 partite. Nonostante la sconfitta, contro il Cluj si sono distinti Antov (88% di precisione dei passaggi effettuati), Mattheji (4 duelli aerei vinti) e Youga (3 tiri effettuati).

Le scelte del tecnico per Roma-Cska Sofia

Il modulo più utilizzato dal Cska Sofia è il 4-2-3-1, confermato con ogni probabilità anche contro la Roma. In porta ci sarà Busatto, poi difesa a quattro con Vion, Antov, Mattheji e Mazikou. Davanti la coppia formata da Tiago Rodrigues e Youga. Dietro al centravanti Sowe ci saranno invece Sinclair, Sankharé e Yomov.

La probabile formazione

CSKA SOFIA (4-2-3-1): 1 Busatto; 15 Vion, 26 Antov, 2 Mattheij, 18 Mazikou; 20 Tiago Rodrigues, 21 Youga; 24 Sinclair, 13 Sankharé, 30 Yomov; 22 Sowe.
A disp.: 25 Evtimov, 28 Galabov, 3 Geferson, 11 Zanev, 19 Turitsov, 8 Carey, 10 Beltrame, 27 Smolenski, 16 Donchev, 14 Keita, 7 Henrique, 6 Mitkov, 9 Juric, 23 Ahmedov, 17 Yordanov.
All.:-.

BALLOTTAGGI: Yomov-Henrique.
IN DUBBIO:-.
INDISPONIBILI:-.
DIFFIDATI:-.
SQUALIFICATI:-.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email