SENTI CHI PARLA… ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio”, è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

(AGGIORNA)

Max Leggeri a Radio Manà Manà Sport: Inter-Roma è la partita più bella di questo 2013. Se la Roma non dovesse vincere a Torino la vedo dura poi riprendere la Juventus a +8. Un pareggio potrebbe anche andar bene: è ovvio che io personalmente non firmerei per un pari. Se si vuole vincere lo scudetto, pensando in grande, il 5 gennaio bisogna vincere a tutti i costi. Ad oggi non credo che Ljajic possa giocare titolare contro la Juve“.

Angelo Di Livio a Radio Manà Manà Sport: Cellino per Nainggolan sta giocando al rialzo creando un’asta tra più squadre. A Torino per vincere devi mettere subito in campo i migliori. La Juventus la devi aggredire dall’inizio. Ho tanta curiosità nel vedere Juve-Roma per capire qual’è il gap tra le due squadre“.

Franco Melli a Radio Radio (2): “La Juve? Può darsi anche che per una partita torni quella vista in Champions. Se le cose dovessero rimanere come prima della sosta, non mi meraviglierei di una vittoria della Roma. La Roma ha fatto un campionato da ‘Mille e una notte’, se si ritrova con 5 punti di distacco può ripetere nel girone di ritorno quanto fatto finora?“.

Paolo Assogna a Tele Radio Stereo: “La Roma a gennaio proverà ad intervenire solo per Nainggolan, considerato l’interprete ideale da affiancare agli altri uomini di centrocampo. Il prezzo è fissato a 9,5 milioni per la metà, ma si cerca di trattare con Cellino per uno sconto. Nel caso in cui l’affare non si dovesse concretizzare ora, Sabatini ci riproverà a giugno. In uscita ci sono Burdisso, che vuole giocare per andare al Mondiale, e Borriello, il cui ingaggio pesa nelle casse societarie“.

Ezio Sella a Rete Sport: “Spesso i giocatori nonostante gli venga data una settimana di vacanza, hanno dei programmi per non rimanere assolutamente fermi. Oggi i giocatori sono più professionali di prima, ci tengono a restare in forma. E anche se stanno a casa trovano spazio e modo per allenarsi. Questo problema quindi non esiste. Questi giorni di recupero attivo sono importanti più sotto l’aspetto mentale che da un punto di vista fisico”.

Daniele Lo Monaco a Rete Sport: “Fa bene alla Roma il fatto che la sfida contro la Juve desti attenzione. Penso che una sosta potrebbe far interrompere ai bianconeri questo circolo virtuoso di risultati positivi. Garcia non ha fatto altro che tirar fuori cose che già erano lì. E’ molto bravo su tutto, un uomo di buon senso. Ed è un vantaggio che venga da un altro paese. Ha difeso tutti, anche Osvaldo che a un certo punto era indifendibile, l’unico suo errore è stato quello di dare dei ‘laziali’ ai tifosi della Roma”.

Fabio Maccheroni a Radio Manà Manà Sport: Il 26 maggio è stata la pietra tombale sulla Lazio di Lotito. I biancocelesti sono nati e morti quel giorno. La trattativa per Nainggolan è vera come l’esistenza di Babbo Natale. De Rossi è la mia immagine copertina 2013: grandi soddisfazioni mi ha dato in questa seconda parte dell’anno. Io faccio il tifo per lui“.

Checco Oddo Casano a Radio Manà Manà Sport: Ho la sensazione che sia la volta buona per la Roma quest’anno. Quello giallorosso è ora un progetto importante finalmente: il vero artefice di questa rivoluzione giallorossa è il ds Sabatini. Quella contro la Juventus sarà un gara decisiva: sarà uno spartiacque dal punto di vista morale e della convinzione per il proseguo della stagione. Vincere a Torino sarebbe importantissimo, sarebbe la vittoria più importante degli ultimi anni“.

Michele Giammarioli a Radio Manà Manà Sport (2): Sono perplesso per quanto riguarda la trattativa di Nainggolan, e lo dico da tempo ormai. La mia copertina del 2013 è composta da Benatia, De Sanctis e Strootman“.

Guglielmo Timpano a Radio Manà Manà Sport: La Roma nella stagione 2013-14 è risorta dalle ceneri. Un campionato iniziato nel migliore dei modi con le 10 vittorie consecutive“.

Gianluca Piacentini a Radio Manà Manà Sport (2): “Non credo che la Roma possa spendere 8 milioni per la metà di un calciatore che non farà nemmeno il titolare. Qualora dovesse arrivare poi Nainggolan non sarà una riserva, ma diciamo un quarto titolare di centrocampo”.

Mimmo Ferretti a Tele Radio Stereo: “C’è la voglia di andare a Torino e fargli male. La Roma, se avesse avuto un’altra mentalità, col Sassuolo e col Cagliari avrebbe vinto. Nella psicologia di squadra c’è differenza tra Roma e Juve. I bianconeri sanno di essere forti, e ragionano in una certa maniera. Sono i risultati che ti danno la forza. La Roma deve continuare a crederci. Se la squadra di Garcia dovesse vincere la partita dà un segnale importante a sé stessa. Se vai sotto di otto punti è finita per lo Scudetto. Vincere a Torino sarebbe un’impresa”.

Massimiliano Magni a Rete Sport: “La squadra avrà un calendario un po’ complicato per via delle feste, in pratica sarà preparata in due giorni la partita di Torino. Per il mercato mi piace Capoue: un bel giocatore, anche se non farà fare il salto di qualità. Sarebbe un buon rinforzo soprattutto considerando il mercato delle altre squadre in Serie A, fatto più che altro di cessioni”.

Riccardo ‘Galopeira’ Angelini a Tele Radio Stereo: “Accantonerei il discorso mercato perché tra meno di una settimana ci sarà la partita più importante della stagione. Dobbiamo coccolarci questa squadra. Ma se la Roma veramente fosse pronta per lo Scudetto? E’ un segnale importante che certi giocatori abbiano anticipato gli allenamenti. La Juve non è più forte della Roma”.

Furio Focolari a Radio Radio: “Roma e Juve quest’anno sono molto vicine, i miei preferiti in mezzo al campo sono De Rossi e Pirlo, che non si discutono nemmeno. In attacco i più forti sono Totti e Llorente“.

Franco Melli a Radio Radio: “Per valori assoluti giocatori come Lichsteiner, Pirlo e Totti sono fra i migliori, ma non è sicuro che giocheranno. Anzi, se il regista scenderà in campo in queste condizioni, sarà un vantaggio per la Roma. Non dimentichiamoci che sta fuori da due mesi, andrà a due all’ora…“.

Ugo Trani a Rete Sport: “Nainggolan? L’unico avversario della Roma è il Milan, per gennaio. Non dimentichiamo il Napoli nella lotta allo Scudetto, è un cliente pericoloso. Devi andare a giocare al San Paolo e ci deve andare anche la Juve“.

Michele Giammarioli a Radio Manà Manà Sport: “Conte e Garcia sono entrambi due tecnici giovani, Conte ha già dimostrato cosa sa fare, Garcia ha appreso immediatamente la filosofia del calcio italiano. Se avessimo fatto questo paragone sei mesi fa nutrivo una grande invidia per la Juve che aveva Conte”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Chiaro se che se la Juve dovesse vincere andrebbe a +8 con i giochi che sarebbero fatti. Sul mercato anche le antagoniste della Roma si stanno rinforzando. La Roma si ritrova oggi e c’è un aspetto che è stato vedere Dodò postare continuamente foto di lui che andava in palestra o a correre. Tanti giocatori della Roma hanno anticipato il rientro in Italia, ma con la voglia di mettersi subito a lavoro, perché si rendono conto cosa possono vivere quest’anno. I giocatori ci credono in quello che fanno e in Rudi Garcia”.

Luca Valdiserri a Rete Sport: “Garcia umile? Piuttosto direi che è un allenatore che sa quel che deve fare. Sul mercto mi va bene Capouè ma anche Parolo. Dico, però, che se cedi Bradley stai ancora con la coperta corta”.

Gianluca Piacentini a Radio Manà Manà Sport: “Conte -Garcia? Conte ha vinto qualcosa in più di Garcia, è un ottimo tecnico. Se allarghiamo il discorso al personaggio Conte non mi è mai piaciuto, non lo vorrei come allenatore della Roma. Il personaggio è costruito intorno alla squadra che allena. Nainngolan falsa pista, molto più fattibile Parolo, per cui la Roma è in pole position”.

Roberto Renga a Radio Radio: “Di centrocampisti fisici la Roma ha De Rossi e Strootman, Pjanic guarda più in avanti. Totti-Destro-Gervinho? E’ un azzardo, a me non torna, Garcia è italianista, è uno pratico, concreto. Florenzi se sta bene ce lo mette poi nel corso della partita gioca le sue armi. Lui le partite se le gioca nel secondo tempo”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “La Juventus si è consolidata da tempo con la formazione. Utilizzare contemporaneamente due giocatori reduci da infortuni è pericoloso, anche se Destro e Totti si può presumere che siano al top ma io non ci credo. L’allenatore non può sbagliare nulla perché la Juve ha tutte le caratteristiche per metterti in difficoltà. Io giocherei a tutta manetta da subito. Non so quale sia il vantaggio di una partita attendista. Fondamentale partire a razzo”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio: “Juventus-Roma è la partita più attesa da tutti. Psicologicamente è una bella forza mettere Totti-Destro-Gervinho. Io so che il Cagliari ha detto sì all’offerta della Roma per Nainggolan. Se i sardi manterranno la parola, e non vorranno far scattare un’asta, arriverà nella capitale“.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here