SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “La Roma ieri ha rischiato tantissimo. Proprio all’ultimo si poteva concretizzare un’eliminazione incredibile, che sarebbe stata troppo anche per i parametri della storia giallorossa. Ora è vero che avremo un sorteggio più difficile, ma questo non mi spaventa più di tanto. Infatti anche ieri abbiamo visto come la Roma abbia bisogno di un avversario di livello per rendere al meglio. Quindi che ben vengano pure squadre forti da affrontare. L’importante è che la squadra possa giocare come sa i sedicesimi di finale”.

Giuseppe Giannini a Centro Suono Sport: “Sono contento per il passaggio del turno, ieri la Roma non ha perso la partita, cosa che spesso in passato in queste situazioni accadeva. Molti calciatori mancavano, altri sono stati lasciati a riposo e Fonseca è riuscito a dare minutaggio a giocatori importanti come Mkhitaryan, queste sono cose che nell’arco di una stagione ti ripagano. Entrare in campo con due risultati su tre a disposizione condiziona mentalmente la squadra, non a caso la squadra ha accelerato solamente nei minuti finali con gli ingressi di Zaniolo e Pellegrini”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Ieri sera ho preferito non commentare a caldo, non c’è niente di buono nella partita, neanche il passaggio del turno. Non si può festeggiare una qualificazione contro avversari di questo livello. Basta con questo “accontentismo”, con questa filosofia non si andrà mai da nessuna parte, non cresceremo mai. Il pareggio equivale ad una sconfitta e dando uno sguardo alle possibili avversarie ai sedicesimi la Roma si è complicata la vita. Entrando in campo con un altro atteggiamento, con furore e carica agonistica i giallorossi avrebbero potuto chiudere la partita nel primo tempo. Il secondo è stato ancora più inspiegabile, sapendo del risultato in Germania i calciatori avrebbero dovuto metterci qualcosa in più. Abbiamo visto un atteggiamento ingiustificabile”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Ieri mi è sembrato di vedere la Roma delle prime giornate. Senza Smalling la fase difensiva ne risente e anche la prestazione singola di Mancini. Paradossalmente l’ex Atalanta ha giocato meglio da mediano che da centrale. Dopo ieri sera ho qualche perplessità su di lui. Abbiamo capito inoltre perché Florenzi non gioca, un giocatore probabilmente che ha staccato la spina. La grande delusione è stata però Under“.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “Ho ancora dei dubbi sulla valutazione economica data a Mancini, specialmente visto che nella difesa a 4 non aveva quasi mai giocato. Under mi è sempre sembrato un giocatore discontinuo, un ragazzo dal grande talento ma troppo discontinuo. Molto simile a Mkhitaryan, che se ben ricordate fino a qualche anno fa sembrava un grande crack del calcio europeo. Non puoi chiedere continuità a giocatori così“.

Luigi Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio: “Ieri nella Roma hanno fatto ridere quasi tutti, quindi è anche difficile parlare delle prestazioni singole. Mi sembra troppo dire che l’avventura di Florenzi alla Roma è finita dopo la partita con il Wolfsberger“.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Va fatto un plauso alla sincerità di Perotti nel dire che la squadra ha giocato con sufficienza. Difficile quindi dare giudizi individuali nella partita di ieri. C’è da prendere di buono soltanto il risultato, lasciando perdere le prestazioni dei singoli“.

Alvaro Moretti a Radio Radio Pomeriggio: “Il passaggio a vuoto della Roma è molto brutto. I giallorossi meritavano un passaggio del turno anticipato. Il girone era più duro e la squadra è stata azzoppata da alcune decisioni arbitrali dubbie. Ieri però Fonseca ha fatto bene a evidenziare i limiti mentali della squadra“.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Passo indietro della Roma ieri, però che bello ascoltare Fonseca. E’ stato perfetto nell’analisi della partita. C’è una Roma che merita di giocare, e un’altra che per demeriti propri non è all’altezza. E’ una grossa delusione per Fonseca la partita di ieri. Speriamo che la gara serva a dare una scossa. Ci sta il passo indietro, ma questo deve servire da lezione. Sorteggio di lunedì? Prenderei volentieri il Malmo”.

Mario Corsi a Centro Suono Sport: “Siamo passati, e va bene così. Però ragazzi, che tristezza… Possibile che i giocatori non abbiano un minimo di verve in più, è il loro lavoro! Ieri hanno giocato quasi tutti i titolari, giusto Fazio, Florenzi e Under erano riserve. Lo avete visto il comandante Fazio? Se era comandante le guerre si perdevano tutte, è sempre stato scarso, povero ragazzo. Anche Under inguardabile… La partita di una facilità estrema, abbiamo giocato contro nessuno, è questa la cosa incredibile. Il girone della Roma non era nemmeno un girone, era una cosa da ridere. Bene solo Perotti e Dzeko. Mirante mi piace, è un bel portiere, strano che non abbia fatto una grande carriera”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “All’Olimpico c’è stata apprensione nel finale nonostante la Roma abbia tirato comunque più in porta. Come per la Lazio, anche nei giallorossi ci sono calciatori che in questo momento non sono presentabili e rischiano di farti fare figuracce”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio Mattino: “La Roma ha centrato a fatica il pareggio ieri sera. Spero che nella seconda parte della competizione, i giallorossi possano sfruttare al meglio le proprie qualità per andare avanti. Petagna alla Roma sarebbe una azione masochista da parte della Spal: se l’affare andasse in porto significherebbe che la squadra di Semplici è consapevole di retrocedere”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Non capisco come si possa affrontare l’Europa League così come ha fatto la Roma. Prestazione inguardabile, non deve accadere. Meglio farsi fare una deroga e non partecipare. Florenzi e Under non possono giocare così, penso ci sia un malcontento da parte di chi viene utilizzato poco”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Spero che quello che è successo ieri serva da lezione. Le avversarie della Roma nel girone non erano squadre blasonate a parte il M’Gladbach. Nei giallorossi giocavano tanti titolari: Under non ne ha presa una ed è totalmente fuori condizione. In Italia, l’Europa League non attrae nessuno”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “La qualificazione della Roma è arrivata nella normalità. Per passare il turno ci voleva poco, forse la vittoria sarebbe stata meglio per poi giocarsi i sedicesimi con più chance. Fa bene Fonseca ad arrabbiarsi”.

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “Se bisogna giocare come ha fatto ieri sera la Roma, allora è meglio non iscriversi all’Europa League. Questa competizione va onorata nel modo migliore, è anche un allenamento per la Champions”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “La brutta partita della Roma, con i titolari, ti può far pensare che ci siano problemi effettivi con la squadra rispetto a quanto successo per la Lazio. Se Dzeko non torna se stesso non può aiutare la squadra. Molto male Florenzi”.

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. …ma lo sai che c’hai ragione Mattio’… non si può affrontare l’Europa League così…con una squadra che bene o male si è qualificata!!!…e della Lazio invece che ce dici?

    • No, stavolta non lo accetto questo giochetto. Se loro sono una squadretta, noi non siamo giustificati ad esserlo. Io ho smesso da tempo di fare i paragoni con la Lazio.

      Ieri la partita mi ha trasmesso tanta tanta delusione. Non me l’aspettavo una partita cosi’. Ho sentito delle dichiarazioni che l’hanno presa sottogamba…boh a me e’ sembrato che il Wolfsburg fosse una squadra da serie B come livello. Sicuramente ci hanno provato, ma senza mai fare pressing asfissianti o azioni alla Barcellona…una squadretta proprio insomma. Anche prendendola sottogamba dovresti vincerla alla fine, se non altro per amor proprio. Tanta delusione, spero solo che gli serva da lezione (l’ennesima, altro che ripetenti fuoricorso).

      Forza Roma (questo non manchera’ mai)!

  2. Mattiòòòò, allora le dichiarazioni di Inzaghi come le cataloghiamo ??? praticamente ho detto nun ce ne poteva fregà de meno della Europa league …

  3. Secondo gol loro viziato da un fallo a centrocampo con la Roma in ripartenza veloce: punizione e ammonizione secondo regolamento, invece siamo stati infilati. Conti alla mano, col var saremmo passati per primi con cinque punti di vantaggio sulla seconda. Considerando che nel girone c’era la capolista della Bubdesliga proprio tutto questo schifo non lo vedo. Certo ieri la partita doveva essere giocata diversamente, ma non esageriamo.
    Forza Roma nostra.

  4. Concordo pienamente con quanto scrive ClaudioO. Per favore non facciamo paragoni con quegli altri perchè sarebbe indecoroso. I giocatori ieri sera hanno giocato male, senza nerbo, senza voglia e senza grinta. Gli austriaci sono pochissima roba e allora dovevamo fare loro almeno 4 o reti- Ma poi scusate viene buttato fuori il Borussia Munchengladbach (arrivato terzo) e noi facciamo vincere il girone ai turchi ai quali abbiamo rifilato sette reti in due partite? Pura follia spero che Fonseca si faccia sentire davvero!

  5. Ieri sera una delle tantissime prestazioni deludenti della ROMA in EUROPA dal 1986. Under da cedere subito con Santon e J. Jesus. Tenere Perotti via kalinic. Promuovere RICCARDI ed ESTRELLA.

  6. Serrao sei stato sotto per undici giornate e per gli ultimi 8 anni, permanentemente, ancora provi a dire qualcosa…
    Tra due partite sei di nuovo sotto….non ti preoccupare!

Comments are closed.