SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Checco Oddo Casano a Rete Sport: “La Roma ieri avrebbe meritato la vittoria, ma negli ultimi due anni vediamo più o meno sempre lo stesso film: un eterno ‘vorrei ma non posso’. Quando disputi gare perfette sotto tutti i punti di vista, subisci rimonte impensabili o commetti errori gravi sotto porta non riuscendo a chiuderle. In due partite la Roma ha creato almeno 6 palle gol nitide e non ha segnato, l’unico che ha trovato la via della rete è Veretout che quando calcia lo fa sempre con cattiveria. Fonseca? E’ molto bravo a preparare le partite, difficilmente sbaglia, ma in corsa palesa limiti evidenti nella lettura dei cambi e delle strategie”.

Max Leggeri a Rete Sport: “Ho visto una Roma orgogliosa, coraggiosa, ordinata e aggressiva. La Roma di Fonseca ieri ha dato una lezione di calcio al ventriloquo gobbo che ha a disposizione una rosa spaziale. Ad un certo punto sembrava la Juve Stabia, non la Juventus. Dzeko? Straordinario interprete anche ieri sera, peccato abbia fallito due occasioni sanguinose. Peccato, la Roma avrebbe ampiamente meritato i tre punti. Questa squadra è monca, è inutile girarci intorno: giochiamo con una riserva tra i pali, senza un centrale difensivo titolare, con tanti equivoci sull’out di destra. Fonseca? Non sarà il miglior allenatore al mondo ma la sua impronta si vede e meriterebbe di allenare una Roma più forte perchè la differenza in campo la fanno i calciatori”.

Luigi Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio: “La cosa che mi ha stupito di più è la qualità: se n’è vista molta di più nella Roma che nella Juve ieri. I tre davanti hanno fatto un lavoro straordinario, mettendo sempre in difficoltà i bianconeri: il secondo gol in contropiede è una gemma. Una delle migliori versioni della Roma viste negli ultimi tempi. Dzeko ha enormi virtù, ma non quella del killer: alla fine questo si vede nel risultato finale. Si crea tanto, ma si sfrutta poco. Alla Roma serve un portiere prestante, che esca, uno che nella sua area sia dominante”.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “I tre difensori della Roma hanno fatto una grande partita contro un attacco temutissimo: la Juve non ha costruito quasi nulla. Se poi dobbiamo andare a vedere solo il gol di Ronaldo è riduttivo. Ibanez spettacolare, Kumbulla non ha sbagliato un pallone all’esordio. I gol da Ronaldo li prendi anche con Smalling”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: “Ibanez: ragazzino forte, sfrontato, tutto scatto. E’ un gran difensore in prospettiva, ma ottimo anche per il presente. Dzeko ieri da 7. Se a Mancini e Kumbulla gli aggiungi uno Smalling, prendendo un esterno e un vice-Dzeko, la Roma ha una grande qualità”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Ottima partita della Roma, non ha mai subito tanto: sia dal punto di vista della scelta degli interpreti che su quello dell’atteggiamento, Fonseca aveva preparato bene la partita. La Roma ha problemi congeniti irrisolti, che ormai conosciamo tutti: il terzino destro, l’assenza di Smalling… Ci sono poi tre splendidi giocatori d’attacco, ma nessuno possiede l’istinto del killer. Con tutti i suoi limiti, Fonseca se l’è giocata alla grande: adesso magari lo manderanno via, ma ieri è stato il migliore. Se i difensori della Roma poi guardano Ronaldo saltare in area non possiamo dare colpe all’allenatore”.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “La Juve ringrazia il non-bomber Edin Dzeko per non averlo acquistato. Sulla mia personale pagella gli do un 2. Ha negato alla Roma di vincere una partita che avrebbe meritato. Da molto tempo non vedevo la Roma giocare così bene, ma paradossalmente è un demerito: contro quella Juve dovevi vincere 5-2. Non bisogna andare a vedere l’errore di Mirante: bisogna vedere le occasioni sprecate da Dzeko”.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Fonseca fino a cinque minuti prima della partita contro la Juve era bocciato, invece ieri ha impostato una gara straordinaria dal punto di vista tecnico-tattico. Dzeko è stato uno dei migliori: se noi ci concentriamo solo sui gol sbagliati allora non abbiamo capito niente. La Roma ha avuto il demerito di non aver studiato una mossa diversa da quella di Peres al posto di Santon, per il resto ha creato moltissimo”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Sono contento alla fine del risultato, della reazione mentale della squadra che non mi aspettavo. Da una parte devo fare i complimenti a Fonseca che ha tenuto sveglia e reattiva la Roma durante la settimana. Poi però penso che questa squadra non è grande: in 10 contro 11, con l’inerzia favorevole e con 5 cambi doveva portarla a casa. Fonseca è un buon allenatore ma non sarà mai uno dei grandi: una partita così devi saperla chiudere. Il mio è quindi un giudizio a metà: l’ha preparata da 8 e l’ha gestita da 4. Ci accontentiamo di ciò che abbiamo visto ieri? No. Se la Roma deve continuare a galleggiare allora continuiamo così. Questo non è il genere di lavoro che può far diventare grande una squadra. Pellegrini secondo me ieri ha fatto un buon lavoro”.

Antonio Felici Centro Suono Sport : “Mi aspettavo che la Juve battesse la Roma con un certa facilità: di fronte alla partita di ieri sono rimasto piacevolmente sorpreso. La Roma meritava, per l’iniziativa e per come ha occupato il terreno di gioco. Ci sono considerazioni da fare sul tecnico e giocatori: Fonseca ha costruito e distrutto. Pedro ha dato una grandissima mano al centrocampo con Pellegrini che rimaneva in copertura dietro. La squadra è stata compatta per un’ora di gioco, poi però non Fonseca non si è dimostrato bravo a gestire i cambi. Sul secondo gol di Ronaldo non ha colpe solo Bruno Peres: Mancini dorme in piedi e anche Mirante poteva fare di più. In superiorità numerica la Roma ha mollato la presa: non è né segno di maturità né la prova di essere una grande squadra. I problemi sono anche dei giocatori: squadra e tecnico si dividono le responsabilità. O Friedkin si accontenta di una squadra da Europa League oppure si passa alla rivoluzione d’ottobre con Allegri: io spingo per quest’ultima.

Paolo Rocchetti a Centro Suono Sport: “Ora come ora se Allegri dice di no non è che devi andare a prendere per forza un altro allenatore. Se per qualsiasi motivo dovesse decidere di non accettare, io Fonseca non lo manderei via”.

Sandro Sabatini a Radio Sportiva: “Pirlo? Gli va concesso il tempo di sbagliare, anche sulla sua pelle. Fonseca? La Roma tiene in considerazione Allegri ma bisogna vedere che risultati riuscirà a fare”.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Io non darei l’insufficienza a Dzeko. La Juve ha tirato in porta con Ronaldo dal dischetto e con il colpo di testa, altrimenti hanno fatto poco. Temo che il direttore sportivo arrivi alla fine del calciomercato. Sono molto curioso di vedere come usciranno dal tunnel in cui sono entrati, non riescono ancora a incontrarsi con la Raggi che è impegnatissima in questo momento. C’è il problema del dirigente, io sarei andato sparato su Ragnick, che mi sembra folle e giusto per dare una discontinuità all’ambiente. Quando c’è un giocatore come Borja Mayoral viene offerto, chiedono un parere a Cavallo. Mi sono andato a studiare il curriculum: per quale motivo un signore che ha le sue esperienze può fare il responsabile scouting nella Roma? Lui era il primo collaboratore di un signore che il ds l’ha fatto, Petrachi aveva una storia alle spalle. Vorrei un Rangnick che ha una rete di scouting più importante”.

Jacopo Palizzi a Tele Radio Stereo: “Credo che la Roma debba metter dentro qualche personaggio con personalità. Rangnick perché no, ha una conoscenza del calcio europeo totale o quasi, dove è andato ha fatto bene. Sperando che se venisse nella Roma non fa come gli altri che hanno fatto bene ovunque tranne qui. In questo momento la figura più credibile per poter prendere in mano un ruolo di campo.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “La miglior Roma, da molto tempo non vedevo una Roma così concentrata. E’ impressionante. Scelte tattiche ottime, solo un appunto: non capisco perché ha levato Santon per mettere Bruno Peres. I proprietari in tribuna molto eleganti, mi sono piaciuti come erano distanziati”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Dzeko ha sbagliato un gol che si era costruito in maniera fantastica, da campione. Domenica scorsa avevo sentito le cose più belle su Pirlo, e che questo ragazzo americano era il campione dei campioni mentre può giocare nella Salernitana. Non bisogna levare meriti alla Roma che ha giocato una grande partita. Alcuni di noi l’avevano preannunciata. Nella vigilia sentivo che era una vittima sacrificale. Se la Juve si presenta con McKennie e Rabiot il centrocampo della Roma è più forte, forse Pirlo ha sbagliato le scelte. La Roma bene, bella e vedere i proprietari per la seconda volta consecutiva in tribuna è una bella iniezione di fiducia”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “La migliore Roma di tutti i tempi perché il migliore della Roma è stato Pirlo. Non ho mai visto la Roma giocare così bene perché aveva degli spazi tra le linee che nessun’altro allenatore gli concede. Il capolavoro l’ha fatto tenendo in campo Rabiot. Andava tolto prima che lo cacciasse l’arbitro”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Ieri ero tra i mille sugli spalti, la sensazione è stranissima perché vedere la partita con poca gente e col tifo che non sale, lo stadio vuoto… dalla tv è un’altra cosa, dentro manca il calore del pubblico. Ibanez visto dal vivo è pazzesco, è un mostro. Più Roma che Juve. Dzeko ha avuto quelle occasioni che non ha concretizzato. Quando Fonseca parla di occasione persa ha ragione, la Roma si deve mangiare i gomiti. Fonseca di Miki e Pedro non può fare a meno”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Arthur ha le movenze di Pizzarro, non di Pjanic”.

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “Soltanto alla fine ho detto che fortuna quando Dzeko ha sprecato le opportunità. Una bella Roma, una metamorfosi rispetto a Verona. C’è Pedro che è di livello superiore a molti giocatori. Ti accorgi di come si muove e come tocca la palla. Una difesa ricompattata. Ieri una Juve che se avesse perso non sarebbe stato uno scandalo, anzi. Cuadrado era fuori posizione. Non si è trovato e ha perso il 70% delle sue possibilità tecniche. Quando si dice lavori in corso è uno degli esempi più concreti di una squadra che stra cercando una sua dimensione”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Roma-Juve? Fonseca l’ha preparata bene la partita. E’ stato fregato dai senatori come Mkhitaryan che ha sbagliato il gol e Dzeko lontano da una forma accettabile. Ci ha messo poi del suo con il cambio Peres-Santon che non avrei mai fatto, si è accontentato del pareggio. E’ evidente che la Roma abbia avuto paura di vincere. Mi aspettavo una punta, poteva mettersi a 4 dietro. Se la formazione di ieri della Juve la metteva in campo un altro allenatore era già in discussione. La Roma ne esce con due punti in meno, con una grande occasione per ripartire. Sono venuti meno i giocatori più rappresentativi. Bisogna andare avanti con fiducia. Dzeko si riprenderà sicuramente, adesso non è in condizione. Gli ultimi giorni sono stati difficili, forse pensava al trasferimento. Poi è andata così ma ieri sera ha fatto veramente poco”.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.

50 Commenti

  1. Questa è la tifoseria con più tifosi con il “patentino” da divano, i migliori allenatori del senno del poi del mondo, ed è per questo che non vinceremo mai nulla (e forse meritiamo pure di non vincere mai nulla, una tifoseria così incompetente di calcio ma allo stesso tempo tanto arrogante non merita niente).

    Oggi si ha il coraggio di discutere della sostituzione di Santon (SANTON!!! Sulla carta il terzo giocatore per quel ruolo oltretutto adattato) che fisicamente stava alla frutta, con quello che sulla carta dovrebbe essere il titolare di ruolo (e questo la dice già lunga), si ha il coraggio di attribuire a Fonseca la mancata vittoria per non aver fatto CAMBI (!!!), quando si gira in panchina e vede la scuola materna con Villar, Calafiori Bouah, il fumosissimo Kluivert, un Carles Perez appena tornato dal covid con 3-4 allenamenti nelle gambe ecc ecc..

    Ma come cavolo si fa ad essere così ottusi? Ma ci rendiamo conto che sto poverino è da due partite che non sa più come farlo capire che ha una squadra incompleta? Continua a non fare cambi perchè giustamente non ha giocatori in panchina, chi deve mettere? Addirittura sabato in conferenza ti dice già gli 11, a voler sottolineare “questi ho, non è che c’è da fare più di tanto pretattica”. Ha chiesto Smalling da due settimane, Smalling o chi per essi ancora non è arrivato, ha chiesto un vice Dzeko, ad oggi ancora niente.. Aveva chiesto di cacciare via Dzeko dopo il fattaccio di Siviglia, Dzeko è stato riconfermato e ieri lo ha ripagato con una “grande” prestazione con la maglia bianconera.. Ha chiesto un centrocampista di qualità da affiancare a Veretout, gli è stato risposto di provare ad adattare un imbarazzante Pellegrini.. Ha chiesto un titolare a destra e gli hanno dato 3 giocatori che presi insieme non ne fanno mezzo buono.. Dobbiamo continuare??
    E oggi ci tocca leggere una stampa in malafede e una tifoseria di incompetenti chiedere la cacciata di Fonseca per portare Allegri? Così sicuramente Brunetto a destra diventa magicamente Cafù e quello là davanti ritrova il killer instinct di Batigol?

    Fonseca come Luis Enrique, Garcia ecc..tutta gente che a Roma viene presa e trattata da imbecilli per poi fare benissimo altrove, chissà come mai!!?!?!
    Una società seria oggi rinnova il contratto a Fonseca e gli completa la rosa con i 4 giocatori chiesti che ancora mancano (e nonostante tutto il cambio Dzeko con un attaccante di livello, cosa chiesta dal tecnico non è stato fatto), o al limite lo caccia via e prende l’Allegri di turno ma ci vuole CHIAREZZA!!

    Mandare al massacro un tecnico che ha come unico difetto quello di essere troppo un signore e una brava persona è da vigliacchi. Sono due anni che sto poverino va avanti senza una dirigenza alle spalle, senza un d.s. , con una rosa incompleta e piena zeppa di giocatori rotti, e non ha mai detto una parola. Il Conte della situazione oltre a piangere ad ogni intervista chiedendo giocatori si sarebbe già dimesso, a fare il mercato alla Football Manager siamo capaci tutti, non c’è bisogno di Conte..

    • D’accordo su alcune cose,
      1. credo fortemente che Fonseca vada fatto lavorare. E sono d’accordo tutto quello che hai detto su di lui. Spazi compresi.
      2. dzeko che ha giocato per la juve ieri onestamente non si può sentire..ha fatto una grande partita, ma sottoporta non è cinico. Non lo è mai stato in carriera. Ce ne siamo sempre lamentati. Ma ha fatto a sportellate contro tutti. Deve fare di più..ma che ha giocato per la juve…Io ricordo quando stava per passare al chelsea..là si che si guardava gli scarpini quando scendeva in campo con la nostra maglia..ma non ieri.
      3. Cacciare via dzeko dopo il fatto di Siviglia? può essere..ma lo dai alla juve? All’estero lo devi da..

      • Caro Kaiowas esiste anche la volontà dei giocatori. La moglie di Dzeko fa fatica a lasciare Roma di cui è innamorata, Torino è già tanto figuriamoci andare all’estero!!!
        Sul fatto che abbia giocato per la Juve o meno ti ricordo che parliamo di un calciatore che prende 7 milioni e mezzo di euro all’anno (ingaggio da super big, soldi mai visti nemmeno da Totti), e se prendi quell’ingaggio lì ti concedo di sbagliare una sola occasione clamorosa non due.. Non scherziamo, si sta già facendo il gioco al massacro su Mayoral (nemmeno preso già si è catalogato come “pippa” vedendo 4 statistiche, se il calcio si facesse con le statistiche metteremmo i computer in panchina) ma siamo proprio sicuri che uno come lo spagnolo ieri sera ti cannava entrambe le occasioni? Non è concentrato, e non è focalizzato sul mondo e sul progetto Roma.. Io firmerei subito per cederlo prendendo il Depay della situazione, via giocatori così indolenti da Roma!!

    • In grandissima parte hai ragione su quasi tutto ciò che hai detto. Non sono d’accordo su un paio di aspetti: a mio parere non si può paragonare Luis Enrique con Garcia, perché Garcia ha dimostrato anche alla Roma il suo valore, mentre Luis Enrique ha solo fatto gavetta a spese nostre, essendo alla sua prima esperienza, ed è scappato alla prima occasione, più che essere stato cacciato! I cambi in panchina, si possono pure fare usando chi ti ritrovi… se va male, il responsabile sarà la mancanza di alternative valide, ma magari, un Kluivert ti gioca meglio di uno spompato Miki o Pedro… o un ragazzino della primavera si rivela utilizzabile, hai visto mai?

    • Premetto subito che Fonseca non è il mio ideale di allenatore, ma è solo per gusti personali e se posso muovere una critica all’allenatore è che spesso ritarda i cambi o come ieri sera ne utilizza pochi.
      Ma concordo con quanto scrivi è vergognoso il comportamento di tifosi e “stampa” conto l’allenatore che non ha mai avuto la possibilità di lavorare con serenità, cosa che a Roma è sconosciuta perchè vogliono tutto e subito come se noi avessimo una bacheca di trofei dome il Real Madrid, la verità è che tifoseria e sedicente stampa è la “causa” delle nostre non vittorie, tutti messi sulla graticola (non tutti…eccetto qualcuno che è intoccabile anche se non ci ha fatto vincere nulla!) qui anche Guardiola o Klopp non durerebbero più di una stagione a Liverpool hanno atteso Klopp (che non era sconosciuto ma affermato allenatore vincitore in Bundesliga e finalista di Champion) dopo un settimo e un ottavo posto mediocri lui ha trovato la quadra del cerchio, e ha fatto del Liverpool la squadra vincente che è oggi, ma a Roma dopo un ottavo posto che non qualifica nemmeno in Europa League Kloop sarebbe stato incenerito. Ci ricordiamo come abbiamo trattato L.E? Per noi era un imbecille ebbene quell’imbecille ha fatto di record (imbattuto nemmeno Guardiola ci è riuscito vincendo alla prima stagione al Barcellona 6 titoli su 6 competizioni nello stesso anno!)Ecco cosa è questa città e questo ambiente l’allenatore portoghese deve lavorare in queste condizioni dove pure un Allegri fallirebbe, già immagino il livornese (permaloso e poco diplomatico) in guerra perenne dopo un paio di cattivi risultati, lui che non è un maestro di gioco ma un buon gestore, ricordate il Milan post scudetto senza Ibra e qualche altro giocatore venduto, è andato subito in difficoltà e ha faticato a tenere a galla la squadra, ma la “memoria” è molto corta in questa città dove abbiamo cambiato allenatori a gogò, giocatori, dirigenti e proprietari ma dove sono rimasti gli unici che dovrebbero cambiare ovvero tifosi e “espertoni” di calcio che pontificano nelle radio e nelle tv locali è che sono il male assoluto di un ambiente provinciale e perdente.

    • Tutto giusto meno che su Dzeko.Non ha giocato per la Juve,anche se è sottoforma.Ma non puoi chiedergli di fare il gioco e poi andare a chiuderlo.Ha 34 anni.Su Fonseca sono d’accordo,lo stanno massacrando;i giornalai,la società,la tifoseria arrogante,provinciale ed incompetente.

    • A me invece sembra che:
      – Luis Enrique se n’è andato da solo nonostante il sostegno dei tifosi (famosi striscioni in Curva Sud “adelante luis” e “mai schiavi del risultato”).
      – Garcia è stato cacciato da quel maiale di pallotta non appena ha osato dire “dobbiamo vendere per comprare, così non si può competere con la juve”. Da quel giorno delegittimato e messo ai margini.
      – “mio calcio” stendiamo un velo pietoso, ma principalmente è stato accusato di complicità nella distruzione della Roma ad opera di monchi ed ha lui stesso recentemente fatto ammenda per la cosa. Se avalli una cosa del genere e poi fai ridere è normale che poi diventi tu il bersaglio. Normale e giusto.
      – Spalletti forse è l’unico a cui hanno rotto le palle per la storia di Totti, ma anche lui appena ha capito che aria tirava con bermudino s’è dato a gambe levate, forse ANCHE per le critiche ma non certo solo per quelle.
      Non sono i tifosi a cambiare 10 allenatori in 10 anni, mettetevelo in testa.
      Se ti rifiutano Conte, Sarri, addirittura Gasperini e ti ritrovi con la quinta scelta dal campionato ucraino non è per colpa dei tifosi.
      A qualcuno fa comodo pensarlo, perchè costa caro ammettere la totale inadeguatezza ed incapacità di una società in cui si era riposta la propria fiducia. Ma è facile così: è facile e sbagliato. Facile confondere l’effetto con la causa.
      Io invece sottolineerei il fatto che, fra tutti questi fenomeni della panchina, non ce n’è stato uno che è uno in grado di smerdarli a questi tifosi cattivoni, rispondendo alle critiche coi risultati: stranamente le cose vanno sempre come dicono loro.
      Chissà com’è….

      • Vediamo anche dove sono oggi sti grandi allenatori:
        Luis Enrique: desaparecido.
        Zeman: in pensione.
        Andreazzoli: boh…spero a chiedere l’elemosina col piattino.
        Garcia: bene al Lione il primo anno dopo essere stato contestato e cacciato da Marsiglia.
        “Mio calcio”: in provincia dopo aver fallito in provincia.
        Spalletti: a spasso dopo che l’inter gli ha preferito conte.
        Ranieri (mai contestato): non dico niente perchè gli voglio bene.
        Sarà che invece i tifosi c’avevano visto lunghissimo e capito che la maggiorparte di questi erano dei miracolati inadeguati che non avrebbero mai dovuto allenare la Roma manco di striscio in vita loro?
        Sarà che in 10 anni non hai portato a Roma un allenatore di primo piano che è uno?

      • Ti rispondi da solo dopo aver detto che Luis Enrique è un desaparecido, e questo ti fa capire come sei talmente rinchiuso nel tuo mondo provinciale romano da non vedere cosa succede intorno.

        Lucho lontano da Roma ha vinto il triplete a Barcellona (e basta con sta storia “lo vincevo anche io con quella squadra”, si è visto dopo di lui quante figure di cioccolata hanno fatto gli altri), al primo anno mettendo il record come primo allenatore a portare 6 titoli in una squadra alla prima stagione.

        Ora dopo il grave lutto che lo ha colpito con la perdita della figlia e che lo ha giustamente portato a prendersi una pausa allena la Spagna.. E questo sarebbe un desaparecido?
        Ti ricordo che il famoso Adelante Luis fu immediatamente precedente a “scucchietta vattene”, Lucho a Roma è stato preso per imbecille da gran parte dei tifosi e soprattutto dalla stampa, con buona parte dei tifosi e dei giornalisti che ancora lo prende per i fondelli in modo ironico dicendo “er proggetto”.

    • sono d’accordo quasi su tutto. ma dire che dzecko giocava per la juve proprio non si può sentire. hai detto chiaramente che dezcko non è mai stato cinico sotto porta e questo in parte è vero, ma se ieri dzecko avesse buttato dentro quella palla invece che nel palo era stato insieme a veretout il migliore in campo, tutte le azioni importanti sono venute dai suoi piedi, se la roma ha fatto un evelozuione in 7 giorni è grazie alla sua presenza. non mi piace questa ricerca continua del capro espiatorio, non cascare anche te in una buccia di banana. e poi non sono afaftto convinto che sia stato Fonseca a chiedere la sua cessione, altrimenti ieri non era alla Roma, la cessione era una scelta logica di mercato. punto

  2. x giu’ le mani da fonseca .. io sono Papa Max .. ho conseguito con successo il patentino da divano .. ho il coraggio di dire la mia sul cambio Santon-Bruno Peres .. ho il coraggio di attribuire ANCHE a Fonseca la mancata vittoria di ieri sera .. sono notoriamente incompetente .. evidentemente ottuso e manderei via Fonseca, anzi, l’ avrei gia’ fatto, e prenderei Allegri .. Posso permettermi di avere dei punti di vista leggermente differenti dai tuoi? grazie per averci offerto il tuo democratico commento al quale ho risposto anche io democraticamente .. e non detto quello che io penso di te ..

  3. buongiorno e forza Roma. 2-2 con l’amaro in bocca. considerando che per tutti dovevamo prende la legnata, che criticate a fa? è un punto in più di quello che pensavate. benissimo il pressing e la difesa (la juve segna con un episodio e poi se quello sta in aria un quarto d’ora..), finchè siamo stati in parità numerica prestazione ottima e su cui costruire. l’uomo in meno per assurdo consente alla rube di trovare le giuste misure in campo, e i nostri sono entrati in modalità “gestione del risultato” che non è una cosa che si fa contro Ronaldo, deve andare a fare il terzo. Pedro, sempre detto, è un campione. Spina se fa una stagione intera così è uno dei terzini migliori della storia giallorossa, bella conferma dopo Verona. Veretout stupefacente. Dzeko: non mi pare che sia l’unico a magnasse i gol (eh, Mkhi?) e sul mercato non ce s’è messo da solo, basta polemiche, tenemoselo stretto.
    Pellegrini: il rigore è un episodio. è un giocatore diverso. nella nuova posizione (non ci voleva tanto), chiaramente deve prendere confidenza, ma si sono viste cose belle: come apre il campo quando rilancia il contropiede, come copre di posizione e intercetti in difesa. deve crescere nel proporsi, ieri, per disabitudine e avversario, è stato troppo prudente. e soprattutto deve venirgli la testa da grande giocatore, da quello che prova le giocate con autorità e continuità. i piedi e le letture ce l’ha.
    Kumbulla: il classico ventenne che fa la prima da titolare contro la rube.. ha sbagliato un passaggio per far vedere che può sbagliare. rende più sicuro e meno esuberante Ibanez, bravi.
    il terzino destro che dovemo fa? Pellegrini a centrocampo potrebbe far partire uno fra Diawara e Cristante, e darci i soldi per il terzino, se no sappiamo dove dovremo investire l’anno prossimo. ma il discorso è sempre quello: se non parte nessuno.. poi che ce fai co 4 terzini destri + Bouah? e Florenzi in prestito (come ce stava bene). anzi, Santon ha fatto una gara più che discreta, ma se ogni terzino dx dura 60 minuti, forse 4 so pure pochi.
    dopo 2 partite siamo imbattuti sul campo, ce magnamo i gol (cioè basta buttarla dentro per migliorare), e l’ingresso di Kumbulla ha creato il reparto, che va puntellato sul mercato come l’attacco. l’allenatore va sostenuto (poi se viè Allegri è meglio), ha presentato una squadra pronta ed efficace, che meritava i 3 punti, ma è squadra giovane e aver messo sotto i multicampioni per tutta la partita è tanta roba. devono crescere, ma va bene così: portiere senza voto contro la rube e state a frignà

      • ciao. hai visto, mezza partita in panca, ma dietro Pellegrini, e l’agente di Diawara “tuona”. impacchettare, prendere soldi Arsenal, comprare Smalling e terzino

    • Abbastanza d’accordo su tutto Sbinf!
      Su Mkhi -che, sia chiaro, è un gran giocatore- mi chiedo come mai i nostri rarissimamente tentino lo scavino in situazioni di quel genere. L’ultimo che ricordo fu Florenzi contro la juve un paio d’anni fa. A me sembrerebbe la soluzione più sicura, e invece spessissimo si tirano rasoterra che sono molto più probabilmente intercettati. Ieri Szczęsny l’ha presa di culo. Ma non nel senso di fortuna, l’ha presa letteralmente “con” il culo, il che vuol dire che anche se provi a fargliela passare sotto alle gambe rischi che venga intercettata.

      • credo che la questione tecnica che poni sia di facile soluzione: lo scavetto devi sapello fa. certo, però, ci si può anche chiedere: ma provare a sfonnalla la porta?

      • Eh @sbinf, dici che Mkhi non lo sa fà lo scavetto? 🙂
        Cmq sì mi accontenterei anche de sfonnà la porta. È stato un momento brutto perché quando l’ho visto rientrare da destra a sinistra liberandosi da solo in area per me era gol, non prendevo proprio in considerazione l’ipotesi parata visto quanto è forte l’armeno. E invece Florenzi 1 Mkhi 0! E a onor del vero bisogna dare merito anche a coso che è uscito bene.

      • @Geppo, se pensi che Totti ha finito la carriera senza mai segnare di tacco… e pure un paio di volte mi pare di averlo visto toccare di tacco

  4. A parte il fatto di RIVENDICARE, almeno in DEMOCRAZIA, la LIBERTÀ D’OPINIONE, io sono tra quelli che MAI avrei preso Paulo Fonseca quale allenatore della Roma. Se poi entriamo nello specifica della partita di ieri, be’… Qualcosa da dire ce l’ho pure io che, un minimo, a pallone c’ho giocato. Non mi dilungherò troppo, ma almeno due errori GRAVI li ha commessi : i cambi tardivi e l’aver insistito su un attacco ormai fisicamente spento al 60′ di gioco per la SECONDA PARTITA CONSECUTIVA. E qui mi fermo.
    Rispetto le idee di tutti e penso che, ora come ora, Max Allegri non verrebbe mai alla Roma; e cambiare Fonseca con Sarri, adesso, sarebbe pura follia in quanto il toscano-napoletano è un integralista che ha bisogno di tempo (pre-season) per lavorare sui giocatori. Tempo che ovviamente adesso non c’è più.
    Forza Roma SEMPRE (nonostante tutto)

  5. Concordo con il contenuto del primo messaggio: Fonseca ora va difeso, non sarà il migliore allenatore del mondo (chi sarebbe poi?) ma sta guidando una nave in tempesta da più di un anno, senza fiatare né lamentandosi. dovremmo portargli rispetto anche solo per queste doti umane.

  6. Beh sinceramente il tuo patentino da divano per quanto si possa esprimere liberamente un idea, lo hai ottenuto alllo spin. Non ti offendere ma se ieri hai affrontato una squadra che aveva Dybala e douglas costa in panchina, con Bruno Peres e klivert come cambi possibili, come cribbio fai a non dare merito all’allenatore!!!!Al TUO allenatore. Cerchi solo appigli per avvalorare la tua tesi, senza vedere con oggettività che il problema non è l’allenatore che anzi è un valore aggiunto.

  7. Dzeko oggi è un ottimo regista d’attacco, prende le palle lunghe, vede il gioco come pochi; però è diventato un mediocre cannoniere. Non aspettiamoci da lui più di dieci – dodici gol in campionato.
    Forza Roma nostra.

  8. Io faccio solo un appunto a Fonseca. Sia chiaro l’uomo non si discute. E come allenatore, anche se non credo possa essere un vincente, ha anche dimostrato di imparare dagli errori (vedi il cambio al 3-5-2) e di non essere uno sprovveduto (tatticamente non è capello ma ha delle idee). Una cosa però: avevi Florenzi e per TUA scelta (non di certo economica perché non ci hai cavato un euro) ora abbiamo kasdorp e Bruno Peres, proprio perché quest’ultimo lo volevi titolare. Te ne assumi la responsabilità. Punto. Poi forza e coraggio e lasciamogli tempo.

  9. 1) Prendere Smalling subito, NO Macao, Aldarete, Verissimo ed altre incognite.

    2) Vendere il superfluo, e cioè Pastore, Karsdorp, Jesus, Fazio, Perotti, Santon, B.Peres, che rischiano di andare via a fine contratto.

    3) Prendere un vice-Dzeko ed un terzino destro titolare.

  10. La partita di ieri è stata bella e giocata benissimo, però abbiamo raccolto solo un punto, oggi grazie a Longo( hanno detto che è lui il responsabile ) siamo a -5. Il punto è questo, la squadra è incompleta, a destra viene da piangere, tre giocatori che insieme non ne fanno uno buono, in attacco meglio mayoral di nessuno e manca sempre il centrale di difesa! A centrocampo servirebbe un naingolan, uno forte che dia sostanza, che abbia leadership! In porta mirante è il titolare, se esce lui ed entra pau lopez bisogna stare con la paura, o il ragazzo lo recuperano mentalmente oppure non so. Su fonseca dico questo, mandarlo via a priori è una scelta coraggiosa, ma le cose sono due o si sceglie di continuare o di cambiare, se vuoi cambiare meglio farlo adesso. A piede libero vedo pochettino, Spalletti, allegri, Sarri e ragnick, tutti profili di alto livello, a me pochettino piacerebbe molto! Tuttavia quando viene un allenatore ti chiederà come fa anche fonseca, immagino, di completargli La Rosa con gente all altezza del quarto posto.

  11. La partita contro la Rubentus è finita in pareggio: 1 punto. Non c’è da aggiungere nulla a quanto si dice della Roma di quest’anno. Le lacune tecniche sono evidenti. I “nuovi” Pedro e Kumbulla possiamo dargli un 6 a Pedro e a Kumbulla messo esterno difensivo un S.V. perchè non è proprio apparso. La Rubentus non ha proprio attaccato ma comunque ha trovato un rigore e un colpo di testa di Ronaldo che ancora vedendo le immagini non si capisce chi lo doveva marcare. Un paio di incursioni Rubentine hanno destato tremore in tutto il reparto e Mancini e Ibanez il primo assente 90 minuti e il secondo sparacchia la palla in corner.Spinazzola ha giocato?? Pedro,Dzeko con l’aggiunta di Mikiarmeno vista l’eta durano 20 minuti (Pedro stava con la lingua di fuori a fine partita). Nel breve Pedro è un buon palleggiatore ma siccome è in affanno non riesce proprio a vedere la porta e spara in curva. Il centrocampo va detto solo che Veretout azzecca il rigore e si propone nel contropiede del gol. Poi è sparito. Pellegrini nel ruolo non suo fa un ottima partita di sacrificio difensivo e mette pezze nei non-rientri dei compagni,fa partire il contropiede del gol ma è sfortunato nel rigore. Chi continua a dargli addosso perchè è “Romano e Romanista” lo elogia . Mi fanno ridere quelli che dicono “Zorro doveva fare i 5 cambi”! Ma chi mette? Entra Peres e la Rubentus pareggia. Entra Diawara e la Rubentus attacca. Chi entrava Cristante??? Kluivert??? Perez???? Per cortesia fate il favore di parlare di “acquisti e di Campioni”. In 10 siamo riusciti a far pareggiare una Rubentus che si vede è in rodaggio e spensierata (alla fine del primo tempo le immagini Sky hanno immortalato i sorrisi e la serenità di Dybala &co) . Infine fanno sempre più tenerezza i Texani in tribuna che appaiono smarriti e senza verve. Sky comunque è un covo di anti-Romanisti : di canio,bergomi,caressa,del piero,piccinin…ci fosse un solo Romanista là dentro….

  12. unodipassaggio magari ti dovresti informare:
    Luis Enrique è il C.T della Spagna con il Barca ha vinto 10 titoli in 3 anni (bazzecole) non ha mai avuto il sostegno dei tifosi si è dimesso (rinunciando ad 1 anno di contratto) perchè l’ambiente lo considerava colpevole e lui da signore si è messo da parte.
    Ranieri ha vinto nel 2016 nella Premier (non nel campionato della Corea del nord) il titolo con il Leicester definita da Fergusson (sai chi è? quel tizio che in 26 anni al Manchester United ha vinto titoli ad iosa) l’impresa del secolo.
    Spalletti è l’ultimo ad aver vinto qualcosa a Roma nel 2017 ha fatto il record di punti e se ne andato perchè ha messo in discussione qualche intoccabile (toh come diceva Vico la storia si ripete stessa storia con L.E.)
    Garcia con il Marsiglia è arrivato in finale di E.L. con il Lione in semifinale di champion con 2 squadre men che mediocri…
    Rimane il Maestro Zeman richiamato a furor di popolo a trigoria anche da qualcuno che come Zeman è un magnifico perdente e a Roma ancora lo rimpiangono (ambiente di perdenti)
    unodipassaggio perchè fai certe figure barbine?

    • Guarda che Ranieri, inviso a baldini, l’ha cacciato il suino tuo d’oltreoceano perchè Romano e soprattuto perchè portato da Totti. Quellii che parlano di ambiente provinciale sono gli stessi che non lo volevano per quello che rappresentava. E adesso lo vuoi far passare per grande allenatore cacciato dalla piazza? Sei ridicolo.
      I tifosi della Roma (quelli veri) gli hanno sempre e solo dimostrato amore e gratitudine tanto da farlo arrivare a piangere e mai l’avrebbero cambiato con fonseca.
      10 allenatori in 10 anni! E manco ti rendi conto che se davvero fosse colpa dei tifosi, sarebbe un aggravante per una società DEBOLE che non sa proteggere il mister e si fa imporre le scelte tecniche dall’umore della piazza. Bel complimento gli hai fatto.
      E chiudo dicendo che se sono i 10 anni di pallotta che rappresentano l’uscita dal provilincialismo, ce resto tutta la vita.
      Perchè prima gli allenatori aprivano e chiudevano i cicli e portavano a casa i trofei (anche se pochi e minori, ma meglio de sta cippa!), ed i tifosi erano sempre gli stessi!!! Hai capito? Ciao!

      • Sorvolando sulle tue modalità di espressione, tutti gli allenatori che sono stati citati hanno vinto appena messo fuori il piede dal GRA, ecco fatti due domande sul perchè e datti una risposta, se ci riesci.
        Addio!

      • Ranieri è stato cacciato dalla Roma e perculato dai tifosi e dalle radio come “bisteccaro” e “minestraro”. Chiaramente dopo l’impresa del Leicester tutti sul carro dei vincitori eh!

  13. La Roma vista ieri sera è stata la migliore degli ultimi tempi. Fonseca ha impostato la partita benissimo con varie occasini da gol, fallite e solo due tiri alla Juve, dove abbiamo preso i gol. Fonseca va lasciato lavorare in tranquillità. Ha sbagliato con la sostituzione di Santon. Nel gol che abbiamo preso Perez anzichè saltare si è rannicchiato dietro Ronaldo ed anche il portiere non è esente da colpe, Ronaldo ha colpito di testa dentro l’area piccola. Dzeko non è sereno e come ultimamente gli accade sbaglia i gol fatti. Questa squadra già buona necessita di un portiere vero, una punta “carogna” ed un difensore di esperienza.

  14. Io devo ancora capire una cosa: Dzeko lanciato da solo in contropiede con Chiellini che lo tampona. Fallo di Dzeko. Dalle riprese poi si vede che Edin tiene la maglia der nasone, e ok, ma allora le cose sono due: o Dzeko ha preso Chiellini e se l’è tirato addosso per farsi fare fallo -e allora è pazzo-, oppure il pazzo è l’arbitro che non ha dato un “cartellino arancione” al gobbo.

  15. Giù le mani da Fonseca!!…bravo, bravo, bravo, pienamante d’accordo…finalmente qualcuno lucido e onesto, commento da competente vero, grazie, finalmente…stanco di leggere nun se sa che!!!

  16. Dietro la bella partita di ieri c’è anche il demerito della Juve lontana parente di quella vincente e ben organizzata di Allegri. Dall’anno scorso prende molti più gol e quest’anno non vincerà secondo me. Quindi è un pareggio che ci sta stretto e lo abbiamo regalato perché anche noi difendiamo male. Ma affronteremo squadre molto più chiuse che ci faranno soffrire. Quindi in sostanza non è cambiato niente. Se si vuole cambiare ci vuole altro

  17. Ragazzi , non si puo` essere sempre litigiosi , le opinioni ricalcano un modo di vedere le cose in maniera differente. La Roma di ieri mi ha stupito ,francamente non credevo aimiei occhi ,ma bisogna stare con ipiedi per terra ,una juventus cosi con due sole conclusioni una su rigore e l’altra in gol di Ronaldo non si vedeva da tempo come non si vedevano sprechi di gol quanti ne ha fatti la Roma perdendo una grande occasione.
    Rispetto a Verona e` migliorata , onore al Coach che ha preparato bene la partita ,ma due punti il primo non ha fortunatamente trovato la Juve degli scorsi anni il secondo continua a non gestire bene i cambi ,se Villar , Carles Perez,Calafiore non andavano bene li faceva mettere sul mercato certo ancora non sono come Mickey e Pedro ma c`e` da pensare a quanto dureranno giocando tutte le partite ,io lichiamoi tre delcentenario .Su Dzeko direi che e` sempre stato cosi ha sbagliato gol facili ,ne ha fatti di difficiliun po come Manfredini ma tiene su di se almeno due difensori e cerca di distribuire gioco in attacco dove finora ha il solo aiuto di Mickey quando riprende fiato. Ecco ci vorrebbe un Emerson o un Pizarro forse segnerebbe di piu`. lasciamo da parte critiche inutili , vero siamo tutti impazienti ,alcuni frustrati da anni di digiuno , purtroppo manca lo stadio ,manca l’atmosfera che la tv non da.

  18. Ma Yellow ecc che partita ha visto? Pellegrini peggiore in campo, non ne azzecca una, completamente avulso dal gioco, causa il rigore, non fa un passaggio sensato ecc e questo accade ormai da mesi, ieri sera da 3 in pagella ed era da sostituire dopo 45 minuti al massimo. Veretout tra i migliori a detta di tutti, Pedro Mhily Dzeko un tridente da paura (per il nostro livello) Spinazzola sempre in palla sulla fascia e in forma smagliante, Dzeko ha sbagliato due gol di cui uno assurdo ma fa una prestazione sempre sugli scudi e il fatto di non essere un cecchino da area non è una novità, ti manca qualche diotrìa o hai visto un altra partita? O forse non ti intendi bene di calcio o hai problemi di vista periferica, raddrizza il televisore che forse la tua visione migliora

  19. Luis Enrique ha portato Mendieta e una truppa di laziali e non ha dimostrato nulla,di lui è rimasta la bicicletta. Spalletti ha dimostrato che senza Totti si sognava di fare ciò che ha fatto (cò Pallotta manco una Coppetta Italia).Di Francesco è l’unico che ha portato la Roma ad una semifinale di Coppa Campioni nonostante la marea di gol subiti . Le vedovelle a volte tornano e rigirano la frittata Pallottiana che dice : 1 bonzai! A Roma siamo Romani e Romanisti e il Romanismo ci appartiene,chi non lo ama stesse dall altra parte del raccordo. Roma siamo noi,nessuno si senta offeso.

    • Hai ragione ! Questi fanno i commercialisti,gli analisti di mercato,i conoscitori di giocatori,i DS,gli allenatori….ma dimenticano di FARE I TIFOSI! E rimaranno sempre “sostenitori di loro stessi”. W IL ROMANISMO!

    • “2°, 2°, 2°, 6°, due coppe italia (con lezione de calcio all’Inter), una super coppa italiana, 3°,2°” . e t’ho detto tutto.

  20. Vorrei dire a “unodepassaggio” che se il calcio non lo segue può anche fare a meno di scrivere per forza…. ha nominato un allenatore che ha vinto un Triplete e uno che lo scorso anno con il Lione a mandato a casa la Juventus e si è fatto una semifinale di Champions… riprova con altri nomi sarai più fortunato…

Comments are closed.