(foto Getty Images)

NEWS DELLA GIORNATA – A due giorni dalla sconfitta con la Fiorentina è già vigilia di campionato. Domani sera all’Olimpico (ore 20.45) la Roma sarà chiamata a riscattarsi contro il Napoli di Mazzarri, in piena lotta per il terzo posto. Arbitrerà Rizzoli (LEGGI LA RUBRICA ‘OCCHIO AL FISCHIETTO’ A CURA DI ROMANEWS.EU). A Trigoria prosegue intanto il clima di contestazione, testimoniato da due striscioni contro Luis Enrique e la squadra. Tutto questo mentre il tecnico ha presentato la sfida di domani in conferenza stampa. In campo c’è da registrare il quasi sicuro forfait di Stekelenburg.

CONTESTAZIONE TIFOSI– Non si placa la protesta dei tifosi per l’esito deludente di questa stagione. Questa mattina sono stati esposti due striscioni fuori il centro sportivo di Trigoria, uno indirizzato a Luis Enrique e uno rivolto alla squadra. Il primo invitava l’asturiano ad andarsene: “Luis regresa en tu casa!!! (Luis tornatene a casa!!!“), mentre il secondo, rifacendosi alle proteste di una settimana fa dei tifosi del Genoa, richiedeva ai giocatori di emulare il gesto compiuto da Marco Rossi & co.: “Toglietevi la nostra maglia indegni!!!”. Gli striscioni stavano per essere rimossi da alcuni inservienti della Roma, provocando momenti di tensione con alcuni tifosi. Ad evitare l’intervento della polizia è intervenuto il dg Franco Baldini, accompagnato dal ds Walter Sabatini, che ha chiesto alle forze dell’ordine di lasciare stare gli striscioni:  “Non vanno tolti, non c’è scritto nulla di offensivo e maleducato. E’ giusto che esprimano il loro dissenso. La situazione è tranquilla, ve ne potete andare”. Sia Baldini che Sabatini hanno anche avuto un altro faccia a faccia (dopo quello dell’Olimpico) con i sostenitori giallorossi.

CONFERENZA LUIS ENRIQUE – Nonostante il rapporto con la piazza sia in bilico, Luis Enrique non rimpiange di aver scelto la Roma: “Mai mi sono pentito di questo. E’ un grande piacere essere l’allenatore di una squadra come questa, in una città importantissima e con un società incredibile“. L’asturiano si è poi appellato per la prima volta ai suoi giocatori per superare la crisi: “Devono migliorare tantissimo. Tutti. E portare questa maglia con più orgoglio. Quelli che la portano da un mese, dieci anni, venti anni…Tutti! Per essere all’altezza di questo tifo, di essere all’altezza di questa squadra, di questa società“. L’allenatore ha poi fissato l’obiettivo di questa stagione (“lottare ancora per l’Europa Leaguee non si è detto certo di rimanere alla guida della Roma: “Alla fine del campionato guarderemo i problemi, cercheremo delle soluzione e vedremo cosa succederà“.

CONFERENZA LUIS ENRIQUE 1 Un giudizio inoltre al primo anno sulla panchina giallorossa: “Si è fatto un anno diverso, non è stato un anno normale. E’ il primo anno di questa società e penso che si siano fatte cose buone. Forse non si sono viste per quanto riguarda la classifica. Ma io sono sicuro che la Roma nel futuro vincerà. Certo che ci sono dei difetti in questa rosa. Con la Fiorentina non siamo riusciti a cambiare il corso della partita. E’ mancata personalità“. Scagionato però Simon Kjaer:  “Gli faccio i miei complimenti, perchè è un giocatore di 22 anni con un futuro incredibile. Sta giocando sempre, è diventato un giocatore indispensabile per noi e lo sta facendo sotto pressione. Qualche volta ha sbagliato, ma lui, il giorno dopo è stato pronto a ripartire. E per me ha fatto miglioramenti incredibili in questa stagione“.

CON IL NAPOLI STEKELENBURG OUT – Come annunciato dallo stesso Luis Enrique in conferenza stampa, Marten Stekelenburg ha un problema alla spalla sinistra che oggi non gli ha permesso di allenarsi. Con il Napoli dunque, oltre agli squalificati De Rossi, Osvaldo e Lamela, dovrebbe mancare anche il portierone olandese. Pronto a sostituirlo Gianluca Curci, preferito a Lobont (tornato a disposizione). Nell’allenamento di oggi Luis Enrique ha provato un centrocampo composto da Gago, Greco e Pjanic. Probabile quindi un arretramento di Marquinho in difesa, con Taddei, Kjaer e Heinze a completare il pacchetto arretrato. In avanti pochi dubbi: spazio al tridente Totti-Bojan-Borini.

IL CAPITANO SCUOTE L’AMBIENTE Francesco Totti, in un’intervista rilasciata alla rivista ufficiale del club, La Roma, in edicola domani, ha voluto infondere una ventata di ottimismo sul futuro della squadra e della società: «La proprietà americana vuole fare grandi cose, forti investimenti e sono fiero di far parte del progetto di cui si parla tanto. I nuovi manager mi sembrano determinati a far diventare grande questa società. Baldini è un grande dirigente e ha voglia di vincere. Sabatini è una presenza costante nello spogliatoio. Luis Enrique è una persona particolare, un uomo leale e vero, che ti trasmette quello che ha in testa. Una persona su cui puoi contare sempre».

QUI NAPOLI – Anche il Napoli di Walter Mazzarri ha proseguito la sua preparazione alla sfida di domani sera. Il tecnico dei partenopei, che ha diramato oggi la lista dei convocati, è intervenuto anche lui in conferenza stampa, affermando di non fidarsi della Roma:  “Diffido della sua crisi, è una squadra giovane ed in quanto tale passa velocemente da momenti bui a partite di livello. Ha un campione come Totti che fa la differenza, sono felice dell’assenza di De Rossi. E’ una squadra con valori assoluti“. Su Luis Enrique: “Lo ritengo una persona seria e credibile. Il clima di contestazione a Roma? Sarà la partita e i suoi episodi a decidere il tutto, non dobbiamo dare possibilità alla Roma di fare il suo gioco, è una squadra che ha nelle corde la possibilità di far male“. Ha parlato della partita dell’Olimpico anche Marek Hamsik: “Match decisivo? Sì, tutte saranno decisive. A partire da quella con la Roma, che ha perso l’ultima partita in casa e sicuramente vuole dimostrare il suo valore. Napoli favorito? No, è una partita senza un favorito. E’ una partita fra due grandi squadre e sicuramente sarà molto difficile“.

LEALTRE NOTIZIE – Il sindaco del comune di Montecompatri, Marco De Carolis, ha formalizzato a Cushman & Wakefield (l’advisor per l’individuazione dell’area in cui costruire lo stadio di proprietà As Roma) la candidatura per la costruzione del nuovo impianto giallorosso. L’area indicata è quella di Pantano Laghetto, dove il prossimo giugno entrerà in esercizio il tratto T1 della Metropolitana Linea C.
Infine Pep Guardiola ha rassegnato le sue dimissioni dalla guida del Barcellona. Oggi l’ex tecnico blaugrana ha spiegato così i motivi della sua decisione in conferenza stampa: “Sono stanco, la colpa è stata solo del tempo. Non credo di voler allenare subito” (LEGGI LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE). A sostituire Guardiola sarà il vice Tito Vilanova, in attesa di sapere chi guiderà il Barca nella prossima stagione…

NEWS AGGIORNATE ALLE ORE 22

Federico Antonio Petitto

PROSSIMA PARTITA: Roma-Napoli (Stadio Olimpico, ore 20.45, 28/04/2012)
ROMA (4-3-3): 18 Curci; 11 Taddei, 44 Kjaer, 5 Heinze, 7 Marquinho; 19 Gago, 15 Pjanic, 23 Greco; 21 Bojan, 10 Totti, 31 Borini. A disp.: 1 Lobont, 87 Rosi, 3 Josè Angel, 30 Simplicio, 20 Perrotta, 40 Piscitella, 26 Tallo. All.: Luis Enrique
Indisponibili: Stekelenburg, Burdisso, Juan
Squalificati: Osvaldo, Lamela, De Rossi
Diffidati: Cassetti, Osvaldo, Juan.

NAPOLI (3-4-1-2) 1 De Sanctis; 21 Fernandez, 28 Cannavaro, 6 Aronica; 11 Maggio, 88 Inler, 23 Gargano, 20 Dzemaili, 18 Zuniga; 17 Hamsik; 7 Cavani. A disp.: 15 Colombo, 85 Britos, 2 Grava, 3 Fideleff, 8 Dossena, 22 Lavezzi, 29 Pandev, 16 Vargas, 90 Ammendola. All.: Mazzarri
Indisponibili: Donadel, Rosati e Campagnaro
Squalificati: –
Diffidati: Cavani, Aronica, Inler, Grava, Dzemaili e Fernandez.

QUATERNA ARBITRALE
Arbitro: Rizzoli di Modena
Assistenti: Faverani e Stefani
Quarto uomo:  Tagliavento

AS Roma Store

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here