Foto Tedeschi

FRIEDKIN ROMA ZANIOLO PELLEGRINI – Ieri sarebbe andato in scena un vertice con la nuova proprietà alla presenza del Ceo Guido Fienga. A quanto riferisce Radio Radio, trapelano alcune indiscrezioni. I primi verdetti dell’era Friedkin riguardano infatti il calciomercato, e in particolare due giovani calciatori. Nicolò Zaniolo e Lorenzo Pellegrini sono stati dichiarati incedibili. Le punte di diamante della rosa giallorossa saranno infatti i pilastri da cui ripartire e sui quali costruire la Roma del futuro.

Print Friendly, PDF & Email

17 Commenti

  1. A parte che Zaniolo e Pellegrini assieme a Calafiori e Florenzi devono rimanere, la cosa raccapricciante è che Fienga sta ancora a Trigoria. Speriamo bene dopo il 15 Agosto…P.V.

  2. Sono ovviamente chiacchiere senza fondamento…se non lo fossero sarebbe grave.
    Pellegrini non e’ il pilastro di niente. Ma proprio niente.

    Certo che deve essere bello fare il calciatore professionista, profumatamente pagato e idolatrato a prescindere, quando non sai calciare, tiri calci d’angolo e punizioni che nemmeno i bambini dei pulcini, stoppi la palla “a inseguire” sempre a un metro dal piede, e hai la personalita’ e la voglia di vincere di un bradipo mentre fa la siesta…

  3. Prima tutti a lamentarsi perchè la Roma di Pallotta vendeva tutti, adesso dicono Zaniolo e Pellegrini non si vendono e giù addosso a Pellegrini, aspettiamo a giudicare e criticare, per adesso se la Roma non è più un supermarket del calcio italiano e non ci trattano più da straccioni è già una buona notizia, per il resto staremo a vedere

    • Il problema era che la Roma di Pallotta vendeva quelli buoni…Quelli scarsi sono rimasti tutti sul libro paga.
      Ci vorrebbe una bella ripulita, il problema e’ chi se li compra.
      Su Pellegrini, non e’ una cosa di adesso. E’ un anno che fa pena e secondo me avere la piazza che continua a definirlo un campione, il “centro del progetto”, il “pilastro” ecc. gli fa malissimo psicologicamente e lo ha reso anche piu’ limitato ed insicuro di quello che gia’ era.

      • Pellegrini ha fatto una stagione negativa e credo sia lui il primo a saperlo, per indossare la maglia della Roma ci vuole personalità, le critiche anche feroci sono all’ordine del giorno, era così anche in passato ad esempio con Voeller il primo anno (solo 3 gol) oppure Tommasi e Delvecchio ritenuti non all’altezza e contestati dalla piazza con Supermarco che ad ogni gol faceva il gesto di portare le mani alle orecchie per dire adesso fischiate! Dico questo perchè a Roma si fa presto a dare la patente sia del campione che del bidone, ma tornando a quanto ho scritto in precedenza il fatto positivo è che il supermarket As Roma è chiuso poi aspettiamo a guidicare senza firmare cambiali in bianco a nessuno, e di tutti i giocatori che devono essere ceduti non metterei Lorenzo Pellegrini primo della lista

  4. Sono perfettamente d’accordo, cominciamo male, Pellegrini un pilastro AH!AH!AH!
    Non sa battere nemmeno i calci d’angolo, lasciamo perdere le punizioni e gioca una partita buona ogni 10.
    Ma fatemi il piacere, poi è talmente forte che nessuno paga la clausola, come mai?

Comments are closed.