Foto Tedeschi

ROMA FIORENTINA, L’AVVERSARIA – La Roma B ha offerto una prestazione non esaltante nell’ultimo match di Europa League contro il CSKA Sofia, terminato 0-0. Adesso però Fonseca è pronto a rimettere in campo dal primo minuto i titolari tenuti a riposo giovedì, per un match di campionato mai banale: Roma-Fiorentina. Il palcoscenico è sempre lo stesso, lo Stadio Olimpico, ma l’atteggiamento dei giallorossi dovrà essere molto diverso per riuscire a portare a casa tre punti già fondamentali per la rincorsa al quarto posto.

Prossimi impegni

Roma-Fiorentina (6° turno di Serie A, 1 novembre ore 18.00, Stadio Olimpico)
Parma-Fiorentina (7° turno di Serie A, 7 novembre ore 20.45, Stadio Tardini)
Fiorentina-Benevento (8° turno di Serie A, 22 novembre ore 12.30, Stadio Artemio Franchi)
Udinese-Fiorentina (Coppa Italia, 25 novembre, Stadio Friuli)

Come la Fiorentina arriva al match contro la Roma

L’ultima giornata di campionato ha visto la Fiorentina impegnata contro l’Udinese. Il match andato in scena all’Artemio Franchi è terminato 3-2: i viola hanno sbloccato il risultato all’11’ con Castrovilli e hanno poi raddoppiato con Milenkovic al 21′. I bianconeri hanno poi accorciato le distanze grazie alla rete siglata dall’ex giallorosso Okaka al 43′. All’inizio della ripresa Castrovilli è andato nuovamente a segno, ma la squadra di Gotti non si è arresa: all’86’ ancora rete di Okaka. L’Udinese non è però poi riuscito a riportare il risultato in parità nei minuti finali. Gli uomini di Iachini hanno quindi conquistato i tre punti e si trovano attualmente al decimo posto in classifica, subito dopo la Roma. Per la Fiorentina un successo anche nell’ultimo match di Coppa Italia, valido per il terzo turno eliminatorio. La viola ha infatti sconfitto il Padova 2-1, grazie ai gol di Venuti e Callejon.

Punti di forza e debolezze

La Fiorentina si trova attualmente al decimo posto in classifica, a quota 7 punti. I gol segnati finora in campionato sono 10 (media di 2 a gara), 10 anche quelli subiti (media di 2 a gara). Ha collezionato 2 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte (contro Inter e Samp, le uniche due squadre che attualmente si trovano sopra in classifica). La squadra di Iachini ha effettuato 61 tiri in Serie A, di cui 27 in porta e 22 fuori e 23 cross utili e 22 sbagliati. E’ inoltre quinta per numero di assist serviti (9). I giocatori viola corrono veramente poco: sono penultimi per media di chilometri percorsi a partita (104,5). Fino a questo momento la Fiorentina ha dimostrato di essere una vera cooperativa del gol: sono già andati a segno ben 7 giocatori e il numero sale a 9 se si prende in considerazione anche la Coppa Italia. Solo Napoli e Atalanta hanno fatto meglio. I risultati degli uomini di Iachini sono migliori in casa: 2 vittorie e una sconfitta, 5 gol fatti e 4 incassati (media di 2 punti a partita, 5° miglior rendimento in campionato). Lontano dall’Artemio Franchi sono invece arrivati un pareggio e una sconfitta, 5 reti realizzate e 6 incassate (media di 0,50 punti a partita). Un’occhiata al cronometro rivela che la Fiorentina tende ad essere più pericolosa nel primo quarto d’ora di gioco (40% dei gol fatti) e più vulnerabile nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo e della ripresa (40% dei gol subiti tra il 30′ e il 45′ e tra il 75′ e il 90′). Spesso infatti la squadra di Iachini riesce subito a sbloccare il risultato, ma poi abbassa la concentrazione e subisce gol: è successo contro l’Inter, lo Spezia e l’Udinese.

I numeri dei singoli

Il miglior marcatore della Fiorentina è Castrovilli, attualmente a quota 4 gol in 5 presenze. Il numero 10, ancora a secco contro la Roma, è anche il giocatore che ha effettuato più tiri (9, 1.8 a partita). Attenzione anche a Kouamé che finora ha creato 7 occasioni da gol. Biraghi invece è il miglior assist man della squadra di Iachini (3 assist). Amrabat è il giocatore con la più alta media di chilometri percorsi a partita (11,24). Ribéry vanta invece la miglior percentuale di precisione dei passaggi (92%). E’ già andato a segno contro la Roma: 2 volte nella stagione 2014/2015, durante la fase a gironi di Champions League con il Bayern Monaco. Milenkovic è fondamentale per la difesa: vince in media 3,2 duelli aerei a match. Fino a questo momento il tecnico viola non ha mai fatto a meno di Dragowski, Milenkovic, Caceres, Biraghi, Castrovilli e Bonaventura in campionato, tutti a quota 5 presenze su 5 gare.

Le scelte di Iachini per Roma-Fiorentina

Il modulo più utilizzato dalla Fiorentina di Iachini è il 3-5-2. Per il match contro la Roma il tecnico viola recupera a sorpresa German Pezzella, ancora out invece Borja Valero, fermo ai box dall’inizio di ottobre per un problema muscolare. In porta ci sarà come sempre Dragowski, poi difesa a tre composta da Milenkovic, Martinez Quarta e Caceres. Davanti Lirola, Bonaventura, Amrabat, Castrovilli e Biraghi. In attacco dovrebbe esserci invece la coppia formata da Kouamé e Ribéry. Possibile anche che Iachini decida di far partire titolare Callejon insieme all’ex Bayern Monaco, per un attacco più veloce e d’esperienza, come spiegato nella conferenza stampa alla vigilia della partita.

La probabile formazione

FIORENTINA (3-5-2): 69 Dragowski; 4 Milenkovic, 2 Martinez Quarta, 22 Caceres; 21 Lirola, 5 Bonaventura, 34 Amrabat, 10 Castrovilli, 3 Biraghi; 11 Kouamé, 7 Ribéry.
A disp.: 1 Terracciano, 33 Brancolini, 98 Igor, 23 Venuti, 8 Duncan, 27 Barreca, 78 Pulgar, 77 Callejon, 9 Vlahovic, 18 Saponara, 63 Cutrone, 20 Pezzella.
All.: Giuseppe Iachini

BALLOTTAGGI: Callejon-Kouamé.
IN DUBBIO:-.
INDISPONIBILI: 6 Borja Valero (problema muscolare).
DIFFIDATI:-.
SQUALIFICATI:-.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email