ROMA FIORENTINA, FACCIA A FACCIA – La sfida contro il Napoli non ha dato i risultati sperati, anzi, e il treno Champions continua ad essere ancora più lontano. Attualmente la Roma è fuori da tutte le coppe, trovandosi settima in classifica, ma i punti che la separano con il quarto posto, attualmente occupato dal Milan, sono solamente 5 (il Milan ha una partita in più, ndr). La Fiorentina rievoca brutti ricordi alla squadra capitolina, con la sconfitta in Coppa Italia per 7-1. Nonostante questo però anche i viola non stanno di certo bene in questo campionato; decimi in posizione con 38 punti, la squadra di Pioli dista da quella di Ranieri ben 9 punti. Nelle ultime 5 gare i risultati non sono affatto positivi: 3 pareggi e due sconfitte per i viola.

RANIERI – Claudio Ranieri è tornato dopo 8 anni sulla panchina della sua Roma, dopo le avventure all’Inter, Monaco, Grecia, Leicester, Nantes e Fulham. Nella Capitale non ha trovato un bell’ambiente; dopo mesi di prestazioni altalenanti Di Francesco è stato esonerato, in più in tutto questo tempo ci sono stati davvero troppi infortuni che hanno martoriato i giallorossi. Ben 42 gli infortuni muscolari, di un totale di 60 stagionali. Non un bel momento quindi per Ranieri, che sta provando il tutto per tutto per risollevare la sua Roma. E’ arrivato imponendo il 4-4-2 con cui siamo abituati a vederlo, provando la doppia punta Schick-Dzeko ma con scarsi risultati; l’allenatore testaccino nella conferenza di presentazione ha affermato di credere molto nelle potenzialità del ceco ma dopo il gol all’esordio con Ranieri sulla panchina, contro l’Empoli, e il rigore procurato contro il Napoli non ha mostrato granché. Anche Dzeko, che continua il suo digiuno di gol in casa da ben un anno, non sta dando una mano alla squadra. Il centrocampo anche merita una nota, con Nzonzi che sembra faccia davvero fatica in questo campionato. Inoltre deve fronteggiare i problemi di una difesa che fa acqua da tutte le parti che, oltre a non riuscire ad anticipare l’uomo, ormai fa fatica anche ad attuare il fuorigioco. Per finire, arrivando in porta, Olsen non sembra più colui che possa sostituire Alisson, lo dimostra l’ultima ‘papera’ che ha fatto contro il Napoli, facendosi passare sotto le braccia la palla che Mertens ha trasformato poi in gol. Insomma, non è una situazione facile. Il futuro di Ranieri poi è incerto. E’ stato chiamato come traghettatore per arrivare fino a giugno e raggiungere il quarto posto, che significa Champions League, ma c’è anche chi lo vorrebbe per la prossima stagione. Circolavano voci di un suo possibile futuro da direttore tecnico nella Roma, anche se lui vorrebbe continuare ad allenare ancora per altri anni.

PIOLI – Non solo problemi in casa Roma, anche a Firenze gli animi non sono dei più quieti. Pioli in questo campionato ha la media di 1,31 punti a partita, ossia 38 punti in 29 gare che lo condannano alla decima posizione in classifica, virtualmente fuori dalla qualificazione alle coppe europee. L’allenatore viola però può fare affidamento su Pezzella che è rientrato dalla squalifica e su Chiesa che è stato convocato e ha dato segnali positivi. Pioli ha ancora una Coppa Italia su cui puntare tutto, considerato anche il risultato dell’andata, che dice 3-3 in casa contro l’Atalanta, che lascia tutte le porte aperte. Contro una Roma alla ricerca di un’identità sarà una partita fondamentale per il futuro di Pioli, considerando anche le molte cose in comune con la Roma. Ranieri, attuale tecnico giallorosso, nei 4 anni a Firenze, dal ’93 al ’97, ha allenato l’attuale allenatore viola. Inoltre nell’estate del 2011, proprio dopo l’addio di Ranieri alla panchina della Roma, ci furono dei contatti tra Pioli e il club capitolino che però alla fine scelse Luis Enrique. Ora che la panchina viola traballa spunta un altro filo conduttore alla Roma: Di Francesco. Infatti molte voci di mercato affermano che l’allenatore abruzzese sia già d’accordo con il club toscano per poter allenare la Fiorentina dal prossimo anno.

Claudia Belli

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here