romanews-roma-faccia-a-faccia-mancosu-smalling
Foto Getty

FACCIA A FACCIA, MANCOSU SMALLING – Dopo aver ingranato le marce ed essere partiti in quarta con ben tre vittorie consecutive (di cui una in extremis, che ha ridato tanto entusiasmo a Trigoria), la formazione di Fonseca è stata costretta a fermarsi dall’ottimo gioco di Gasperini. Contro l’Atalanta si è inceppata la macchina da gol giallorossa che ha regalato ben 10 gol in sole 4 partite in questo inizio di campionato. La Roma affronterà un Lecce che invece sta vivendo un momento di ottimismo grazie alla bella vittoria per 3-1 sulla SPAL. I giallorossi sono guidati da Marco Mancosu che ha firmato ben 4 reti in queste partite. Sarà sicuramente un’insidia per la difesa giallorossa che ha dimostrato fin dall’inizio del campionato di avere delle difficoltà.

Faccia a faccia: Marco Mancosu

Il capitano della formazione giallorossa è il vero protagonista del momento positivo del Lecce. I ragazzi di Liverani in questo grande ritorno in Serie A sono partiti col piede sbagliato; dopo le due sconfitte nelle prime due gare di campionato contro Inter e Verona, i giallorossi hanno trovato i 3 punti nelle gare esterne con Torino e SPAL. In entrambi i match c’è la firma di Mancosu: con i granata è andato a segno una volta mentre contro gli emiliani ha realizzato una doppietta. E’ arrivato quindi il momento di regalare spettacolo anche davanti al suo pubblico: allo stadio Via del Mare di Lecce ha sì segnato, ma in una gara in cui i pugliesi hanno perso subendo ben 4 gol. Mancosu condivide col Lecce il ritorno in Serie A: il sardo ha giocato nella massima divisone italiana per tre anni consecutivi, dalla stagione 2006/07 alla 2008/09 con la maglia del Cagliari. Dopodiché vi è stato lontano per ben 11 anni. Con i rossoblù ha trovato il gol solo una volta, nella partita d’esordio. Ha invece affrontato la Roma in ben due partite, trovando una sconfitta e un pareggio. E’ l’ora del riscatto per il classe ’88, è arrivato il momento di dimostrare il suo reale valore e che merita un posto nel campionato che conta. E se il buongiorno si vede dal mattino…

Faccia a faccia: Chris Smalling

E’ arrivato finalmente il momento di vedere Chris Smalling all’opera. Il re dei contrasti ha debuttato con la maglia giallorossa nella sfida contro l’Atalanta. Sebbene il risultato parla di una partita a senso unico, la Roma è stata in gara per tutto il tempo, fino a quando ha letteralmente regalato il gol del raddoppio ai bergamaschi. Tante insufficienze nelle file della formazione allenata da Fonseca ma tra queste c’è una nota positiva che si chiama Smalling. Arrivato direttamente in prestito dallo United, l’inglese vanta un ottimo curriculum: in carriera, infatti, ha vinto l’83% dei contrasti. Ed è proprio grazie a questa caratteristica che ha spiccato nel match contro i nerazzurri. Infatti, a livello difensivo ha vinto 4 contrasti su 4 tentati, con un’efficienza del 100%. Una prestazione clamorosa quindi, superiore a tutte quelle fornite dagli altri centrali romanisti quest’anno. L’inglese è quindi uno dei pilastri da cui Fonseca vuole e deve ripartire. Smalling avrà di nuovo una maglia da titolare contro il Lecce ed è pronto a mandar via il fantasma di Manolas che ancora aleggia nell’aria di Roma.

Claudia Belli

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.

3 Commenti

  1. Manolas e’ gia’ dimenticato .. ha voluto lui andare via da Roma (e ne aveva di motivi giusti ..) ora c’ e’ Smalling che a me piace MOLTO .. credo sia meglio di Manolas, ma e’ in prestito .. quindi .. vedremo ..

    • E se Manolas in fondo non fosse questo gran campione? Di brutte partite di Kostas me ne vengono in mente diverse.
      Smalling invece ha giocato decisamente bene, sul gol di Zapata gli si può imputare giusto un lieve errore di posizione ma attribuirgli le colpe è eccessivo.

  2. Vediamo Smailling mi è sembrato bravo in una partita dove secondo me ha sbagliato la tattica Fonseca e ad un certo punto sono andati in confusione contro un squadra tosta e ben collaudata.Spero che gli errori siano serviti per crescere.Forza Roma

Comments are closed.