romanews-barcellona-inter-campnou- lautaro-martinez
Foto Getty

INTER ROMA, L’AVVERSARIA – La Roma continua la caccia al quarto posto. La vittoria sofferta conquistata contro il Verona regala ai giallorossi tre punti fondamentali per rimanere in zona Champions, ma soprattutto per dimostrare che ora tutto è possibile. La squadra di Fonseca dovrà affrontare 4 sfide complicate prima della sosta natalizia, a partire da venerdì contro l’Inter. Il match di Serie A, in programma alle 20.45 a San Siro, è sicuramente il più ostico per la Roma. I nerazzurri si trovano attualmente al primo posto in classifica dopo aver battuto la Spal 2-1.

Prossimi impegni
Inter-Roma
(15° turno di Serie A, 6 dicembre ore 20.45, Stadio San Siro)
Inter-Barcellona (6a giornata della fase a gironi di Champions League, 12 dicembre ore 21.00, Stadio San Siro)
Fiorentina-Inter (16° turno di Serie A, 15 dicembre ore 20.45, Stadio Artemio Franchi)
Inter-Genoa (17° turno di Serie A, 21 dicembre ore 18.00, Stadio San Siro)

Come l’Inter arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di campionato ha visto l’Inter impegnata a San Siro contro la Spal. A regalare il successo ai nerazzurri ci ha pensato il solito Lautaro Martinez, autore di una doppietta nel primo tempo. Gli Estensi hanno accorciato le distanze con il gol realizzato da Mattia Valoti al 50′, ma non c’è stato niente da fare. Il match è terminato con il risultato di 2-1 per i padroni di casa. La squadra di Antonio Conte ha così conquistato la quinta vittoria consecutiva in Serie A e ha soffiato il primo posto in classifica alla Juventus, fermata in casa dal Sassuolo.

Una stagione da record che porta la firma di Conte e non solo…

Finora il bilancio stagionale dell’Inter in Serie A è da record: 12 vittorie, un pareggio e una sola sconfitta in 14 gare. Con soli 13 gol incassati, i nerazzurri vantano anche la seconda miglior difesa del campionato dopo la Juventus (12), titolo strappato al Verona dopo la sconfitta rimediata contro la Roma. Inoltre, con 31 gol realizzati, il suo è il terzo miglior reparto offensivo della Serie A, dopo Atalanta (34) e Lazio (33). Merito soprattutto della coppia formata da Lukaku e Lautaro, che ha messo a segno ben 24 gol tra campionato e Champions League. I due sembrano completarsi alla perfezione anche dal punto di vista numerico: il belga è il capocannoniere in Serie A con 10 reti, mentre l’argentino si è distinto in Europa realizzando 5 reti in 5 partite. Non è detto che non riesca a raggiungere il compagno di reparto anche in Italia: è infatti già a quota 8 gol.

Punti di forza e debolezze

Numeri da capogiro questi, confermati da grandi risultati ottenuti sia in casa che in trasferta. A San Siro però il rendimento dell’Inter è leggermente meno positivo: ha ottenuto 5 vittorie, un pareggio e una sconfitta, incassata contro la Juventus. Nessun ko in esterna invece per i nerazzurri che hanno collezionato 7 successi su 7 gare. Un altro dato può impensierire ulteriormente la Roma: la squadra di Conte ha sempre segnato almeno un gol in tutte le partite disputate finora. Questo grazie anche ad una notevole precisione: ben 102 dei 161 tiri effettuati in Serie A hanno raggiunto lo specchio della porta. Handanovic è stato il portiere meno impegnato in campionato fino a questo momento, effettuando ‘solo’ 33 parate. I nerazzurri detengono anche altri due primati: con una media di 111.329 km percorsi, sono la squadra che corre di più in Italia e che vanta il maggior possesso palla (28.54′). Inoltre, come la Roma, l’Inter si è dimostrata molto pericolosa sui calci piazzati, realizzando ben 11 reti su palle inattive. Attenzione anche alle torri della squadra di Conte che ha già messo a segno 6 gol di testa. Un’occhiata al cronometro ci rivela che per l’Inter molto accade tra il 15′ e il 30′: la squadra ha realizzato e incassato il 30% delle reti totali durante questo quarto d’ora. Un calo di concentrazione sembra spesso verificarsi anche tra il 45′ e il 60′.

Le scelte di Conte per Inter-Roma

Il 3-5-2 è finora il modulo più utilizzato da Antonio Conte nel corso di questa prima stagione sulla panchina dell’Inter. Il tecnico leccese dovrà ancora fare i conti con alcune assenze importanti per il match di campionato contro la Roma. Gli infortuni continuano a decimare il centrocampo nerazzurro: dopo gli stop di Barella e Sensi ora anche Gagliardini è costretto a rimanere ai box. Gli esami sostenuti in questi giorni dal giocatore hanno evidenziato una distrazione miotendinea della pianta del piede destro. Le sue condizioni saranno rivalutate la settimana prossima, non sarà quindi in campo venerdì. Lungo stop invece per i due compagni di reparto, che probabilmente non torneranno in campo prima dell’inizio del 2020. Nonostante l’imminente e fondamentale sfida di Champions League contro il Barcellona, Conte sembra deciso a mettere in campo la sua formazione migliore in Serie A. In porta come sempre ci sarà Handanovic, pilastro della squadra nerazzurra, con Godin, de Vrij e Skriniar a completare il reparto difensivo. A centrocampo spazio a Candreva, Brozovic, Vecino, uno tra Asamoah e Biraghi e per finire Borja Valero, che dovrebbe prendere il posto dell’infortunato Gagliardini. In attacco la coppia delle meraviglie, formata da Lautaro Martinez e Romelu Lukaku.

La probabile formazione

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 2 Godin, 6 de Vrij, 37 Skriniar; 87 Candreva, 20 Borja Valero, 77 Brozovic, 8 Vecino, 18 Asamoah; 10 Lautaro Martinez, 9 Lukaku.
A disp.: 27 Padelli, 46 Berni, 95 Bastoni, 13 Ranocchia, 31 Pirola, 34 Biraghi, 21 Dimarco, 33 D’Ambrosio, 32 Agoume, 19 Lazaro, 16 Politano, 30 Esposito.
All.: Antonio Conte

BALLOTTAGGI: Asamoah-Biraghi, Skriniar-D’Ambrosio.
INDISPONIBILI: Barella (intervento per distacco della cartilagine della rotula), Sanchez (intervento alla caviglia), Sensi (problema muscolare), Gagliardini (distrazione miotendinea della pianta del piede destro).
IN DUBBIO:-.
SQUALIFICATI:-.
DIFFIDATI: Barella, D’Ambrosio, Lautaro, Skriniar.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email