Foto Tedeschi

ROMA SPEZIA, L’AVVERSARIA – La Roma cerca di rialzare la testa dopo i pesanti ko incassati contro Lazio e Spezia. La panchina di Fonseca comincia a traballare e le concorrenti per il quarto posto si avvicinano. Per questo conquistare i tre punti ed evitare altri passi falsi diventa fondamentale. In campionato i giallorossi si troveranno di nuovo davanti la squadra di Italiano, dopo il 4-2 arrivato in Coppa Italia. Il contraccolpo psicologico potrebbe essere pesante, ma la Roma dovrà dimostrare di essere abbastanza forte da riuscire a mettersi alle spalle gli ultimi risultati e tornare a vincere e convincere.

Prossimi impegni

Roma-Spezia (19° turno di Serie A, 23 gennaio ore 15.00, Stadio Olimpico)
Spezia-Udinese (20° turno di Serie A, 31 gennaio ore 12.30, Stadio Comunale Alberto Picco)
Sassuolo-Spezia (21° turno di Serie A, 6 febbraio ore 15.00, Stadio Mapei)
Spezia-Milan (22° turno di Serie A, 13 febbraio ore 20.45, Stadio Comunale Alberto Picco)

Come lo Spezia arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di Serie A ha visto lo Spezia impegnato in trasferta contro il Torino. Il match è terminato a reti inviolate. Il reparto arretrato bianconero ha retto nonostante l’espulsione di Vignali all’8′. Per il difensore è arrivato un rosso diretto dopo l’on-field review per un brutto fallo su Murru. Il terzo risultato utile conquistato in campionato ha consentito alla squadra di Italiano di agganciare il 13° posto, a pari punti con la Fiorentina, ma avanti per differenza reti.

Punti di forza e debolezze

Il bilancio dello Spezia è negativo in campionato: in 18 gare sono arrivate 4 vittorie, 6 pareggi e 8 sconfitte. Ha realizzato 23 gol (media di 1,3 a partita) e ne ha incassati 32 (media di 1,8 a partita). Negativa quindi anche la differenza reti (-9). La squadra di Italiano è quartultima in Serie A per numero di tiri effettuati (166, di cui 74 in porta), terzultima per numero di corner battuti (64), quarta per gol segnati di testa (5) e per legni colpiti (10). Per quanto riguarda invece i cross, 73 sono quelli utili e 92 quelli sbagliati. Gli Aquilotti commettono spesso falli in area di rigore, non a caso sono al secondo posto in campionato per numero di penalty a sfavore (6). Tengono palla mediamente per 26 minuti, 16 dei quali nella loro metà campo (solo Napoli e Sassuolo trascorrono più tempo nella loro area). Spesso però gli uomini di Italiano vengono pescati in fuorigioco (40 fischiati finora). Il rendimento dello Spezia in casa è il secondo peggiore del campionato, con una vittoria, 3 pareggi e 5 sconfitte, 10 gol fatti e 18 subiti allo Stadio Picco (media di 0,67 punti a partita). I numeri migliorano invece in trasferta: 3 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte, 13 reti realizzate e 14 incassate (media di 1.33 punti a partita). Un’occhiata al cronometro rivela che gli Aquilotti tendono ad essere più vulnerabili nel secondo tempo, in particolare nel primo quarto d’ora della ripresa (25% dei gs), mentre risultano più pericolosi tra il 15′ e il 30′ e tra il 60′ e il 75′ (30% dei gf).

I numeri dei singoli

Nzola, ancora alle prese con un trauma distrorsivo-contusivo alla caviglia, non sarà ancora a disposizione di Italiano per il match di campionato contro la Roma. Il francese è il miglior marcatore dello Spezia, con 9 reti segnate in 13 gare di Serie A. E’ anche il giocatore che ha effettuato più tiri (27) e creato più occasioni da gol (18). Ci penseranno però Galabinov, già andato a segno contro i giallorossi in Coppa Italia, e Piccoli a non far sentire troppo la sua mancanza. Il bulgaro ha realizzato 3 gol nelle prime tre partite di campionato, prima di fermarsi a causa di un lungo infortunio. Occhio anche a Pobega, secondo miglior marcatore insieme a Galabinov (3 gol in 13 presenze). Il giocatore che macina più chilometri in campo in campionato è Ricci (media di 11.3 km a partita). Il miglior assist man è invece Gyasi (4 assist). Agoume vanta la miglior percentuale di precisione dei passaggi effettuati (88.5%). Chabot spicca tra i compagni per numero di duelli aerei vinti a partita (media di 2.3). I giocatori più impiegati da Italiano finora sono stati Gyasi, il portiere Provedel, Terzi, Chabot, Nzola e Ricci, tutti in campo per più di 1000 minuti. L’estremo difensore italiano ha collezionato 3 clean sheet in 15 presenze (20%)

Le scelte di Italiano per Roma-Spezia

Come sempre lo Spezia scenderà in campo con il 4-3-3, suo marchio di fabbrica. Per la sfida contro la Roma, Italiano dovrà fare a meno dello squalificato Vignali e degli infortunati Capradossi (ai box a causa della rottura del crociato), Ferrer (out per una lesione al retto femorale), Mattiello (alle prese con una lesione all’adduttore) e Nzola (ancora fermato da un trauma distorsivo-contusivo alla caviglia). Dopo il turnover quasi integrale visto in Coppa Italia, il tecnico si prepara a schierare nuovamente in campo la sua formazione tipo per il campionato. Tra i pali tornerà quindi Provedel, poi difesa a quattro con Ismajli, Terzi, Chabot e Marchizza. Davanti spazio a Estevez, Agoume e Pobega. In attacco ci saranno invece Farias, Piccoli e Gyasi.

La probabile formazione

SPEZIA (4-3-3): 94 Provedel; 34 Ismajli, 19 Terzi, 22 Chabot, 5 Marchizza; 24 Estevez, 10 Agoume, 26 Pobega; 17 Farias, 91 Piccoli, 11 Gyasi.
A disp.: 2 Krapikas, 3 Ramos, 28 Erlic, 27 Deiola, 39 Dell’Orco, 23 Saponara, 25 Maggiore, 88 Leo Sena, 31 Verde, 80 Agudelo, 9 Galabinov.
All.: Vincenzo Italiano

BALLOTTAGGI: Erlic-Chabot, Verde-Farias, Agoume-Ricci.
IN DUBBIO:-.
INDISPONIBILI: 13 Capradossi (intervento per rottura del legamento crociato), 21 Ferrer (lesione al retto femorale), 14 Mattiello (lesione all’adduttore), 18 Nzola (trauma distorsivo-contusivo alla caviglia).
DIFFIDATI: Ferrer, Gyasi, Pobega.
SQUALIFICATI: 69 Vignali (un turno, salta la Roma).

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email