romanews-roma-napoli-fonseca-sconfitta-delusione
Foto Tedeschi

HIGHLIGHTS LAZIO ROMA – L’unica buona notizia della serata per la Roma è che il derby è finito. Una partita imbarazzante dei giallorossi che perdono 3-0 contro la Lazio. Irriconoscibile la squadra di Fonseca che non è mai stata in partita. Tutto da bocciare. Errori difensivi ingenui, attacco inesistente e neanche l’ombra di una reazione dei giallorossi. La Lazio passa in vantaggio al quarto d’ora a causa di un errore clamoroso di Ibanez che si addormenta e propizia l’1-0 di Immobile. Raddoppio che arriva dieci minuti dopo con Luis Alberto, che approfitta di una nuova disattenzione in copertura di Ibanez e dal limite fulmina Pau Lopez. Stesso copione nel secondo tempo. La Roma non conclude mai in porta e al 67′ è la Lazio a concretizzare. Altro gol di Luis Alberto, simile al primo, e notte fonda per la Roma. E’ qui che termina ufficialmente il derby della Roma, che in realtà non è praticamente mai iniziato. Finisce con un meritato 3-0 per gli uomini di Inzaghi, a cui, fortunatamente, non hanno assistito in prima persona i tifosi giallorossi. Unica, magrissima, consolazione di uno dei peggiori derby della storia romanista degli ultimi anni.

Le scelte di Fonseca

Nessuna sorpresa da parte del tecnico portoghese: confermata in toto la formazione che aveva ben figurato contro l’Inter, strappando un meritatissimo pareggio nel finale dopo essere passata in vantaggio nel primo tempo. Dunque davanti a Pau Lopez, solita difesa a tre composta da Mancini, Smalling e Ibanez, con l’inglese che stringe i denti nonostante il problema alla caviglia che aveva rischiato di mettere a rischio la sua presenza nel derby. Sugli esterni confermati Spinazzola sulla sinistra e Karsdorp, a quota 4 assist in stagione, a destra. Confermatissimo Veretout a centrocampo, vicino a lui quinta consecutiva dal 1′ per l’ormai certezza Gonzalo Villar. In attacco recuperato Pedro che, tuttavia, siede in panchina: a sostegno di Dzeko, Fonseca sceglie nuovamente Pellergini e Mkhitaryan.

Fischio d’inizio di Lazio-Roma

Sotto gli occhi del neo general manager giallorosso, Tiago Pinto, inizia il derby della capitale. Primo pallone giocato subito in profondità da Smalling a cercare la testa di Dzeko. Un contrasto aereo favorisce i giallorossi che ricominciano dalla difesa con un veloce giropalla, orchestrato da Villar che si abbassa tra i due centrali di difesa per costruire. Primi minuti caratterizzati dal costante possesso palla della Roma che, anche in situazioni di pressing alto, non rinuncia a far girare il pallone a terra. Lazio che risponde con l’ormai collaudata soluzione che vede i centrocampisti cercare la corsa di Lazzari. L’esterno, al 4′, riesce a conquistare il fondo dalla destra e cerca Caicedo al centro: anticipato l’ecuadoregno. Come viene anticipato, da Karsdorp, Immobile pochi secondi dopo dall’altra parte del campo: primo corner del match.

Si ‘stappa’ il match: prime chance per Immobile e Mkhitaryan. Ammonito Milinkovic

Ottavo minuto: Immobile lanciato da Luis Alberto sulla sinistra, si accentra e calcia con il piatto destro da ottima posizione all’interno dell’area: blocca Pau Lopez. Dall’altra parte Dzeko serve Mkhitaryan che prova a saltare Luiz Felipe, ultimo uomo rimasto davanti a Reina. Il brasiliano però è rapido e riesce ad intervenire: angolo per la Roma. Pochi minuti dopo ancora Mkhitaryan, il più vivace in questo inizio per i giallorossi, scappa via a Milinkovic che in caduta ‘blocca’ pallone e ripartenza con la mano e viene ammonito.

Pasticcio di Ibanez e Lazio in vantaggio con Immobile

A un minuto dal quarto d’ora la Lazio passa in vantaggio con un clamoroso errore della difesa giallorossa. Follia di Ibanez che, in netto vantaggio su Lazzari, si addormenta e si fa rimontare in area di rigore. Poi nel tentativo di liberare scivola e il pallone carambola sul piede dell’esterno e ritorna al centro dell’area. Immobile è il più rapido di tutti, apre il destro e fulmina Pau Lopez. Incomprensibile dormita del difensore brasiliano e Roma costretta a inseguire.

romanews-roma-roger-ibanez-juventus
Foto Tedeschi

Raddoppio di Luis Alberto: ancora un errore per Ibanez

Nuovo harakiri della Roma che coincide con un altro errore di Ibanez e con il raddoppio immediato della Lazio. Solita trama dei biancocelesti che cercano la velocità di Lazzari sulla destra. L’esterno è più veloce del difensore giallorosso e arriva prima sul pallone, poi scivola (e lo stesso accade a Ibanez), ma trova a rimorchio Luis Alberto. Lo spagnolo di prima, dal vertice destro, incrocia e batte Pau Lopez. 10 minuti terribili della Roma che regala letteralmente il doppio vantaggio alla Lazio. Doppio vantaggio che viene confermato dopo un rapido check al VAR per un potenziale tocco di mano di Lazzari. Duro colpo per la Roma che fatica a reagire nei minuti successivi.

Timida reazione della Roma: ci prova Mkhitaryan

Non arriva la reazione dei giallorossi che faticano ad essere incisivi. Dzeko è stretto dalla morsa di Acerbi e Pellegrini è costretto spesso ad abbassarsi per ricevere il pallone. L’unico realmente pungente è Mkhitaryan che al 33′ raccoglie una sponda di testa di Dzeko e, dal centro dell’area, si gira rapidamente e calcia con il destro. Palla fuori di poco: è la prima vera occasione dei giallorossi, che in precedenza avevano trovato una chance simile per importanza solo al 12′, pochi istanti prima del vantaggio laziale, quando Mancini e Dzeko non erano riusciti a ribattere in rete a pochi passi da Reina.

romanews-roma-henrikh-mkhitaryan-arbitro-juventus
Foto Tedeschi

Ultimi 10 minuti di primo tempo che scorrono tra poche emozioni e molti falli

I primi due ammoniti del match sono entrambi biancocelesti. Dopo Milinkovic, al 20′ è il turno di Radu che falcia Villar e viene ammonito. Dopo il doppio vantaggio laziale cresce la tensione e l’agonismo in campo. A farne le spese è Mancini che viene ammonito, anche se in modo severo, da Orsato per un fallo su Luis Alberto. Due minuti dopo lo strappo centrale di Mkhitaryan, il più attivo dei suoi, viene bloccato da Leiva con un fallo da sanzione…ma non per Orsato. Diverso l’epilogo del fallo di Acerbi su Dzeko a fine primo tempo: stavolta il giallo viene estratto. Secondo centrale ammonito su tre per i biancocelesti. Il primo tempo termina con un calcio di punizione in zona offensiva per la Roma. Il pallone viene deviato in angolo ma non c’è tempo per batterlo: finisce sul risultato di 2-0 a favore della Lazio.

Highlights di Lazio-Roma, il secondo tempo

Secondi 45′ che si aprono con un immediato cambio per Fonseca. Esce Jordan Veretout che lascia il posto a Pedro, al rientro dall’infortunio che lo aveva tenuto fuori nelle ultime gare. Si abbassa sulla linea dei centrocampisti Pellegrini, che agirà da play al fianco di Villar. Subito pericolosa la Lazio con il solito Lazzari che scappa via di nuovo a Ibanez, rientra e poi serve a rimorchio Caicedo. Contatto con Smalling che fa infuriare l’ecuadoregno ma per Orsato si può proseguire.

Un’ora di gioco: occasione per Milinkovic e secondo cambio per Fonseca

Roma imbottigliata e lenta, non riesce a impensierire la Lazio che anzi si ripresenta in attacco con Milinkovic che calcia a botta sicura al volo: para in tuffo Pau Lopez. Pochi secondi dopo Fonseca cambia definitivamente l’asse centrale del centrocampo e dopo Veretout sostituisce anche Villar. Al suo posto entra Cristante.

Primi gialli del secondo tempo: ammoniti Smalling, Luiz Felipe e Leiva

In un match che non cambia, e vede la Lazio palesemente migliore dal punto di vista fisico e atletico, arrivano i primi gialli del secondo tempo. Prima Smalling, in ritardo su Milinkovic e poi Luiz Felipe che stende Dzeko: terzo ammonito su tre per i centrali biancocelesti. Due quelli giallorossi con Mancini (che era diffidato e salterà la prossima) e Smalling sul taccuino di Orsato. Nel frattempo Sono Immobile e Caicedo a sfiorare il tris. Prima l’ecuadoregno, con un rimpallo da pochi passi, non riesce a superare Lopez. Poi Immobile, in diagonale, impegna il portiere spagnolo che sfodera un’ottima parata. Roma non pervenuta: nessuna reazione dei giallorossi.

Tris della Lazio: doppietta di Luis Alberto

Imbarazzante il derby della Roma che ora assume tratti drammatici. Luis Alberto raccoglie dal limite e a giro batte Pau Lopez. Doppietta per lo spagnolo che mette un’ipoteca enorme sul match.

Doppio cambio di Fonseca: entrano Mayoral e Bruno Peres

Al 70′ Fonseca gioca la carta della disperazione con un doppio cambio: dentro Borja Mayoral e Bruno Peres al posto di Mancini e Spinazzola. Intanto Pedro, subentrato a inizio secondo tempo, viene ammonito per un duro fallo su Marusic.

Dzeko fallisce da due passi: la prova finale di una serata da dimenticare

Non è serata e l’esempio lampante è l’occasione di Dzeko all’85’, praticamente l’unica della serata per la Roma, che da pochi passi non riesce a spingere in porta e dà gloria anche a Reina che si oppone.

Dopo sei, inutili, minuti di recupero finisce il match

Si chiude uno dei peggiori derby mai giocati dalla Roma dopo sei minuti di recupero. Fonseca fallisce ancora l’appuntamento con la vittoria in un big match ma a preoccupare, oltre alla sconfitta, è l’atteggiamento totalmente passivo dei giallorossi. L’obiettivo ora è resettare il tutto e pensare al doppio impegno contro lo Spezia, in Coppa Italia prima e campionato poi.

Pietro Mecozzi

Print Friendly, PDF & Email