SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “La Roma avrebbe in potenza la possibilità di centrare l’obiettivo quarto posto, di fatto per la classifica attuale è assolutamente in corsa, ma era inevitabile immaginare che il nuovo tecnico e in parte la nuova squadra pagassero un certo scotto iniziale rispetto ad altre compagini già rodate e collaudate. L’Atalanta viaggia a ritmi incredibili nel 2019, è davanti alla Juve e a tutte la altre. Farei la corsa sul Napoli, che in questa fase della stagione appare una squadra ingolfata nonostante le tante risorse a disposizione di Ancelotti. Sono convinto che la Roma dovrà fare un altro campionato di rincorsa, sfruttando il rientro di alcuni infortunati importanti come Pellegrini”

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “La Roma è competitiva per arrivare quarta ma ad oggi non è la più seria candidata al quarto posto, perchè davanti ci sono squadre come l’Atalanta che per forza mostrata in campo e i tanti anni di lavoro consecutivi agli ordini di Gasperini, è sicuramente più forte e più pronto al momento rispetto ai giallorossi”.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “Mi sembra che l’atteggiamento della squadra, con tutti i difetti che ci possano esserlo, sia buono, che stia rispondendo. L’insidia è dello smottamento emotivo, il rischio inconscio di crogiolarsi nell’alibi e dire: “Gli arbitri ce l’hanno con noi” e la paura di farsi male. Ad esempio, Under quando è tornato non è mai stato il vero Under. Per una squadra che deve ancora, nella sua interezza, continuare ad assimilare e rendere automatici i meccanismi del gioco di Fonseca il tarlo dell’insicurezza, la rabbia per ciò che è successo con Var, le ammonizioni, gli infortuni possono minare questo percorso”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio Pomeriggio: “Le due giornate di squalifica a Fonseca? Per quello che si è visto, il comportamento del portoghese nei confronti dell’arbitro è quasi violento, quindi si sarebbero potute ipotizzare anche 3 giornate di squalifica, ma credo che Massa non abbia calcato troppo la mano nel referto vista la difficile gestione della partita. La sanzione che è stata applicata è giusta. Per le dichiarazioni di Petrachi non è successo niente, ma rischia parecchio per il passaggio contrastatissimo dal Torino alla Roma. È incastrato non solo per quello che lui ha definito un lapsus, ma soprattutto per il video in cui torna con Fienga dall’incontro con Fonseca quando era ancora tesserato col Torino. Lui rischia parecchio, la speranza della Roma è che l’inibizione non coinvolga anche il mercato di gennaio. Cosa mi è piaciuto di più della Roma? L’atteggiamento delle prime giornate, si vedeva capacità di proporre calcio offensivo molto importante. Poi la media gol è scesa, perché credo che Fonseca abbia impoverìto un po’ la fase offensiva per trovare equilibrio”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Le due giornate a Fonseca sono assolutamente giuste, la Roma sbaglia a fare ricorso. Una reazione così non la vedevo da qualche anno su un campo di calcio, è una cosa che non si può assolutamente fare. Cosa mi è piaciuto di più delle prime partite della Roma? Dico Kolarov e Dzeko, credo siano i giocatori essenziali di questa Roma. Aggiungo anche l’inserimento di Smalling. Cosa mi è piaciuto meno? Tutto il resto”.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Fonseca ha ammesso di aver sbagliato, credo che si aspettasse due giornate di squalifica. Cosa mi è piaciuto di più delle prime partite della Roma? Dzeko e Kolarov su tutti, Pellegrini prima dell’infortunio era sicuramente una nota molto positiva. Aggiungo anche il nome di Smalling. Cosa mi è piaciuto meno? Le cose che non vanno sono parecchie. La Roma non ha ancora un gioco, Fonseca ci deve dimostrare qualcosa di più”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Fonseca? Per la scena che è stata, due giornate ci possono stare. Su Petrachi non mi risulti arrivi nulla per le dichiarazioni dopo Roma-Cagliari, deve ancora essere ascoltato per le parole pronunciate durante la conferenza di Mkhitaryan. Come previsto ora paga solo Fonseca con una squalifica che la Roma vuol ridurre puntando sul fatto che si sia scusato e che non abbia precedenti. Anche la storia di Pellegrini su Instagram contro il rigore per il Cagliari è indice di una serenità che non c’è nella testa e questo ti condiziona nelle prestazioni. Per una partita non cambierebbe molto se al posto di Fonseca ci fosse il suo collaboratore, perchè la pensano allo stesso modo e si consultano per i cambi. Contro la Sampdoria potrebbe tornare Under che dovrebbe tornare gradualmente in gruppo. Per Dzeko si è esagerato sui tempi di recupero”.

Marione a Centro Suono Sport: “Petrachi ha detto una stupidaggine, ma è una cosa che in molti pensano perché le donne menano, ma con meno violenza. Altrimenti ci sarebbero squadre miste. Ormai le donne sono dappertutto, fare questi discorsi ci riporta all’Ottocento. La Roma ha anche una squadra femminile importante che sta emergendo. Basta, lasciate stare quest’uomo. Speriamo parli di meno e compri di più e meglio. Deve ricordarsi che sta a Roma, con 50 mila giornalisti. Questo Kluivert secondo me non va bene per la Roma, servono ragazzi che segnino”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Smalling e Mancini sono due stopper. Fazio se coperto bene ti dà garanzie. Bisogna valutare l’apporto del terzino destro che a Roma non è mai stato una garanzia. Fonseca ha delle attenuanti, ma ha perso tempo provando soluzioni che non hanno funzionato”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “Gli infortuni permetteranno a Fonseca di sperimentare. Credo non avesse mai pensato a Veretout trequartista. L’emergenza ti porta ad andare oltre la tua fantasia. Le soluzioni per la Roma sono talmente tante, per fortuna. Con 7 infortunati pesanti non ha chiamato nessun giocatore della Primavera. Con questa rosa ampia almeno hai varie soluzioni. Credo che la Roma abbia trovato il suo equilibrio: non rischia più le imbarcata, forse qualcosa è cambiato”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Fonseca ha dovuto combattere con gli infortuni e una nuova squadra, gli si devono concedere delle attenuanti”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “Fonseca non ha ancora dato un’identità alla Roma. Il Giudice sportivo è stato anche abbastanza comprensivo con lui”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Fonseca lo giustifico per gli infortuni, ma è lui che prepara la Roma”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Petrachi? Poteva stare più attento a quello che ha detto, ma sapevamo tutti che già lavorava per la Roma. Smalling e Mancini sono due muscolari, non due liberi e non sono bravi in impostazione. Su Mancini c’è stato un grande investimento, normale che la Roma ci punti”.




Print Friendly, PDF & Email

11 Commenti

  1. secondo me, tra i commenti dei vari Pruzzo, Focolari, Melli, emerge che la difesa della Roma dovrebbe giocare a 3 con Fazio subito avanti a Mancini Smalling e con Florenzi e Kolarov terzini che avanzano e crossano .. poi da scegliere due centrocampisti e si dovrebbero alternare Veretout e Pellegrini con Diawara e Cristante e davanti kluivert Under e Dzeko nelle partite piu’ offensive e Zaniolo in quelle piu’ difensive .. Kalinic mi sembra sia troppo nervoso e giochi facendo troppi falli e anche evidenti e odiosi .. Perotti paga i troppi infortuni e Pastore una mancanza di grinta e corsa .. peccato perche’ quest’ anno ci contavo su questi due ..

    • Kalinic si vede che è un giocatore che ha bisogno di riprendere confidenza sia col campo che con una nuova squadra. Con l’Atalanta ha sfiorato il pareggio (e non poteva fare di più perché ha calciato a botta sicura col portiere che gli stava a mezzo metro) e con il Cagliari gli è stato annullato il gol vittoria. In entrambi i casi era lì a dare peso e non può che migliorare.

  2. Su otto opinionisti ci fosse uno che vede qualche positività nella Roma. Tutti concordi: facciamo schifo. La cosa che mi tranquillizza è proprio questa loro compattezza nei giudizi. E’ chiaramente non obiettiva e quindi di parte.
    Forza Roma

    • Certo che è così.Da sempre e sappiamo perché.Se ci sono due persone che stanno lavorando benissimo nella Roma sono Petrachi e Fonseca.Allora? In questa città,per interessi di parte, non si cerca di capire chi vuole farsi capire.Distruggere la personalità delle persone per destabilizzare la società!

  3. Dissento da quanto detto da Pruzzo e da Melli (vecchio laziale ad i tempi di Plastino). Fonseca è un ottimo allenatore e non sta perdendo tempo. Eppoi qualcuno facesse pace con il cervello. Quando prima avevamo Dazio e Jesus e prendevamo una barca di goal tutti ci lamentavamo giustamente. Adesso che abbiamo una copia di centrali finalmente validi (Mancini e l’inglese) andiamo a cercare il pelo nell’uovo. Capisco la vostra necessità di fare comunque audience ma un minimo di coerenza e onestà intellettuale non farebbe male a nessuno.

  4. Basta un QI medio per capire che la Roma non è male, non prendiamo più imbarcate, non facciamo figure meschine in campo come l’anno scorso, Petrachi ha messo pezze qual e là al mercato schizofrenico del grande Monchi, a livello di gioco si vede che Fonseca è intelligente, passato alla grande produzione offensiva col Genoa a quella prudente delle gare successive, sacrificando un pò lo spettacolo e il numero di gol ma sicuramente facendoci guadagnare qualche punto. Si tratta di trovare una quadra, dubìto che arriveremo quarti perchè l’Inter ci ha scavalcato e Atalanta è una certezza, si può solo sperare che quest’anno sia un crocevia, che non smontino di nuovo la squadra a Giugno, in modo che Fonseca abbia un gruppo rodato il prossimo anno, con qualche innesto pesante. Sperare che l’Atalanta si perda per strada è utopia, ormai è una macchinetta che gioca a memoria dall’anno scorso

    • Quoto tutto al 100%. Poi la solita sfiga: le squadre che cambiano allenatore Di solito nelle prime giornate sono sempre ostiche e noi chi incontriamo le prossime due partite???? Sampdoria e Milan

  5. Che l’Atalanta in questo momento sia più forte è indiscutibile …ma non dicono che è più forte anche di Inter e Napoli , forse al pari con la Juve.
    Io mi auguro che la musica arbitrale cambi così da rivedere la Roma tra le prime 4

Comments are closed.