(Foto Getty Images)

Federico Buffa di Sky Sport, esperto di calcio sudamericano è intervenuto ai microfoni di centrosuonosport 101.5 durante la trasmissione “Febbre a 90”.

Che ne pensi di Lamela?
Roma e la Roma devono aspettare questo straordinario giocatore. Io vedo la squadra di Luis Enrique attorno a Francesco Totti, perchè è lui la prima punta e se riesci a capire il gioco di Totti prima o poi la palla arriva. Il capitano riesce  a capire dove andrà la palla prima che la palla arrivi. Chiunque volesse giocare quel tipo di calcio non potrebbe non pensare a Totti. Lamela, almeno quello visto nel River, vuole la palla nei piedi e la porta tanto. I sudamericani in generale giocano in questo modo. Erik è un giocatore capace di correre con la palla sotto la suola e tenere lontano con la spalla l’ avversario, una cosa difficilissima.
Nella squadra di Totti devi fare esattamente l’opposto di quello che Lamela ha fatto fino ad ora nel River. Lui però è più grande della sua età per quello che ha vissuto nel calcio, come la retrocessione della sua squadra. Il Milan fu il primo a vedere Lamela e non hanno potuto concludere perchè extracomunitario. Sabatini ha eccellenti rapporti in Argentina e ha visto il giocatore prima che lasciasse il Palermo. Sono convinto che Luis Enrique preveda un gioco più corto, perchè le sue squadre  contano molto sul possesso palla. Erik però dovrà correre tanto perchè la Roma rimarrà la squadra di Francesco Totti”.

Si può paragonare Lamela a Menez ?
“Hanno alcune caratteristiche molto simili ma il francese è molto indolente, difetto che nell’argentino non si è ancora visto. Menez ha un passo lungo che ha fatto impazzire un giocatore come Thiago Silva quindi ha delle caratteristiche importanti ed anche Lamela ha quello stesso tipo di passo”.

Pensi che Luis Enrique possa fare bene nella Capitale?
“E’ un allenatore un po’ complesso, forse è un pò ossessivo e gli piace molto lavorare in un certo modo.Qui in Italia sono disposti a correre per una palla persa? Se lo sono, diventa un calcio spettacolare ma se non lo segui ci potrebbero essere dei problemi. Bisogna avere pazienza anche perchè a Roma si ha fretta di arrivare subito in alto.”

Tracciamo un profilo di Josè Angel
“Ha grande facilità di corsa, ma c’è sempre il problema che siamo in Italia e le diagonali o i tagli non sono propri del calcio spagnolo. Va detto però che Luis Enrique è asturiano come lui,  Angel  non dovrebbe avere problemi ad inserirsi.”

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here