NEWS DELLA GIORNATA – E’ iniziata oggi la settimana che condurrà al debutto in campionato della nuova Roma di Luis Enrique. Domenica prossima i giallorossi ospiteranno all’Olimpico il Cagliari (calcio d’inizio,ore 15). La gara si giocherà. Non ci sono più dubbi dopo che oggi è arrivata la tanto attesa firma sul contratto collettivo dei calciatori da parte di Aic e Lega. Si candida per una maglia da titolare contro i rossoblu Fernando Gago, neoacquisto della Roma che oggi si è presentato alla stampa.

CONFERENZA STAMPA
(GUARDA LA FOTONOTIZIA) – Il regista della Nazionale argentina, che prenderà il numero 19, ha rilasciato oggi ai cronisti le prime parole da giocatore giallorosso, mostrando subito di avere le idee chiare: “Ho scelto la Roma per Baldini che mi aveva voluto anche al Real Madrid, ma soprattutto perché questo progetto mi entusiasma. Sono qui per guadagnarmi il posto. Gli obiettivi? E’ prematuro parlarne, ma come giocatori e come club dobbiamo ambire all’obiettivo massimo”. A proposito di un presunto dualismo con De Rossi: “Possiamo coesistere, io sono in grado di ricoprire tutti i ruoli del centrocampo. Con l’Argentina ho giocato sia in posizione avanzata che arretrata”. Non poteva mancare una considerazione su Francesco Totti, che Gago considera un ‘simbolo’ ed un ‘esempio da seguire per i giovani e per i nuovi arrivati come me’. Nessun messaggio particolare da rivolgere al suo ex allenatore Mourinho: “Non ho avuto problemi personali con lui. Non credo che mi abbia fatto fuori per quella dichiarazione sul Barcellona. La mia ultima stagione è stata condizionata solo dal mio infortunio. Ora sto bene’ Un’ultima battuta, benaugurante, sui derby: “Ne ho giocati tanti in Argentina e ho un saldo estremamente positivo”.

CASO TOTTI – Continua intanto a tenere banco in casa Roma la presunta ‘guerra fredda’ tra Francesco Totti e la dirigenza. Dopo le parole molto esplicite di Walter Sabatini sul nuovo ruolo del capitano (“Deve vivere in modo diverso le esclusioni. Può essere utile anche giocando meno“), ci sarebbe stato oggi un colloquio chiarificatore a Trigoria proprio tra il direttore sportivo e il numero 10 giallorosso. L’incontro è stato poi smentito in serata. Intanto dal mondo del calcio si sono susseguiti anche oggi commenti contrastanti sulla vicenda. Dalla Spagna ad esempio sono piovute critiche verso l’atteggiamento del giocatore, paragonato addirittura a Nerone e considerato come un limite alla crescita del progetto di Luis Enrique. Dalla parte di Totti si sono invece schierati tanti personaggi autorevoli, su tutti l’allenatore del Manchester United Alex Ferguson, Alessandro Del Piero e Vincent Candela. A tentare di ridimensionare il caso è intervenuto  il responsabile comunicazione dell’As Roma, Daniele Lo Monaco: “Sulle dichiarazioni di Baldini si è estrapolato solo il ‘pigro’ e si è creato intorno a quell’aggettivo un caso che non esiste”. A proposito delle esclusioni del capitano, spiega Lo Monaco, “Luis Enrique ha già dato spiegazioni a Totti e se ne frega di darle all’esterno”. In ogni caso l’addetto alla comunicazione si dice convinto che il capitano giallorosso “si appresta a vivere la sua più bella stagione da professionista”.

VERSO IL CAGLIARI – Polemiche a parte, domenica contro il Cagliari Francesco Totti dovrebbe riprendersi il suo posto al centro di un attacco composto anche da Osvaldo e Bojan. Il tridente è stato provato anche oggi in allenamento da Luis Enrique. Dopo i due giorni di riposo concessi dal tecnico, la squadra si è ritrovata nel pomeriggio sui campi di Trigoria per iniziare a preparare il match dell’Olimpico. Non hanno preso parte alla seduta gli infortunati Cicinho e Pizarro, entrambi alle prese con problemi muscolari; per il cileno solo lavoro differenziato. Assenti anche i giovani Verre e Caprari, mentre Lamela ha svolto terapia alla caviglia infortunata nel Mondiale Under 20. Rientreranno giovedì, infine, i nazionali: Stekelenburg, Burdisso, De Rossi, Kjaer, Pjanic, Viviani e Borini. In allenamento Luis Enrique ha insistito sul possesso palla a due tocchi, che terminava con cross e tiro in porta, e ha parlato spesso con i giocatori, dando loro consigli e incitandoli. Qualche minuto di colloquio anche con Francesco Totti per il tecnico asturiano, esaltato anche oggi dal suo pupillo, Bojan Krkic. Il giovane attaccante, intervenuto ad una radio catalana, ha infatti tessuto gli elogi del suo allenatore, che “sta cercando di portare avanti una rivoluzione nel calcio italiano“. Riguardo il suo primo mese e mezzo in maglia giallorossa, il gioiello spagnolo si è espresso così: ‘A Roma ho ritrovato il sorriso’.

Federico Antonio Petitto

Print Friendly, PDF & Email