SENTI CHI PARLA… ALLE RADIO – Ogni giorno, in questo spazio, potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano, raccolti dalla nostra Redazione.

Francesco ‘Checco’ Oddo Casano a Centro Suono Sport: “In un momento così delicato della stagione e della mini storia della Roma americana, James Pallotta in maniera poco lungimirante ha scelto la strada del muro contro muro, che non produrrà alcun effetto positivo, anzi. Oggi leggo un virgolettato di Pallotta, “Io vado avanti”… ma avanti dove? Quali sono le reali intenzioni del presidente della Roma? La scelta di aprire in queste ore la campagna abbonamenti conferma che a Trigoria vivono una realtà parallela, dove non si riesce a comprendere l’area che tira in città, quale sia l’umore dei tifosi”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Si vuole sottolineare, mistificando la realtà, che la parte moralizzata e pura dei tifosi della Roma sposa la linea di Pallotta. Poco lungimirante la scelta di far partire la campagna abbonamenti in questi giorni di dissenso. Pallotta ha preso una posizione ufficiale non presentendo ricorso a favore dei tanti abbonati di curva Sud, per compiacere le istituzioni in vista della costruzione del nuovo stadio”

Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “Mi auguro che al derby ci si arrivi ancora con almeno un punto dalla Lazio per giocarsela tutta in quella partita”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Non si può pensare alle delusioni dei singoli, non è il momento. Da Totti a Skorupski, in questa stagione hanno deluso tutti. Se non si esce da questo equivoco non si arriverà mai da nessuna parte. L’unico calciatore che ha una media voto più che sufficiente è Nainggolan.”

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Se la Roma arriverà seconda dovrà essere soddisfatta per la stagione giocata. Non domina una gara dal 9 novembre, da quel Roma-Torino del girone di andata e nelle partite vinte c’è voluta un po’ di fortuna”.

Riccardo Galopeira Angelini a Tele Radio Stereo: “La Roma non è né Pallotta, né Baldissoni. Ma la Roma è la Roma. Credo che Franco Sensi sia stato l’ultimo presidente tifoso. Questa storia di scontri tra tifoseria e società si ripresentano ciclicamente. Il presidente Pallotta se l’è andata a cercare. In questo momento, ha ragione la tifoseria tutta la vita. Il cliente ha sempre ragione. Prima la qualità c’era, ora scarseggia un pò. Ma a chi giova tutta questa tarantella?”

Claudio Moroni a Centro Suono Sport: “Io sposo in pieno le parole e l’atteggiamento di Pallotta. Ha sbagliato ad usare termini forti, gli insulti, ma ha il coraggio di dire che i farabutti non devono entrare nello stadio. Il mancato ricorso? Purtroppo per punire pochi ci rimettono in tanti, ma questo succede in tanti casi”

David Rossi a Roma Radio: “E’ praticamente impossibile parlare di calcio… Mi lascia perplesso la consuetudine ormai radicata di parlare di tutto tranne che della Roma. Ci troviamo sempre a parlare di cose che succedono intorno al campo e non di quello che accade dentro al campo. Da Roma-Napoli in poi quanto si è parlato di campo e quanto si è parlato di tutto il resto?”

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here