Foto Tedeschi

ATALANTA ROMA CONFERENZA FONSECA – Domani alle ore 18.00 la Roma affronterà l’Atalanta al Gewiss Stadium. Un altro importante esame di maturità per la squadra di Fonseca, che oggi interviene in conferenza da Trigoria per rispondere alle domande della stampa alla viglia del match.

La conferenza stampa

Sky: la Roma è la squadra che ha recuperato meno tra un impegno e l’altro, farà dei cambi? Delle scelte legate al recupero?
E’ vero che il tempo di recupero non è molto. Farò due o tre cambi, non di più. Non voglio cambiare molto in questo momento in cui la squadra sta bene.

Striscia negativa della Roma contro l’Atalanta, che non vince dal 2017. Ha sofferto molto la sua fisicità, lei che risposta ha in mente? Tecnica o fisica?
Questa è una partita diversa, contro un avversario diverso, molto forte fisicamente nei duelli individuali. Non abbiamo molto tempo per pensare, vediamo domani. Può giocare Villar, Cristante o altri giocatori, ma sceglierò in funzione della strategia e della partita.

La Gazzetta dello Sport: per lo scudetto c’è anche la Roma?
Siamo a dicembre, tutte le squadre sono molto vicine e possono arrivare ai primi quattro posti. Vogliamo fare meglio della scorsa stagione e significa finire tra i primi quattro. Siamo a dicembre, è molto presto per parlare di altre ambizioni.

Il Romanista: Preferiva quando la davano in bilico e la Roma non era considerata oppure ora che la Roma è considerata per lo scudetto?
Voglio essere sempre equilibrato, che la squadra sia equilibrata. In questo momento non cambia niente. Quando vinciamo non siamo i migliori del mondo e quando perdiamo non siamo i peggiori del mondo. Dobbiamo sempre essere equilibrati.

Corriere dello Sport: Pedro è stato uno dei migliori a inizio stagione, ma ultimamente è sembrato appannato. A Bergamo può tornare protagonista?
Pedro continua molto bene, continua ad essere un giocatore molto importante per la nostra squadra. Vediamo domani se sarà una soluzione per l’inizio.

Il Tempo: Dzeko ha segnato 4 gol in 9 partite di campionato, si aspetta di più da lui?
Dzeko sta molto bene, sta lavorando molto bene. E’ un giocatore di squadra, fa un lavoro molto importante per la squadra. Ha segnato 4 gol, ma ha partecipato a tanti altri gol, lavorando sempre molto bene per la squadra. Per me è questo l’importante.

ReteSport: Domani giocherà Mirante o confermerà Pau Lopez?
Ho già fatto la mia scelta, ma dovrete aspettare domani per vedere.

TeleRadioStereo: dopo 12 giornate la Roma ha solo tre punti in più rispetto alla scorsa stagione, eppure la squadra sembra molto più solida. Cosa è cambiato?
Abbiamo un anno e mezzo insieme, è normale che la squadra sia più forte. Sono arrivati giocatori che hanno trasformato la squadra, rendendola più forte. E’ normale che sia così con più tempo di lavoro e una conoscenza migliore da parte di tutto riguardo a quello che vogliamo fare.

Centro Suono Sport: Chiederà ai suoi centrali di andare a sfidare la pressione individuale avversaria già dall’inizio dell’azione? Può generare equivoci nella fase difensiva dell’Atalanta?
E’ una partita diversa, con un avversario con un modo di giocare diverso, ma non cambiamo la nostra identità. Prepariamo strategicamente una partita che è diversa. Non cambiano le nostre intenzioni e la nostra identità, ma la strategia in funzione dell’avversario.

Roma TV: Quanto è importante il test con l’Atalanta per capire crescita e ambizioni del gruppo?
È sempre una squadra difficile da affrontare, è molto forte, ma per noi è un’altra partita che vogliamo vincere. Non cambia niente, solo le caratteristiche della partita ma la nostra ambizione è la stessa, vincere domani.

Roma Radio: L’Atalanta si è normalizzata o la Roma è migliorata dal punto di vista fisico?
L’Atalanta continua molto forte come abbiamo visto nelle ultime partite. E’ una partita molto fisica, ma anche noi siamo più forti fisicamente.

FINE

Print Friendly, PDF & Email