SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “Mi ha sorpreso ciò che ha detto Fonseca su Carles Perez. Non capisco come si possa preferire l’attuale Under allo spagnolo. Mi sembra uno molto ricettivo, non credo che abbia bisogno di chissà quanto tempo per ambientarsi. Parliamo di uno che ha giocato con il Barcellona in Champions… Mi aspetto che domani la Roma reagisca, anche attraverso una prestazione di fatica e umiltà. Non bisogna per forza cercare il fraseggio, anche la palla lunga ogni tanto va bene. Spero che basti Mancini a centrocampo per ridare più equilibrio alla Roma”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “La qualificazione in Champions abbinata all’arrivo della nuova proprietà spero possa riconsegnarci presto una grande Roma. Sullo sfondo di tutto questo rifletto anche sul fatto che questa squadra, rappresentata da oltre 3 milioni di tifosi in tutto il mondo, giocherà domani una ‘finale’ per un quarto posto a Bergamo contro l’Atalanta, non per la vittoria di un titolo, in una vigilia che vede i giallorossi sulla carta sfavoriti. Questo è quello a cui c’ha portato il processo di ‘Romettizzazione’ avviato da questa società. Non è stata solo ridimensionata la cifra tecnica della squadra ma soprattutto il pensiero filosofico di un’intera tifoseria, che anni fa non avrebbe mai pervaso la stessa”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Chi guarda Atalanta-Roma in maniera distaccata, da semplice osservatore vede da una parte un club che in questi anni dalla dimensione provinciale e la lotta salvezza, si sta consolidando nell’emisfero più nobile del nostro calcio; dall’altra una società che ha avvilito se stessa, ridimensionando il proprio progetto sportivo, con errori gestionali, finanziari, dirigenziali e tecnici ormai pacifici. L’augurio è che l’arrivo della nuova proprietà, al netto dell’infelice battuta di Petrachi, generi un reale cambiamento gestionale, perché serve un concreto cambio di marcia in diversi settori. Sono convinto che Fonseca abbia preparato al 150% questa sfida, poi la resa in campo dipenderà tanto da alcuni singoli. La scelta dei giocatori d’esperienza può pagare, se fisicamente saranno in grado di reggere l’urto nerazzurro”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Partita difficile. L’unico dubbio che ho è sulla fascia destra. Mkhitaryan giocherà, è un giocatore di livello internazionale. Io giocherei con i veterani e non con i ragazzini. Metterei Perotti. Io non penso che Fazio sia diventato più scarso di Cetin, è stato due anni titolare alla Roma“.

Xavier Jacobelli a Radio Radio Pomeriggio: “Non mi stupiscono le parole di Gasperini, questa è la sua filosofia. Dietro l’angolo c’è il Valencia, siamo abituati a questa Atalanta con vittorie e risultati prestigiosi. Non hanno nessuno infortunato, secondo me Gasperini non farà turnover. Una vittoria della Roma riaprirebbe la qualificazione alla Champions. Non sottovaluterei Malinovsky, sta diventando decisivo“.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “L’Atalanta qualche volta si addormenta, ma è una delizia guardarla giocare. Ti schianta, ha dei giocatori incredibili come Ilicic“.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Partita molto molto complicata, l’Atalanta con le grandi squadre si esalta. Il pareggio per la Roma sarebbe un ottimo risultato. Se perdi al 90% sei fuori dalla Champions League, a meno 6 diventerebbe un’impresa. La Roma deve giocare per portare a casa mai come questa volta il pareggio“.

Marione a Centro Suono Sport: “C’è molta confusione su tutto, sui giocatori, sullo stadio, su Friedkin, non c’è nulla di sicuro. Atalanta? Malinovskyi me lo prenderei, è giovane e forte”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Un’altra sconfitta aprirebbe una crisi di proporzioni grandi. Verrebbe meno l’obiettivo principale, ci sarebbe un danno economico incredibile da aggiungere a quello tecnico. Un pareggio sarebbe prezioso, ma si aggraverebbe ulteriormente la posizione di Fonseca che sembra nel pallone”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio Mattino: “L’Atalanta sta molto bene, Gasperini ha l’imbarazzo della scelta, soprattutto per quanto riguarda l’attacco. Cerca di smentire gli ultimi due risultati interni, è consapevole che questo sia una spareggio per la Champions. La Roma sa quanto è importante questa sfida”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Le ultime sono state troppo negative e hanno indotto l’allenatore a pensare a qualcosa di diverso. Bisogna fare qualcosa, provare. Ci vorrà una prestazione come quella del derby, con personalità e coraggio. Non sarà facile contro l’Atalanta, ma bisogna dare un segnale”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Partita difficilissima, la Roma è in emergenza e l’Atalanta ha il vento in poppa. E’ giusto che la Roma cambi tutto, gli ultimi risultati sono troppo negativi. E’ una partita che va affrontata nella maniera più incredibile possibile, ma un pareggio può essere anche un buon risultato”.

Stefano Agresti a Radio Radio Mattino: “In questo momento tra le due c’è una differenza di qualità, di convinzione. L’Atalanta adesso è favorita in modo netto, giusto che Fonseca se la giochi diversamente. E’ una partita che può diventare molto complicata. L’Atalanta quando parte è difficile da arginare per tutti. Un pareggio sarebbe un risultato eccellente”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “4-1-4-1? Mi fa ridere, è 4-2-3-1 e basta. Può essere che Fonseca abbia provato dei movimenti diversi, ma anche con Mancini a centrocampo era sempre 4-2-3-1. Giocano Mancini e Veretout davanti alla difesa, il 4-2-3-1 ci sarà anche a Bergamo, non ci sono dubbi. Non credo che oggi Fonseca ne parlerà in conferenza stampa. Rischia di essere una partita molto nervosa, giocata sui nervi. Sarà la solita Atalanta, Gasperini ha un’occasione clamorosa per mettere al riparo il quarto posto. Purtroppo la Roma viene da un inizio di 2020 disastroso, è in una posizione delicata. Se vinci ti rilanci e diventi la favorita per il quarto posto. Una sconfitta a Bergamo non dovrebbe essere infamante, ma la Roma è chiamata ad una prova d’orgoglio”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “La Roma deve tenere quelli bravi, ma se poi arrivano offerte importanti e li vende non ci possiamo fare niente… La Roma sembra molto cambiata per evitare il cappotto”.

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “Il mio pronostico per Atalanta-Roma? Vince l’Atalanta”.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “Il banco di prova più importante sarà per Petrachi che l’altro giorno non mi è piaciuto per niente. Il test di domani non è proprio il migliore per recuperare la sufficienza. Non credo molto in Peres, piuttosto in Perez”.

Sandro Bersani a Centro Suono Sport: “In questo momento la società non esiste, siamo in interregno e regna il nulla. Ora è tutta fuffa, finché non arriva il closing meglio tacere. I giocatori non si sentono più legati a questa squadra perché sanno che dopo due anni vanno via”.

Roberta Pedrelli a Centro Suono Sport: “Ogni anno si vendono i giocatori e poi si riparte daccapo, senza mai garantire la continuità. Se Petrachi era già in bilico, perché è andato a mettersi in una posizione ancora più scomoda con la società”.

Print Friendly, PDF & Email

9 Commenti

    • C’è un ossessione nel criticare, buttare veleno. Si continua a creare fuori dal rettangolo di gioco, un clima ostile attorno a tutto il mondo Roma. Qualcuno, visti e considerati i trascorsi personali, è palesemente in malafede e sparge in maniera interessata. Ancora tocca leggere certi nomi. Incredibile. Senza la Roma da criticare, starebbero per strada.

  1. Sicuramente la partita non è facile. Anzi!!! Comunque la Toma ha buone possibilità se entra con la giusta concentrazione e sopratutto intensità agonistica che è data dalla condizione fisica, purtroppo ci questi tempi molto precaria. Il gioco deve essere molto corto ed accorto in difesa con veloci ripartenze ad un tocco e rapide verticalizzazioni sulle nostre fasce.

  2. Perez è un vero campione.
    Ve lo dico adesso prima che esploda e prima che tutti poi lo
    osannino.
    Dopo è sempre facile salire sul carro del vincitore.
    Un altro ottimo giocatore della Roma è Diawara. Lo seguo dai dai tempi del Bologna. Parla poco e fa i fatti sopratutto in campo. In ogni partita che ha giocato ha recuperato almeno due o tre situazioni di goal di avversari. Passate inosservate ma molto efficaci.

    • Ha fatto più danni Diawara che Cristante. Perez chi è? Chi sarà? Qui a Roma aspettiamo i Campioni. Di Shivk ne abbiamo a bizzeffe. P.V.

  3. Caro Giovanni mio omonimo del Lago di garda, la Toma potrebbe anche vincere, la Roma ne dubito, io per la prima volta ho deciso di andare a cena fuori proprio domani sera, di solito non mi muovo se gioca la Roma, ma la amo troppo per assistere al terzo scempio di seguito, poi ci sto male per giorni, ascolterò il post partita, spero che smentisca la mia negatività ma Forza Roma comunque

  4. La partita con l’Atalanta addirittura considerata una finale….il 4 posto non è un trofeo,meglio la Coppa Uefa. Noi tifosi vogliamo la Coppa Uefa! P.V.

Comments are closed.