Foto Tedeschi

ROMA PARMA INTERVISTA FONSECA – L’intervista del tecnico portoghese Paulo Fonseca nel post partita di Roma-Parma, match valido per l’ottava giornata del campionato di Serie A.

Fonseca a Sky Sport

Una Roma che ha dominato e dato spettacolo, diamo un 8 in pagella?
Si, abbiamo fatto un’ottima partita, principalmente nel primo tempo che abbiamo fatto tre gol e potevamo fare di più. La squadra ha avuto molti momenti. Il secondo tempo abbiamo gestito.

Tanti giocatori rivalutati, una classifica di alto profilo, si stanno facendo valutazioni sul suo futuro?
Non è una situazione che dipende da me, ma non sono preoccupato di questa questione. Sono concentrato sul lavoro e sulle partite. Sono soddisfatto perché la squadra vince e gioca bene, è questo l’importante. L’importante è la Roma, fare partite come quella di oggi. questo è importante per noi.

Si aspettava un Mkhitaryan così a questi livelli?
Come ho detto sempre è un giocatore intelligente, un grande professionista che può giocare in tante posizioni e l’atteggiamento che è un esempio. Non mi sorprende quello che sta facendo.

Si aspettava risposte offensive cosi decise anche senza Dzeko?
Dzeko è molto importante per noi, come Smalling e Pellegrini, ma quello che è importante è aver cambiato giocatori ma nona ver cambiato identità. E oggi abbiamo fatto una buona partita.

Mayoral deve entrare di più nella manovra?
Ha fatto una buona partita, sempre decisioni giuste. Un gol con un buon movimento, sta crescendo ed è in fiducia.

Fonseca a Roma Tv

Dopo la sosta è arrivato un primo tempo e una gara al limite della perfezione: quanto è importante una partita del genere dopo solo 24 giorni di allenamento?
E’ molto importante, anche perché non abbiamo avuto giocatori importanti queste due settimane, come Dzeko, Smalling e Pellegrini. Per una settimana abbiamo fatto solo lavoro individuale. Avere una partita così è importante perché rafforza l’identità della squadra, abbiamo cambiato giocatori ma l’identità no. Sono molto soddisfatto di questa grandissima partita.

Più felici per i tanti gol fatti o per la solidità in difesa?
Tutti e due. Per me è sempre importante non prendere gol. Il Parma ha fatto solo un tiro in porta. Importante mantenere questa sicurezza difensiva e creare situazioni da gol. Oggi abbiamo fatto tre gol ma abbiamo creato situazioni per farne di più. Questo equilibrio è importantissimo: avere equilibrio, ambizione e aggressività offensiva.

Molte assenze, ma chi subentra mantiene un ritmo alto. Mayoral oggi ha fatto un grande lavoro come sponda e nel gioco in profondità…
Borja ha bisogno di tempo per adattarsi al calcio italiano, è un giovane che vuole migliorare. Negli ultimi tempi ha acquistato più fiducia, sta lavorando bene e capendo il nostro modo di giocare. Oggi ha fatto una bellissima partita, nell’altra anche ha giocato bene, non ha segnato ma ha fatto bene. Oggi ha fatto un buon gol e ha giocato bene.

Squadra matura che sa leggere e gestire le partite, dove si può ancora migliorare?
Abbiamo sempre cose da migliorare, dopo creare tante situazioni dobbiamo migliorare le ultime decisioni, la finalizzazione. Ma la squadra sta giocando in modo molto positiva, sempre compatta e scegliendo bene i momenti di pressing. E’ uscita sempre veloce, creando situazioni. Dobbiamo fare più gol.

Fonseca in conferenza stampa

Le seconde linee le hanno dato la risposta che voleva?
“Per me è molto importante sentire che tutti i giocatori sono pronti per giocare. Con tanti problemi che abbiamo avuto era importante che questi calciatori facessero questo tipo di partita”.

Su Villar
“Ha fatto una buona partita. E’ un centrocampista che ha coraggio nell’uscire dalla pressione. Deve migliorare difensivamente, ma sta crescendo”.

Con il punto di Verona la Roma sarebbe prima, è un caso che la squadra si trovi li?
“Quello che è importante è che sono soddisfatto della prestazione della squadra. Dobbiamo pensare a far crescere la squadra. Pensiamo solo alla prossima partita e non alla classifica. Ora è importante riflettere sul nostro lavoro”.

Cosa pensa della Serie A?
“Tutti noi in Europa sappiamo che la Serie A è molto difficile e lo sto provando. Dal punto di vista tattico è un campionato esigente. Tutti gli allenatori sono ben preparati e le squadre sono tutte forti. Mi aspettavo fosse così, anche se giochiamo con l’ultima è sempre complicato. E’ un campionato anche con bellissimi giocatori”.

Rispetto a un anno fa il tasso tecnico della Roma è migliorato?
“Sì, qui sono tutti titolari. Per me quello che è importante è confermare l’identità della squadra. Se succede sono soddisfatto”.

Cosa si dice in Portogallo di Tiago Pinto?
“Tutti noi portoghesi sappiamo del lavoro di Tiago. Tutti sanno che è un grande professionista e ha fatto un grande lavoro al Benfica. Siamo soddisfatti di averlo”.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here