romanews-roma-cetin-villa-stuart
Romanews.eu

CONFERENZA STAMPA CETIN – Tutti gli argomenti trattati da Mert Cetin in occasione della conferenza stampa di presentazione tenutasi oggi a Trigoria.

SOGNI E OBIETTIVI – “La Roma è sempre stato un sogno fin da piccolo, ho sempre desiderato venire qui. Con il tempo imparerete a conoscermi e sul campo vedrete quanto valgo. L’avevo già detto prima: da quando ho firmato con la Roma penso solo alla Roma. Non penso a prestiti o altro. Avrò bisogno di adattarmi e se ci sarà da aspettare aspetterò. Poi potrò giocare al meglio con la Roma”.

I CONSIGLI DI FONSECA E DI UNDER – “Avevo già parlato con Cengiz della Roma prima di arrivare. Mi ha detto di quanto fosse importante. Secondo me potrà essermi d’aiuto finché non riuscirò a parlare l’italiano, ma ho intenzione di studiarlo presto. E’ un mio fratello turco e ci aiuteremo molto a vicenda. Lui mi ha raccontato bene il calore della Curva e di come nel campionato italiano il calcio sia molto sentito. Non vedo l’ora di scendere in campo e giocare di fronte ai tifosi e fargli vedere quanto valgo. La Serie A è campionato tra i più difficili del mondo, uno dei migliori per incrementare le capacità di un difensore. Fonseca mi ha detto molte cose, soprattutto di avere molto grinta e metterci tanto impegno in quello che faccio. Mi sento abbastanza forte come difensore centrale e di essere all’altezza per competere con gli altri difensori della Roma, anche se avrò bisogno di un periodo di adattamento. Poi vedrete le mie qualità”.

PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZE – “Sergio Ramos è un mio idolo, ma il mio nome è Mert Cetin. In un paio d’anni riuscirò a far comparire il mio nome. Anche io sono un giocatore abbastanza duro e aggressivo che riesce a far ripartire la difesa. Per me è un idolo, ma vorrei che scrivessimo anche il mio di nome negli annali. I miei punti di forza sono velocità e ripartenza dalla difesa. Da migliorare credo ci siano diverse cose. Il campionato italiano per questo è il migliore, perché permette di migliorarsi molto. Nello specifico vedrò su cosa lavorare durante il campionato. Quello che posso dire è che ho grandi potenzialità da sfruttare”. “

LO SVILUPPO DEL CALCIO TURCO E IL RIFIUTO ALLE BIG – “Sicuramente è l’era d’oro per il calcio turco. Ci sono molti giocatori forti che già giocano in Italia e in Europa. Questa cosa aumenterà ancora. Questa nuova generazioni è molto forte e promettente e credo che farà emergere la Turchia a livello internazionale. E’ vero mi hanno cercato Galatasaray e Fenerbahçe, ma nei miei sogni c’è sempre stata l’Europa. Il campionato italiano è forte e permette di migliorarsi molto. In questo club sono sicuro che riuscirò a migliorare e far vedere a tutti chi sono e quanto valgo”.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here