ROMA-ATALANTA, L’AVVERSARIA – La Roma deve dimenticare il pareggio nell’acquitrino di Bologna e la figuraccia in Champions con il Barça, per farlo necessita di una vittoria e la 14^ giornata di campionato offre un’Atalanta decima in classifica e in netto calo rispetto l’avvio di stagione. Dei 18 punti fin qui conquistati solo 5 sono arrivati fuori casa. In 7 partite lontano dall’Atleti Azzurri d’Italia la squadra di Reja ha saputo vincere una sola volta. Di fronte c’era l’Empoli e a sbrigare la faccenda fu l’ex giallorosso, Toloi. Da quel momento in trasferta sono arrivati due pareggi e cinque sconfitte senza considerare i soli tre gol segnati e gli 11 subiti su 15 totali. Dati incoraggianti per Garcia, meno per l’allenatore ex Lazio a secco di successi da un mese e in grado di vincere l’ultima volta proprio contro i biancocelesti. Poi con Bologna, Milan e Torino si registrano due gare perse e una pareggiata. In più l’Olimpico per i nerazzurri rappresenta un vero e proprio tabù. I tre punti mancano dalla stagione 2002-03, ma chissà se l’aver battuto l’altra romana possa far sentire a casa i bergamaschi, raggiungendo un’insperata vittoria che manca da ormai 18 anni.

TRIDENTE ANTI-ROMA – Non tutti i numeri però sono contro l’Atalanta. Reja nella Capitale potrà contare sul tridente argentino tutto velocità e fantasia formato da Maxi Moralez, Denis e Gomez. I tagli e i dribling continui delle due ali, volti a creare la superiorità numerica e a lasciare spazio alle sovrapposizioni dei terzini, saranno la vera spina nel fianco dei giallorossi. L’attacco sudamericano sa come colpire la Roma visto che in totale l’ha bucato già 10 volte. Mancherà Pinilla che con le due ali albiceleste rappresentano il 70% delle reti totali della squadra nerazzurra, ma il “Tanque” è pronto a colpire cercando di far dimenticare l’assenza del centravanti cileno.

COME SCENDERANNO IN CAMPOLa “Dea” riproporrà il 4-3-3 con Sportiello tra i pali e sarà lui il vero osservato speciale visto il forte interesse di Sabatini. In difesa spazio a Masiello, Paletta, Stendardo e Brivio con Bellini e Dramè che resteranno a casa. Ancora in dubbio per un affaticamento all’adduttore sinistro, Toloi. A centrocampo andranno Grassi, De Roon e Kurtic. In attacco invece confermato il tridente con Maxi Moralez, Denis e Gomez.

Dario Marchetti
@dariomarchetti7

Probabile formazione (4-3-3): 57 Sportiello; 5 Masiello, 29 Paletta, 2 Stendardo, 28 Brivio; 88 Grassi, 15 De Roon, 27 Kurtic; 11 M. Moralez, 19 Denis, 10 Gomez
A disp.: 30 Bassi, 77 Raimondi, 33 Cherubini, 17 Carmona, 8 Migliaccio, 20 Estigarribia, 21 Cigarini, 7 D’Alessandro, 19 Denis, 45 Monachello
All. Reja

Indisponibili: Dramé, Bellini, Toloi, Pinilla
Diffidati: De Roon
Squalificati: –

LA ROSA

PORTIERI

57 Sportiello (ITA)

30 Bassi (ITA)

1 Radunovic (SER)

DIFENSORI

3 Toloi (BRA-ITA)

29 Paletta (ITA-ARG)

23 Suagher (ITA)

33 Cherubin (ITA)

2 Stendardo (ITA)

44 Kresic (CRO)

93 Dramè (SEN-FRA)

28 Brivio (ITA)

5 Masiello (ITA)

24 Conti (ITA)

6 Bellini (ITA)

CENTROCAMPISTI

21 Cigarini (ITA)

15 De Roon (NL)

8 Migliaccio (ITA)

27 Kurtic (SLO)

17 Carmona (CIL-SPA)

88 Grassi (ITA)

77 Raimondi (ITA)

10 Gomez (ARG)

20 Estigarribia (PAR-ITA)

11 Maxi Moralez (ARG)

7 D’Alessandro (ITA)

97  Tulissi (ITA)

ATTACCANTI

51 Pinilla (CIL)

19 Denis (ARG)

45 Monachello (ITA)

Print Friendly, PDF & Email