romanews-roma-faccia-a-faccia-zappacosta-lazzari
Foto Getty

LAZIO ROMA, FACCIA A FACCIA – L’esordio in campionato della Roma non è stato certo molto esaltante, con il pareggio casalingo contro il Genoa, ma ora la squadra di Fonseca ha subito la possibilità di lavare via questo brutto avvio affrontando nel migliore dei modi uno degli appuntamenti più attesi di ogni stagione: il derby. La sfida contro la Lazio arriva in un momento complicato per i giallorossi, con i giocatori che devono rodarsi all’interno del nuovo sistema di gioco portato dal tecnico portoghese e anche la rosa deve essere ancora completata sul mercato. E’ però comunque una delle partite più stimolanti in assoluto e, mettendo in campo una prestazione importante, potrebbe riportare entusiasmo nella squadra e nella tifoseria, facendo dire con prepotenza alla Roma: “Noi ci siamo!”.

ZAPPACOSTA – Nato e cresciuto a due passi dalla Capitale, nel paese di Sora, Davide Zappacosta giunge a Roma solamente nel 2019, durante questa mercato estivo, in prestito secco dal Chelsea. L’esterno destro classe ’92 torna in Italia per poter ripartire, come dice lui stesso in conferenza stampa di presentazione, dopo due stagioni al Chelsea dove non è riuscito a imporsi e a giocare con continuità. Eppure la chiamata dei Blues arriva in un momento ben felice nella sua carriera, in cui, dopo le due ottime stagioni al Torino, si dimostra essere uno dei migliori esterni italiani e più in generale dell’intera Serie A. Tanta corsa, grande progressione, resistenza e anche una buona propensione all’attacco della porta avversaria, lo portano infatti a essere un esterno di spinta molto ambito in quel periodo, tanto da guadagnarsi anche la convocazione in Nazionale maggiore dall’allora ct Giampiero Ventura nel novembre del 2016, poi confermata anche nel primo periodo di Mancini, che lo fa scendere in campo in tutte le amichevoli precedenti alla Nations League. Da lì in poi, nella stagione 2018/19, perde però considerazione nel Chelsea e di conseguenza anche nell’Italia, non venendo più convocato. Zappacosta giunge ora nella Roma per dare quel qualcosa in più al ruolo di terzino destro, in cui è sempre mancata un’alternativa a Florenzi, che possa dare anche la possibilità al neocapitano giallorosso di alzarsi e di ricoprire una posizione più avanzata. Un’occasione per la squadra, ma anche per lo stesso Davide, che ha così la possibilità di tornare nel campionato in cui è cresciuto e si è consacrato al grande calcio, per riprendere in mano le rendini di una carriera che si stava spegnendo.

LAZZARI – Curiosa coincidenza che l’esordio di Manuel Lazzari in Serie A sia stato proprio contro la Lazio, il 20 Agosto 2017 allo Stadio Olimpico di Roma, la stessa squadra che poi lo avrebbe rilevato dal contesto della provincia per portarlo nella Capitale, sponda biancoceleste. La sua prima stagione nel massimo campionato italiano è da subito sorprendente, venendo ritenuto uno dei maggiori artefici e protagonisti dell’insperata salvezza della Spal. 38 presenze, 2 gol e 2 assist tra campionato e coppe, questo il bilancio della sua prima annata nel calcio che conta. I numeri parlano di un punto fermo della squadra di Leonardo Semplici, ma quello che non possono raccontare sono le prestazioni: sempre eccellenti le sue partite, un motorino instancabile capace di arare la sua fascia di competenza per tutti i 90′ e oltre. Corsa, resistenza, potenza, qualità nel cross, tutte caratteristiche che non potevano passare inosservate al ct della Nazionale Roberto Mancini, che lo convoca per la prima volta il 1 settembre 2018 per le due sfide di UEFA Nations League contro Polonia e Portogallo, con quest’ultimo esordisce con la maglia azzurra. Questa presenza lo rende il primo calciatore di proprietà della Spal a entrare nel giro nella Nazionale maggiore dal 1952, a dimostrazione della qualità assoluta del giocatore. Dopo sei intense stagioni a Ferrara Lazzari si trasferisce alla Lazio durante questo calciomercato estivo. Il suo acquisto, unito all’aver trattenuto tutti i migliori calciatori, potrebbe aver portato i biancocelesti all’inserire uno di quei tasselli mancanti per poter ambire a una posizione di rilievo in Serie A.

Edoardo Frazzitta

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here