romanews-roma-napoli-san-paolo-paulo-fonseca
Foto Tedeschi

EDITORIALE – Crisi nera per la Roma che dopo Milan e Udinese si arrende anche al Napoli. E’ la seconda volta in questa stagione che la squadra di Paulo Fonseca perde tre partite consecutive, evento che non gli accadeva nel corso dello stesso campionato dalla stagione 2004/05, quella dei 4 allenatori (Cesare Prandelli, Rudi Völler, Luigi Delneri, Bruno Conti). Il ko con i partenopei costa ai giallorossi anche l’aggancio al quinto posto in classifica e ora ora dovranno guardarsi le spalle anche dalla risalita del Milan, distante solo due punti. Una beffa nella beffa visto che la prova offerta da Dzeko e compagni è stata più confortante di quella scialba dell’Olimpico con l’Udinese.  

Mal di trasferta e poco coraggio

Il capitano è stato lasciato in panchina, in attesa di tempi migliori. “Era stanco” ha spiegato Paulo Fonseca dopo il match. SUna sola vittoria lontana dall’Olimpico nelle ultime sette partite in tutte le competizioni, il 4-3 a Cagliari dello scorso 1 marzo, 24 punti in 15 gare (7 successi, 3 pari e 5 sconfitte): i mali della Roma cominciano in trasferta. Fonseca lo sa e deve apportare i dovuti accorgimenti per presentare un gruppo meno timoroso di quello visto al cospetto dei ragazzi di Gattuso. Poco coraggiosi gli Zappacosta e gli Spinazzola, troppo conservativa la scelta del tecnico di giocarsi l’ultima parte di gara con Cristante al posto di Pellegrini (a proposito, chi ha visto Lorenzo?). I giallorossi si svegliano solo quando vanno sotto nel risultato, dopo aver chiuso per la quarta volta dalla ripresa del campionato il primo tempo senza riuscire a segnare un gol.

Le note liete non risparmieranno Fonseca

Le uniche note liete della serataccia del San Paolo sono senza dubbio il ritorno in campo di Pau Lopez, che ha recuperato a pieno dall’infortunio alla mano e con i suoi interventi è stato di gran lunga il migliore in campo assieme al marcatore di giornata Mkhitaryan, e il rientro di Nicolò Zaniolo, subentrato al 66′, a distanza di oltre sei mesi dall’infortunio al ginocchio con la Juventus. Con il quarto posto ormai imprendibile a 15 lunghezze di distanza, ripartirà però di nuovo il processo a Fonseca. Il patron Pallotta avrà ancora la convinzione di sedare gli umori della piazza giallorossa?

GSpin

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

Comments are closed.