romanews-roma-giuseppe-conte-conferenza-stampa-dpcm-coronavirus

CONTE CORONAVIRUS DPCM – Il Premier Giuseppe Conte è intervenuto in conferenza stampa in merito al nuovo Dpcm mirato a contenere la diffusione del Covid-19. Queste le sue parole:

“Il nuovo provvedimento dovrà consentirci di affrontare questa nuova ondata di contagi e dobbiamo mettere in campo tutte le armi possibili per scongiurare un nuovo lockdown generalizzato, non possiamo permettercelo. I sindaci possono disporre la chiusura al pubblico, dopo le ore 21.00, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private. Le attività di ristorazione sono consentite dalle 5 fino a mezzanotte se il consumo avviene ai tavoli, in alternativa fino alle 18. Le consegne sono consentite senza vincoli di orario e l’asporto fino a mezzanotte. Nei ristoranti si potrà stare contemporaneamente in sei al tavolo, nessuna limitazione di orario invece è prevista per i servizi di ristorazione negli aeroporti, sulle autostrade. Le attività scolastiche continueranno in presenza, per le scuole secondarie verranno favorite modalità di fruizione in turni, anche pomeridiani. Anche per le università dovranno attuare programmi didattici in evoluzione con il quadro pandemico. Rimane vietato lo sport a contatto di tipo amatoriale e non sono consentite competizioni di squadra dilettantistiche, consentite quelle individuali e lo sport professionistico. È disposta la temporanea sospensione delle prove pratiche di guida. Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale. Per le palestre c’è stato un intenso dialogo anche col CTS. Abbiamo notizie varie e contrastanti. Molto spesso i protocolli di sicurezza sono rispettati, altre volte ci giungono notizie che non vengono rispettati. Daremo una settimana per adeguare i protocolli di sicurezza e verificarne il rispetto. Se questo avverrà, non ci sarà ragione di sospendere e chiudere le palestre. Altrimenti la settimana prossima saremo costretti a sospendere anche palestre e piscine”.

Print Friendly, PDF & Email