romanews-roma-diawara-genoa
Foto Getty

ROMA-ISTANBUL BASAKSEHIR, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-Istanbul Basaksehir, prima gara della fase a gironi di Europa League.

DIAWARA IN ZONA MISTA

Esordio dal primo minuto, quali sono le tue sensazioni e come ti trovi nel gioco di Fonseca?
“Le sensazioni sono buone, mi trovo benissimo nel gioco del mister. E’ un calcio fatto per me, si esce con palla al piede. Sono molto contento”.

Oggi la Roma non ha subito gol. Quanto è importante anche a livello mentale non subire gol per migliorare?
“Sicuramente è molto importante non prendere gol. Siamo molto contenti di non avere preso gol. Nel calcio che giochiamo e nel calcio che chiede il mister sicuramente non possiamo giocare una partita senza fare gol. Quindi meno gol prendiamo e meglio è”.

Oggi hai giocato sia con Cristante che con Veretout. Qual è il tuo compagno di reparto ideale? Senza fare nomi…
“La formazione la fa il mister, siamo una squadra. Chi gioca deve mettere impegno e aiutare la squadra. Non c’è uno che preferisco, quello lo deve scegliere il mister”.

Cosa vi ha detto Fonseca dopo un brutto primo tempo?
“Il mister era molto arrabbiato, ci ha motivato di più e ci ha dato fiducia e ci ha dato indicazioni e tutto è andato a buon fine”.

Nel secondo tempo avete dilagato, ma nel primo avete avuto difficoltà. Come mai?
“Sicuramente non era una partita semplice, avevamo davanti un avversario bravo e quindi non potevamo entrare in partita così… Sicuramente siamo stati un po’ lenti ad entrare in partita ma nel secondo tempo abbiamo fatto gol e siamo contenti”.

Domenica la Roma sfida il Bologna, la tua ex squadra. Ti senti pronto per un’altra partita da titolare?
“Certo. Quando il mister ha bisogno io ci sono sempre, mi alleno ogni giorno per trovarmi pronto”.

DIAWARA A ROMA TV

Sensazioni su questa tua prima gara dal 1′?
“Le sensazioni sono buone, non era semplice la partita. Abbiamo iniziato la partita timidamente poi siamo entrati in gara e l’abbiamo risolta”.

Cosa vi ha chiesto l’allenatore tra il primo e secondo tempo che la squadra è cambiata totalmente?
“Quando siamo rientrati negli spogliatoi era molto incavolato, ci ha caricato di nuovo e siamo riusciti a partire da quello che voleva da noi. Al secondo tempo abbiamo risolto la partita”.

Incavolarsi fa bene?
“Eh sì era molto arrabbiato”.

Hai giocato con Cristante e poi con Veretout, con l’entrata del secondo sembravi più coinvolto…
“Sì sicuramente l’allenatore fa la formazione, mi trovo bene con tutti e due. La colpa nel primo tempo era la mia che non giocavo tanti palloni e non era semplice perché era la prima partita. Piano piano sono entrato in partita e continuerò a lavorare per farmi trovare dall’inizio”.

Devi toccare tanti palloni per rendere al meglio…
“Sì sicuramente per un centrocampista in generale più palloni tocchi hai più fiducia per la partita. Al secondo tempo sono entrato con un’altra idea e ho toccato più palloni possibili e sono entrato in partita”.

Print Friendly, PDF & Email