romanews-roma-mancini-dibello-diawara
Foto Getty

EDITORIALE – La Roma controlla il pallino del gioco ma subisce gol. Belotti non sbaglia e punisce una Roma costretta a fare i conti con la serata di grazia di Sirigu e con l’imprecisione sotto porta dei suoi giocatori che pure hanno tentato almeno una trentina di tiri. E’ la fotografia della prima uscita giallorossa del 2020, senza filtri, se non quello della direzione di gara discutibile dell’arbitro Di Bello. In questa sede però non vogliamo parlare di questo, ma analizzare la sconfitta della Roma che cade alla prima del nuovo anno per la 30esima volta nella sua storia, iniziando il nuovo decennio nel peggiore dei modi, con una sconfitta in casa contro il Torino che non accadeva da 13 anni, dal 13 maggio 2007: 2-0.

GLI ERRORI DEI SINGOLI – Gli uomini di Mazzarri sono scesi in campo con il coltello tra i denti, alla truppa di Fonseca è mancata invece la cattiveria necessaria per fermare una squadra in difficoltà ma ostica soprattutto in trasferta. I giallorossi sono sembrati a corto di idee, impacciata e nervosa. Tanti gli errori dei singoli con Dzeko in testa, impalpabile, Perotti, impreciso, Florenzi, disattento. Per la prima volta la coppia Mancini-Smalling è andata in crisi al cospetto di uno scatenato Belotti. Il più pericoloso è stato il solito Pellegrini, ma anche a lui è mancata fortuna e precisione.

LA PRIMA VOLTA DI FONSECA – Per la prima volta da quando siede sulla panchina della Roma, Paulo Fonseca è apparso poco reattivo, non è riuscito a cambiare la partita: ha tentato di scuotere i suoi e mescolare le carte in tavola, dentro Mkhitaryan e Kalinic per una Roma a trazione anteriore. Le sue mosse si sono rivelate inutili se non peggiorative della situazione. Questa sconfitta rischia di privare la squadra di alcune certezze raggiunte nel bel finale di 2019. La sosta natalizia sembra aver spazzato via anche quella fluidità di gioco e alchimia tra i reparti che sono stati il segreto della squadra nella prima parte di stagione. Aspetto su cui a Trigoria il tecnico portoghese dovrà lavorare per ritrovare presto la retta via.

Giulia Spiniello

Print Friendly, PDF & Email

16 Commenti

  1. Sinceramente non capiamo i commenti: la squadra è spaventosamente scarsa dal punto di vista tecnico e si vede a occhio nudo che per due settimane non si è allenata. Zaniolo non si muove a 20 anni e il famoso nuovo Totti non salta neanche la nonna, nonostante un paio di milioni a stagione. Una roba ridicola, mentre i lazialotti sono avviati a sicuro scudetto con quattro zappatori e un allenatore normalissimo…

    • Mi permetta Sig. Luca qualche risposta al suo commento….innanzitutto dice “non capiamo”….a nome di chi parla oltre a lei? Poi lei dice “squadra spaventosamente scarsa “….ma non era la stessa squadra che 20 giorni fa era osannata? Per ultimo, ma forse la frase più simpatica “squadra avviata a sicuro scudetto “….si rilegga i piazzamenti della terza squadra di Milano alla fine del girone di andata e i relativi punti….poi vada a vedere il piazzamento finale….buona vita sig
      Luca

  2. E mi spiace dirlo ma sbagliate perché purtroppo in questa stagione non è la prima volta che abbiamo arbitraggi contro sicuramente non abbiamo fatto una grandissima partita ma non mi da un rigore su dzeko perché fischia il fuorigioco quando è partito dalla sua metà campo, subisco goal oltre il tempo di recupero poi se analizziamo come nasce questo extra è ancora peggio, non ammonisce i giocatori del Torino lukic rincon nkulo djdj aina, non espelle Izzo ma se non lo fate voi chi difende la Roma, i commentatori di sky e di dazn sono scandalosi tanto che oggi non sono stati in grado di dire che il palo di Belotti nasce da un fuorigioco di verdi che non si disinteressa della palla e non permette l’intervento di Mancini è ora che ci facciamo sentire.

    • La Roma ha giocato malissimo e se avesse vinto a Torino come il Torino ha vinto qui diresti che è stata grande.Fatela finita di piangere.Comprassero qualche giocatore vero se vogliamo sperare di vincere.

  3. Dopo un bell’inizio la squadra si è convinta di poter risolvere facilmente la partita ed ha perso la giusta concentrazione, speriamo che la ritrovi con la Juve. La Roma oggi doveva mangiarselo il Toro. Che rabbia!

  4. Dzeko non solo parte dalla metà campo , ma in basso allo schermo c’è un giocatore del Torino con la gamba nella propria metà campo , quindi fuorigioco inesistente , ma guai parlarne , i telecronisti sarebbero già a casa licenziati.

  5. Sono d’accordo con Paolo. E qui siamo, credo, tutti oggettivi. Che poi l’allenatore oggi abbia fatto qualche errore è anche evidente. Ma una partita così, sembra che la dovevamo perdere per salvare il ‘salvatore’ dell’editoria nazionale. Semplice. Quando c’è la Roma, gli altri, potenti o potentini, festeggiano sempre.
    Peccato. E anche: basta per favore.
    Ma, davvero, molto scarsi oggi, anche quelli che stimo di più, tranne Perotti che ha sempre qualità, e Diawara che dovrebbe essere apprezzato molto di più.
    Commenti negativi sui singoli non ne faccio. A parte l’allenatore che ha sempre la sua responsabilità.
    Pessimo avvio di anno, come sono ‘abituato’ a … assorbire.

  6. Certo, oggi non parleremo dell’arbitro perchè dobbiamo darci arie di superiorità. In pratica facciamo i borghesotti al cospetto di un arbitraggio iniquo, perchè una partita non la indirizzi solo con i rigori, ma anche e soprattutto, fischiando a senso unico anche in zone del campo “banali” e gestendo i cartellini con mirata precisione.

  7. Sono completamente d’accordo con Paolo. Sicuramente non abbiamo fatto una grande partita ma var e di bello scandalosi, hanno condizionato la partita. FORZA ROMA SEMPRE.

  8. Ora cominciamo con le str****te. Scarsità tecnica, laziali avviati a sicuro scudetto….il 20 dicembre la roma era una squadra di tutti fenomeni…
    A Roma non si vince anche per questo mancato equilibrio della tifoseria, che se vinci 3 partite sei da scudetto ne perdi una (come ieri dove anche l’arbitro ha fatto la sua parte) allora sei tecnicamente scarso.
    Ieri molto male, c’è mancanza di una punta effettiva di ruolo, ma la squadra è buona e arriverà tra le le prime 4, dove i complessati, veramente con 4 zappatori, faticheranno a piazzarsi.

  9. io invece del signor Di Bello vorrei parlare e, con educazione, affermare che ci ha arbitrato contro e sembrava ben contento di farlo .. non entro negli episodi che sono stati chiaramente tutti a nostro sfavore .. compreso il non dare il secondo giallo a Izzo .. poi il giornale e’ vostro e se non volete parlare degli arbitri fate voi .. siete voi i padroni ..

    • dimenticavo .. al Var c’ era un certo Abisso .. altro di cui non volete parlare, vero ? ma prima o poi i nodi verranno al pettine pure per lui ..

  10. Peccato che alcuni suoi colleghi e certi commentatori(?) non sono del suo stesso avvviso visto che, un’ora dopo ma già ieri sera, anche durante e dopo la partita hanno (strà)parlato SOLO dell’arbitro. E comunque «visto l’editoriale» si potrebbe far meglio, parlando del: “clima umido, l’erba alta, le righe bianche storte …ecc”.
    Basta, quando non si daranno più alibi a prestazioni indegne con giocatori impresentabili, (qualche nostrano più degli altri) e che non vincono mai una beata mxxxxia, la roma sarà diventata un grande Club. Prosit

  11. Ma di bello ha condizionato la partita sin dalla decisione del fallo su dzeko e utte le ammonizioni e decisioni contro parliamo di un altra gara

  12. Gli arbitri ce li abbiamo contro da decenni se ci possono fischiare contro lo fanno se non basta a farci perdere si aspetta la prossima tanto I cavalli si vedono all’arrivo e di partite ce ne sono per organizzare per bene la classifica…siamo in italia sveglia! Non si vince per merito, ma per interessi ci vuole una presidenza connivente col sistema…speriamo che friedkin abbia qualche santo in paradiso perche quelli di pallotta non erano buoni

Comments are closed.