SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Alessandro Austini a Teleradiostereo: “Gli impegni delle nazionali andrebbero accorpati. Io preferirei che il match tra Sampdoria e Roma si rinviasse. Sullo stadio incrocio le dita, tante volte ci siamo illusi che fosse fatta. I ricavi si potranno sfruttare dopo 5 anni dall’apertura del nuovo impianto”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Ci sono quelli che pensano che quelli più forti nel brutto terreno soffrono di meno. I pesi leggeri possono avere più difficoltà. Bisogna saper interpretare un certo tipo di partita: non so come sarà Marassi domani. Ormai credo che siano tutti preparati a giocare su ogni tipo di terreno. L’effetto Ranieri può scemare anche nel giro di un mese quindi per la Samp è meglio muoversi ora. La classifica della Roma è buona per questo momento però poi incontri il Milan che devi battere a tutti i costi. Bisognerebbe capire quale potrebbe essere la squadra titolare poi puoi fare qualche cambio”.

Franco Melli a Radio Radio: “La Roma è più forte, meglio giocare la partita e vincerla. Ranieri più va avanti e più la situazione della Sampdoria diventa meno peggio. Siamo in una fase cruciale: la squadra potrebbe piegare indifferentemente bene o male. Dal punto di vista della classifica i punti sono eccessivi rispetto ai meriti e al rendimento ma la cosa preoccupante è che Fonseca cambia sempre formazione. Io non sono così convinto che la squadra per come sta messa, se giocherà, sia più forte della Sampdoria. Sto pensando a Samp-Torino, i granata almeno valgono questa Roma. Io penso che conviene alla Roma non giocare”.

Furio Focolari a Radio Radio: “Non conviene mai a nessuno rinviarle, non prendi punti in classifica. Psicologicamente è brutto. In classifica non hai punti, intanto pesa  vedere una classifica dove stai indietro. Se l’Atalanta o la Lazio vincono tu stai dietro, non sai magari quello che succede tra qualche mese. E’ sempre meglio giocare. Guardando la classifica, se la Roma non fa punti a Marassi o non si gioca, succede che i giallorossi possono andare nella parte destra della classifica. Questa Roma è in grado di andare a Marassi e vincere. Ci sono state quelle due partite consecutive in cui ha fatto 8 gol in due partite, ma quello è un fuoco fauto. Ha vinto a Bologna ma nel derby ha fatto una figuraccia, non ha mai giocato da Roma. Ci vuole pazienza e diamo tempo a Fonseca”.

Sandro Sabatini a Radio Radio: “Conviene a tutte e due rinviare la partita. Anche la Samp non è nella situazione migliore possibile e qualche giorno all’allenatore fa bene. Io la giocherei, al di là delle assenze e Dzeko è quella più importante, in questo momento la Roma affronta in condizioni ambientali tecniche difficili. La puoi trovare solo meglio anche se la rinvii di un mese”.

Nando Orsi a Radio Radio: “Prima che il restauratore la metta a posto la devi incontrare perché la Sampdoria non è una cattiva squadra. Non sono da tre punti in classifica. E’ un momento particolare, il cambio d’allenatore fa bene ma quando la incontri delle volte puoi approfittare. Se la Roma non gioca e le altre vincono continuano a distaccarsi e chissà quando poi vai a rigiocare la partita, come trovi la Samp. Dopo la partita con i turchi non ci ha più di tanto entusiasmato. Questa partita prima la gioca e meglio è, poi dopo diventerebbero quasi 3 settimane che non si gioca nel bel mezzo del campionato qualcosa si sente”.




Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureanda in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.