Simone Inzaghi studia il fratello Filippo per battere la Roma e prendersi il derby

0

LAZIO – ROMA, L’AVVERSARIA – Il derby storicamente è una partita che fa sempre storia a sé, soprattutto per quanto riguarda una sua caratteristica che lo ha sempre reso particolare, ovvero il porre su di un gradino più alto la squadra che non vi arriva con i favori del pronostico. Cosa che in questo momento riguarda più i giallorossi che i biancocelesti. La Roma infatti è reduce dalla vittoria ”brodino” contro il Frosinone per 4-0, dopo 38 giorni senza vincere, nei quali aveva raccolto 2 pareggi e 3 sconfitte tra campionato e coppa, l’ultima proprio nel turno precedente, quando ha perso malamente contro il Bologna di Inzaghi. Ed è proprio il fratello di Filippo che arriva con la sua Lazio alla partita più attesa nella Città Eterna con il vento in poppa. Dopo due sconfitte nelle prime due giornate di campionato, i ragazzi di Simone Inzaghi hanno infilato 5 vittorie consecutive tra campionato e coppa, dimostrandosi tra le squadre più in forma del momento.

IL MERCATO – Il mercato dei biancocelesti si è incentrato principalmente a rinforzare il centrocampo, che ha visto partire Felipe Anderson, e la difesa, quest’ultima orfana di De Vrij, perno difensivo degli ultimi 4 anni. Oltre gli svincolati Proto, che sostituisce Marchetti come secondo portiere alle spalle del titolare Strakosha, e Badelj, liberatosi dalla Fiorentina, sono arrivati Acerbi dal Sassuolo, Durmisi dal Betis, Valon Berisha dal Salisburgo, Joaquin Correa dal Siviglia.

INCROCI – Più di una volta, nella storia delle due squadre della Capitale, c’è stato un giocatore che è passato da una sponda del Tevere all’altra. E la cosa non è mai passata inosservata, considerando la grande rivalità tra Lazio e Roma. L’ultimo caso è quello di Aleksander Kolarov. Il terzino serbo, classe ’85, è stato acquistato da Monchi due estati fa dal Manchester City, ma prima dell’esperienza inglese, ha vestito la maglia dei biancocelesti. Scoperto da Walter Sabatini, allora ds della squadra di Lotito, per 3 anni, tra il 2007 e il 2010, ha raccolto 82 presenze, segnando 6 gol e vincendo 1 Coppa Italia e 1 Supercoppa Italiana. Di quei 6 gol, uno lo ha proprio realizzato ai giallorossi nel derby dell’11 aprile 2009, quando firmò il quarto gol. Una rasoiata che trafisse il portiere Doni dopo un coast to coast partito dalla difesa, grazie al quale gli uomini di Delio Rossi si imposero per 4-2 sugli uomini di Spalletti.

COSI’ IN CAMPO – Dopo il turnover attuato contro l’Udinese, Simone Inzaghi riproporrà la squadra con la formazione tipo di inizio stagione, schierando gli uomini migliori e più in forma. L’ormai consolidato 3-5-2 prevede infatti Strakosha a difendere della porta, la linea difensiva a 3, che dovrà fare a meno di Radu infortunato, sarà composta da Wallace, Acerbi e Luiz Felipe. Il centrocampo a 5 prevede Marusic e Lulic schierati sulle fasce, mentre il trio al centro vedrà Lucas Leiva come mediano davanti la difesa, assieme a Parolo e Milinkovic-Savic, che garantiranno quantità e qualità. L’ attacco potrà contare non solo sulla fame di Ciro Immobile, ma anche sulla fantasia Luis Alberto, che schierato da seconda punta garantirebbe pericolosità offensiva sia in termini di assist, che di gol, sfruttando anche i calci piazzati.

LAZIO (3-5-2): 1 Strakosha; 13 Wallace, 33 Acerbi, 3 Luiz Felipe; 6 Lucas Leiva, 16 Parolo, 21 Milinkovic-Savic, 77 Marusic, 19 Lulic; 10 Luis Alberto, 17 Immobile

A disp.: 23 Guerrieri, 24 Proto, 14 Durmisi, 4 Patric, 22 Caceres, 15 Bastos, 8 Basta, 96 Murgia, 7 Berisha, 25 Badelj, 66 Jordao, 11 Correa, 20 Caicedo, 9 Rossi

ALLENATORE: Simone Inzaghi

BALLOTTAGGI: Wallace/Caceres, Luiz Felipe/ Bastos

INDISPONIBILI: Radu, Lukaku

SQUALIFICATI: nessuno

                                                                                                         Giacomo Carroccia

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here