ROMA STADIO RAGGI FRIEDKIN- Sembra ci sia la volontà di tutte le parti di dare alla Roma un nuovo stadio. L’incontro fra il primo cittadino della Capitale, Virginia Raggi e il presidente dei giallorossi Dan Friedkin ha accertato la voglia di velocizzare le pratiche per trovare una area adeguata alla progettazione dell’impianto in breve tempo.

Incontro in Campidoglio

Raggi e Friedkin, accompagnato dal Ceo, Guido Fienga, e dal capo dei “Government Affairs”, Stefano Scalera, hanno avuto un incontro in quel del Campidoglio per trovare una strada comune da seguire per arrivare alla concreta progettazione dello nuovo stadio della Roma. Come rivelato da Il Tempo, dopo la decisione del club di fermare il progetto Stadio di Tor di Valle, la società aveva chiesto un incontro al sindaco, che c’è stato nella mattinata di lunedì, intorno alle 11. Convenevoli a parte, la società giallorossa ha ribadito di voler costruire lo stadio in area verde dalla Capitale, stando anche al Piano Regolatore, che abbia almeno 150milametri quadri, senza dover attuare varianti urbanistiche. Da questa descrizione, secondo sempre il quotidiano romano, oltre a di Tor di Valle, nessuna di quelle un tempo candidate come papabili zone edificabili avrebbe quelle specifiche caratteristiche che si ricercano. C’è bisogno, infatti, di una variante urbanistica seria ed adeguata: sia Pietralata che Tor Vergata hanno l’incognita archeologia che, invece, non hanno i 120 ettari circa dei fratelli Masi a Massimina che sono già stati esplorati. Sono vicini al Raccordo e all’Aurelia e la ferrovia per Civitavecchia passa a pochi metri. Ma vanno realizzati svincoli, stazione dedicata e va fatta la variante urbanistica. Occhio a Tre Fontane all’Eur, sede delle partite casalinghe della Roma femminile: progetto che sarebbe suggestivo, ma l’area è di proprietà mista fra Eur e Comune.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

2 Commenti

Comments are closed.