romanews-roma-davide-massa-ammonizione-dzeko-edin-napoli-roma-alessandro-florenzi
Foto Getty

INTERVISTA EVANGELISTI RN WEB RADIO – Marco Evangelisti, giornalista de Il Corriere dello Sport, è intervenuto ai microfoni di Romanews Web Radio per parlare del momento della Roma. Ecco le sue parole sul lavoro di Fonseca e sulle diverse situazioni, che stanno tenendo banco in questi giorni in casa giallorossa.

IL BILANCIO DEI PRIMI MESI DI FONSECA – “Fonseca deve sentirsi soddisfatto. E’ riuscito a dare un’identità di gioco alla squadra, anche se non si è vista a Parma. Mi sembra evidente che a cusa della serie lunghissima di infortuni che ha avuto, Parma? La Roma ha pagato gli infortuni: c’era stanchezza e staticità in molti giocatori e la mancanza di alternative pesa sulle possibilità di un allenatore di far fare alla squadra ciò che vorrebbe. Non c’è modo di cambiare gioco quando servirebbe o di mettere in campo forze e strategie alternative a quella iniziale. E poi c’è stato un errore fondamentale: inserire Santon al posto di Spinazzola”.

FLORENZI – “Non penso sia soltanto una scelta tecnica. Posso pensare, ma è solo un’illazione, che possano esserci stati dei contrasti all’interno dello spogliatoio o con l’allenatore stesso, ma se non è così mi resta difficile spiegarmi tutte queste esclusioni. E’ pur vero che, mi sembra abbastanza evidente, come Fonseca non consideri un giocatore particolarmente importante per il suo gioco”.

DZEKO – “C’è un problema fisico: è stato tra i giocatori più utilizzati e anche spremuto per il tipo di gioco che fa la Roma. E’ un centravanti che non si risparmia, in partita non tira il fiato e copre tutte le zone di campo. Sul suo calo influisce essenzialmente questo. Il problema è che Dzeko non ha alternative”.

IL MERCATO DI GENNAIO – “La Roma ha due problemi strutturali: l’assenza di un’alternativa a Dzeko che possa occupare l’area di rigore e quella di qualità totale nel centrocampo. Parlo di qualità pura che permetta a Fonseca di mettere in campo quel possesso palla e impostazione che questa squadra non ha nella maniera giusta. Se fosse possibile andrei a intervenire su questi due settori più che sul terzino, ma trovo molto difficile che Petrachi possa risolvere tutti questi problemi”.

Alessandro Tagliaboschi
Leonardo Gilenardi

Print Friendly, PDF & Email