romanews-roma-sassuolo-gianluca-mancini-filip-djuricic
Foto Getty

ROMA MANCINI CORONAVIRUS – Gianluca Mancini, difensore della Roma, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport. Ecco dunque le sue parole.

Come passi la tua giornata?

“La mia routine di giornata è svegliarmi, fare colazione, aiutare un po’ mia moglie nelle cose di casa visto che prima non c’ero mai, pranzare e iniziare il programma di lavoro che la Roma ci ha mandato. Mi alleno perché è importante mantenere la nostra condizione fisica al meglio visto che il campo ci manca ma è importante stare a casa e seguire le giuste indicazioni che ci ha dato il Governo”.

Voi con Roma Cares siete molto attivi con la beneficienza. Sei orgoglioso di appartenere a una società del genere? Quali sono i risultati attuali?

“Sì sono molto orgoglioso della mia societá, la Roma ha aperto una campagna di donazione per l’ospedale Spallanzani, l’obiettivo é arrivare a 500 mila euro. Noi giocatori e staff tecnico abbiamo partecipato a questa cosa perché ci ha colpito molto e vogliamo essere partecipi anche di questo. Roma Cares negli ultimi giorni ha donato anche 13 mila mascherine e tutti i gel igienizzanti, per questo sul sito della Roma c’è tutto quello che c’è da trovare per donare. È importante donare in questo momento di grande difficoltà per tutto il paese”.

Hai giocato e vissuto tanto a Bergamo, cosa ti senti di dire ai tuoi ex compagni?

“È una situazione surreale, soprattutto per loro. Gli mando un abbraccio, gli dico ‘mola mia’ (non mollare in dialetto bergamasco, ndc). Sono un grande popolo, sapranno sicuramente rialzarsi”.

Un bilancio sulla tua stagione e cosa significa avere accanto Smalling…

“Il mio bilancio è positivo, la seconda parte di stagione ho commesso qualche errore ma è un processo di crescita e cerco di non commetterli di nuovo. Avere Smalling è d’aiuto, dà consigli in campo e cerca di migliorarmi, io lo seguo perché ha esperienza e devo rubare da lui”.

Come sta gestendo la situazione Fonseca?

“L’altro giorno abbiamo fatto una videochiamata di gruppo, eravamo 30. Ci hanno aggiornato, dato programmi nuovi e anche un nuovo piano di alimentazione. Non allenandoci spesso è importante anche questo”.

Print Friendly, PDF & Email