Mirko Vucinic in cerca di riscatto

0

Per Mirko Vucinic la stagione 2007/2008 in maglia giallorossa dovrà rappresentare l’occasione per mettere in risalto le sue doti fisiche e tecniche, che a causa di uno stato precario ad inizio stagione(l’infortunio al menisco che non gli ha permesso di partecipare ai mondiali di Germania 2006 con la maglia della nazionale Serbia-Montenegro) e le scelte tecniche di Spalletti, che non ne hanno facilitato l’inserimento, sono rimaste inespresse. Poche le reti messe a segno dal capitano della neonata nazionale del Montenegro ma quasi tutte decisive: la prima messa a segno il 28 gennaio 2007 nella gara interna contro il Siena, decisa da un’ottima intesa tra la l’attaccante montenegrino e il fantasista casertano Francesco Tavano, arrivato in prestito gratuito ad inizio 2007 (diritto di riscatto fissato a 10 milioni di Euro) dal Valencia dove non aveva trovato spazio per inserirsi e che a Roma non ha lasciato un buon ricordo. Quello fu un goal pesantissimo se si considera che l’incontro terminò 1-0 per la Roma, che così tornò a vincere in campionato dopo le deludenti prove di Messina e Livorno,dove la formazione giallorossa non era riuscita ad imporsi contro delle compagini tecniche nettamente inferiori (ricordiamo per la cronaca che le due trasferte in questione terminarono entrambe con un deludente 1-1). Un’altra perla dell’attaccante montenegrino è datata 7-4-2007 quando la Roma di scena sul campo neutro di Lecce si impose 2-0 sul modesto Catania con reti di Tavano e di Vucinic. Sicuramente la rete più importante messa a segno da Mirko Vucinic per la squadra giallorossa fu quella realizzata contro il Manchester United in un Olimpico bello e straripante di gioia come non mai il 3-4-2007 data storica per tutti i tifosi giallorossi che videro la Roma imporsi sui ben più blasonati Red Devils di Sir Alex Ferguson per 2-1 (Taddei, Rooney, Vucinic) nell’andata dei quarti di finale di Champions League. Ora sta al giocatore dimostrare in una piazza calcistica esigente come quella romana, che tutti i problemi della passata stagione sono alle spalle e il modo migliore è sicuramente quello di regalare al pubblico romano tante reti, che possano spingere questa squadra dai toni ambiziosi verso traguardi  sempre più prestigiosi e che possano alimentare il progetto targato Sensi-Pradè-Spalletti.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here