FONSECA CONFERENZA – Oggi Fonseca ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida di domani contro il Verona. Dalla formazione al mercato, ecco tutti gli argomenti trattati dal tecnico della Roma.

Sul Verona

Devo capire che giocare contro squadre come il Verona è difficile e particolare. È difficile fare il nostro gioco con una squadra che marca a uomo. La scorsa stagione abbiamo fatto due buone gare contro di loro. Ho visto squadre avere molte difficoltà nell’avere palla contro il Verona. Dobbiamo uscire veloci quando recuperiamo palla, loro sono molto forti nel riaggredire l’avversario dopo aver perso il pallone.

Sulla formazione

Siamo pronti per giocare sia con difesa a tre che a 4. E anche ad iniziare con uno e poi cambiare. Vediamo domani. Il centravanti vediamo. Kumbulla è arrivato solo ieri, sarà con noi alla partita ma non è pronto per iniziare credo. Deve capire come giochiamo, non abbiamo avuto tempo per allenarci, è un modo diverso rispetto a Verona. Sono soddisfatto. Mi sembra un ragazzo intelligente, gli ho parlato. Pau Lopez o Mirante, vediamo domani.

Su Dzeko e Smalling

Dzeko è con noi ora, non ha senso parlare di mercato ora. Dzeko giocherà con noi domani e sarà a disposizione della squadra. Smalling? Ieri ho parlato con lui, vuole tornare. E noi lo vogliamo qui, quindi penso che nei prossimi giorni potrebbe tornare

Sul mercato e sul futuro

Non è un mercato facile. Stiamo lavorando con Fienga e il presidente per trovare le soluzioni migliori. Mancano alcuni giocatori, alcuni sono in uscita. Ma sono soddisfatto del nostro lavoro. Sono d’accordo a puntare su calciatori giovani. Abbiamo però anche giocatori d’esperienza e possiamo fare un mix. A me piace questo progetto di avere calciatori giovani.

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. Per come si è esposto su Smalling è fatta ed a questo punto il discorso difensori centrali è terminato (e pure più che bene mi pare). Ora per tornare competitivi manca:
    – Un portiere
    – Assolutamente un terzino destro (priorità assoluta direi).
    – Un bel centrocampista per far sparire cristantemo (Torreira o uno con caratteristiche analoghe, che mancano, sarebbe l’ideale).
    Sul discorso Milik vada controcorrente è dico che è vero che Dzeko è più forte in assoluto ma il polacco è superiore nella finalizzazione e nel senso del gol: in una squadra che fa gioco per servire le punte (e non fa giocare il centravanti al servizio della squadra) è Milik quello che ti serve e non Dzeko.
    Che poi Fonseca sia in grado di mettere in atto una cosa del genere ho i miei dubbi, ma questo è un altro discorso.
    Insomma possiamo tornare forti se non immediatamente nel giro di 2-3 sessioni di mercato. Questo a patto che Friedkin non si metta poi a plusvalenzare come pallotta.
    Ma siccome, allo stato attuale, non c’è niente che lo faccia pensare chi non ci crede e non lo sostiene è un amico del maiale.

  2. Io non sono positivo come te, che lui voglia Smalling allo spasimo è sicuro, come lo vogliamo tutti noi ma che poi arrivi davvero è tutto da vedere. Il portiere mi sento di scartarlo, non faranno operazioni in quel reparto secondo me, Mirante titolare saremmo più che a posto, importante è avere un ottima difesa per far lavorare il portiere il meno possibile e quando gli capita Mirante sarebbe una sicurezza. Dzeko-Milik? Torreira? Mmmmhhh……. non so perchè ma ho dubbi

  3. La fascia destra ragazzi e’ da lega pro non ci prendiamo in giro, il portiere anche secondo me non faranmo niente purtroppo, centrocampo Torreira per Cristante sarebbe buono ma Fonseca stravede per lui aripurtroppo, in attacco Milik gioca piu’ per far goal che per la squadra vedremo se Fonseca sara’ bravo a far giocare la Roma, Niki sara’ fondamentale sara’ lui che cucira’ il gioco e penso che qua in Italia lo possa fare discretamente bene

  4. Non ho capito perché non è stato ceduto Pellegrini e preso Tonali. Spero che Dzeko rimanga unico campione che ha la Roma. Venderlo è l’ennesima sciocchezze fatta dalla dirigenza della Roma. Incapaci

  5. 1. Vendere Dzeko alla Juve é un crimine. L’antitesi assoluta della natura romanista. 2 Fonseca sa che cosa è marcare a uomo? Significa seguire dappertutto l’attaccante, come difensore (Gentile su Maradona, Brio su Pruzzo, ad esempio). Il Verona marca a zona, solo che stringono le marcature sui riferimenti, come fa l’Atalanta. È un modo di giocare a zona.

  6. Perché mi censurano? Fa sorridere che qualunque opinione esprima venga cestinata, fortuna che c’è la libertà di pensiero e parola

  7. Fonseca Non sa allenare ed è con una rosa non All altezza del quarto posto, a mio avviso. Fascia destra senza terzino, portiere non pervenuto, centro campo corto e con cristante, manca una punta che sia all altezza della prima

Comments are closed.