ROME, ITALY - SEPTEMBER 20: Vasilis Torosidis of AS Roma in action during the Serie A match between AS Roma and US Sassuolo Calcio at Stadio Olimpico on September 20, 2015 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

TOROSIDIS INTERVISTA ESCLUSIVA ROMANEWS.EU – Professionalità, esperienza, duttilità e rendimento assicurato: in sintesi Vasilis Torosidis. L’ex terzino della Roma, ora in forza all’Olympiacos, ha parlato in esclusiva a Romanews.eu soffermandosi su diversi temi vicini al mondo giallorosso, di cui è stato parte per tre anni e mezzo tra il 2013 e il 2016. Uno su tutti è stato il prossimo match che affronteranno gli uomini di Fonseca contro il Bologna, altra ex squadra in cui il greco si è trasferito proprio dopo la parentesi a Roma.

MEMORIE GIALLOROSSE – Settantasette partite , sette gol e la sensazione di sicurezza a un reparto difensivo che per lunghi tratti ha avuto pochi eguali in Italia. Tanti ricordi, la maggior parte positivi, di una Roma da altissima classifica: “Il momento che ricordo con più emozione è sicuramente la firma sul contratto, e poi come dimenticare le dieci vittorie consecutive sotto la guida di Rudi Garcia”. Un pensiero speciale lo rivolge a Totti e De Rossi, suoi ex compagni e capitani: “Si, purtroppo mi aspettavo una Roma senza Totti e De Rossi, doveva accadere prima o poi. Tutti smettiamo di giocare a causa dell’età ma spero davvero che un giorno possano tornare come dirigenti o comunque con un ruolo alla Roma.”

LA NUOVA ROMA E LE INSIDIE ROSSOBLU – Dopo la Roma si è aperta l’avventura a Bologna, dove il greco ha confermato le sue caratteristiche tra il 2016 e il 2018, aiutando gli emiliani a centrare due salvezze per nulla scontate. Un ambiente e uno stadio, quello del Dall’Ara, di cui Torosidis conosce bene le insidie: “Il Bologna va temuto, è forte tanto quanto il suo allenatore e in questo momento non è facile da incontrare. Sono entrambe in un ottimo momento avendo vinto le ultime partite giocate. La Roma ha avuto una partita impegnativa giovedì perciò potrebbe accusare un po’ di stanchezza. Il calcio di Fonseca mi piace molto: aggressivo e sempre alla ricerca del gol. Questa Roma può arrivare sicuramente tra le prime quattro e centrare la qualificazione in Champions League, che è l’obiettivo stagionale”.

FUTURO TOROSIDIS – Tornato in patria, nella sua squadra del cuore, il greco è ancora un punto fermo dell’Olympiacos e, nonostante i 34 anni, ancora nel giro della nazionale ellenica. L’età avanza ma ‘Toro’ ha in mente un solo obiettivo: “Lo scudetto con l’Olympiacos. Qui mi trovo benissimo e sono tornato a casa mia per vincere. Al futuro ci penserò più avanti”.

Alessandro Tagliaboschi
Pietro Mecozzi

Print Friendly, PDF & Email