PARISI APERTURA STADI – Alfredo Parisi, presidente di Federsupporter, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus. Sulla riapertura degli stadi: “Per me è una follia una riapertura parziale, che ancora di più incide sui diritti dei tifosi –ha affermato Parisi-. Qualunque forma di discriminazione va contro l’interesse dei tifosi. A parte le modalità di scelta dei tifosi che possono accedere, è una decisione contro ogni logica, così come il proseguimento del campionato la scorsa stagione, che è stato falsato nelle ultime 12 giornate. Il mondo del calcio sta perseguendo soltanto i propri interessi, dà fastidio il fatto che mettano sempre la scusa che vogliono riaprire per i tifosi. Io dico che si abbona allo stadio quest’anno è una persona che non ragiona. L’abbonamento scaturisce dalla passione di poter seguire la propria squadra, oggi tu non hai la certezza di assistere alle 19 partite, ma non hai neanche la certezza che ti rimborsino, visto quando accaduto la scorsa stagione con i voucher. Anziché dare il rimborso cash, hanno rilasciato un buono che può essere speso entro i 18 mesi. Noi abbiamo tentato di impugnare questa decisione, ci sono sentenze che hanno dato ragione ai tifosi che sono riusciti ad ottenere il rimborso. Non facendo partecipare i tifosi allo stadio per 12 giornate, non solo hanno trattenuto dei soldi in maniera indebita, ma hanno anche risparmiato sui costi di gestione dello stadio, questo non lo mette in evidenza nessuno. I tifosi sono stati trattati per l’ennesima volta come cittadini di serie b, per tutti è stata riconosciuta qualche modalità d’intervento, per i tifosi niente, i tifosi non hanno diritti, hanno soltanto obblighi”.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.