romanews-roma-daniele-rugani-partita-primo-piano-juventus
Foto Getty

INDISCREZIONE RN RUGANI – Per la difesa giallorossa il nome più caldo in questo momento è quello di Daniele Rugani. Secondo quanto appreso nelle ultime ore dalla redazione di Romanews.eu, il difensore bianconero sarebbe contento di accettare la destinazione giallorossa e ci sarebbe un’apertura totale alla trattativa. Le due società sono a lavoro per trovare l’intesa che possa soddisfare entrambe e nelle ultime ore la distanza sembra essere minima. L’operazione sarebbe in prestito e non a titolo definitivo, con la Roma che spinge per il diritto di riscatto, mentre la Juventus vorrebbe l’obbligo. Nonostante la cessione di Manolas sia arrivata quasi due mesi fa, la Roma è ancora alla ricerca di un difensore che possa sostituire il greco. La presenza di Baldini come intermediario a Londra sembrava potesse facilitare l’acquisto di Alderweireld dal Tottenham, ma il calciomercato in entrata degli inglesi è ormai chiuso e non è arrivato un rimpiazzo del belga. Col difensore degli Spurs ormai messo da parte, i giallorossi devono trovare in fretta un centrale da affiancare a Gianluca Mancini, arrivato dall’Atalanta. L’ultimo acquisto dei giallorossi porta il nome di Cetin, arrivato dal Genclerbirligi. Il turco però non è ancora certo della sua permanenza nella Capitale; Fonseca sta valutando se tenerlo oppure girarlo in prestito in qualche squadra di Serie A o B.

Juventus, esubero Rugani

Rugani dopo aver firmato il rinnovo contrattuale fino al 2023 con la Juventus è finito in fondo alle gerarchie del nuovo tecnico Maurizio Sarri. Con l’arrivo di Demiral e di De Ligt, l’ex Empoli è stato relegato a quinto centrale di difesa, dietro anche a Bonucci e Chiellini. L’allenatore non lo ritiene una pedina fondamentale della Juventus e per questo il classe ’94 è finito al centro del calciomercato. Nella scorsa stagione l’azzurro ha collezionato 15 presenze in Serie A e 2 gol, mentre in Champions League è sceso in campo 4 volte.

Una Roma tricolore

Dopo Mancini e Spinazzola, la Roma si appresta ad accogliere un altro difensore della Nazionale italiana. Daniele Rugani infatti andrebbe a rinforzare un reparto che mai come quest’anno sta assumendo le tinte tricolore. A rafforzare la tesi c’è anche la chiusura dell’affare che porta a Roma Davide Zappacosta del Chelsea. Con l’arrivo dei due difensori, il pacchetto arretrato giallorosso sarebbe completo e pronto per la nuova stagione.

Claudia Belli

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Una difesa forte equivale ad un sistema difensivo valido. Se con Di Francesco si subiva tanto, era dovuto ad un gioco improntato sull’attacco (mi ricordava tanto Zeman). Nel primo anno di Di Francesco la difesa andò molto meglio perchè si giocava con un baricentro più basso e con i tre centrocampisti che garantivano sostegno ai terzini diminuivi i compiti difensivi delle ali, preservando loro la freschezza necessaria per pungere in attacco. Il guaio fu quando si passò ai tre centrocampisti col vertice alzato sulla trequarti, si garantiva il bel gioco, ma si prendeva gol ad ogni palla persa a centrocampo, coi difensori a subire l’uno contro uno, o costretti a stringere e a scalare sulla linea laterale (a causa dei terzini tagliati fuori, spesso in ritardo nel fare la diagonale su secondo palo). Quanti gol abbiamo preso nel secondo anno di Di Francesco (verso cui nutro una grandissima stima) subendo azioni di rimessa che si sviluppavano sulle fasce, palla su secondo palo, o all’altezza del dischetto, e gol? In queste situazioni non ci sono Manolas che salvino dalla rete subita. Nemmeno un Aldair (il più grande difensore giallorosso di tutti i tempi).
    Nella gestione Ranieri abbiamo rivisto la Roma vincere con gli 1 a 0, subire meno gol (certo delle volte la difesa ha fatto acqua, ma Claudietto nostro ha fatto il massimo, considerando il tempo che ha avuto a disposizione per lavorarci sopra. Erano gli stessi difensori impiegati da Di Francesco, anzi le cose sono migliorate in concomitanza con l’ascesa del secondo portiere verso la titolarità ad indossare la numero “1” del Konsel romano venuto dall’Austria, del Tancredi “crociato dello scudetto”, dell’Allison Becker in un sogno di mezza estate…
    Per questa Roma come difensore centrale occorrerebbe un giocatore alla Militao (prendere lui è impossibile per costi di cartellino e stipendio). Rugani lo vedo simile a Fazio, mentre a noi servirebbe un giocatore rapido. Secondo me prenderanno o qualcuno dal Toro, oppure un profilo a “sorpresa” su cui Petrachi sta lavorando “top secret”. In ogni caso mi fido di Paulo Fonseca e riguardo il suo Shakhtar, che incrociammo nel 2018 in C.L., ricordo che i due difensori centrali, Kryvtsov e Rakitskiy, erano lenti e di statura imponente come lo era Ordet che sostituì l’infortunato Kryvtsov nel secondo tempo della partita d’andata e che venne espulso nella gara di ritorno.
    FORZA ROMA!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here