Foto Tedeschi

CRISTANTE ROMA ATALANTA – I tanti errori davanti a Pau Lopez hanno tenuto la Roma in partita fino all’inatteso pareggio di Cristante. Dopo il vantaggio i bergamaschi hanno legittimato il risultato ottenuto con la zampata di Malinovskyi facendo tremare Mancini e compagni più volte per colpa di una Roma, colpevolmente, mai in gara. Poi, l’episodio che cambia l’inerzia del match, l’espulsione di Gosens a 20 minuti dalla fine. La Magica smette i panni dello sparring partner e sale in cattedra. In controtendenza con la sua storia, in cui fin troppe volte non ha saputo approfittare della superiorità numerica, si procura con il minimo sforzo il gol dell’1-1. E, galvanizzata dalla rete del pari, mette l’Atalanta alle corde sfiorando il vantaggio in almeno quattro occasioni.

Roma-Atalanta, rimane deficitario il bilancio con le big

Sarebbe stato un bel colpo rimontare la Dea dopo la rimonta subita con il Torino e una bella iniezione di fiducia per il doppio incrocio con il Manchester United.  Paulo Fonseca la poteva anche vincere dopo un primo tempo di dominio nerazzurro e tanta sofferenza che anche ai più ottimisti faceva presagire una replica della sconfitta subita con i granata 4 giorni fa, con l’aggravante di giocare anche in casa.  Con il best of dei suoi titolari il tecnico portoghese racimola con una Roma operaia e pragmatica un punticino che evita la seconda sconfitta consecutiva, ma non migliora lo score contro le big negli scontri diretti di questo campionato: il bilancio è sempre in passivo con 4 pareggi e 6 sconfitte in 10 partite.

L’azzardo di mollare il campionato


Il gol dell’ex ispirato Cristante toglie la Roma d’impaccio dopo oltre 70 minuti in soggezione al cospetto dell’11 di Gasperini. Alla fine chiude in attacco e prende in dote un punto e non i tre che avrebbero aiutato a rendere meno difficile la rincorsa ad una zona Champions sempre più distante. Se non è addio definitivo, poco ci manca. I giallorossi sono settimi a quota 55, a 6 punti di vantaggio sul Sassuolo che mercoledì battendo il Milan è salito a 49.  Mollare adesso il campionato sarebbe un azzardo. La Roma adesso è in zona Conference League, ma se perdesse ulteriore terreno, per rivedere le coppe europee nella prossima stagione dovrebbe soltanto vincerla l’Europa League.  

Leggi anche:
Se il campionato finisse oggi, Roma in Conference League

Gspin

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

3 Commenti

  1. Mollare il campionato un “azzardo”???? E perchè? Tra 7 giorni abbiamo un SOGNO! Mollare il sogno sarebbe un azzardo.

Comments are closed.