Doni, per tre giorni pieni in campo

0

 
Continuerà a giocare nella Roma ancora per molto tempo. Alexander Marangon Donieber, soprannominato Doni, ha coronato la sua corposa annata con l’ufficializzazione del nuovo accordo con la Roma. Guadagnerà, a partire dal prossimo campionato, 2 milioni netti all’anno fino a salire ai quasi 2,4 previsti per l’ultima stagione, la 2011/2012, inclusa nel contratto. La sua è stata una temporada estremamente robusta a livello numerico. Cifre alla mano, infatti, il portiere giallorosso è stato il più presente fra i suoi compagni. Qurantasette gare fra serie A (35), Coppa Campioni (9) e Coppa Italia (2), oltre alla Supercoppa nell’agosto scorso. Alle presenze si aggiungono appena 41 reti subite (0,87 la media a partita dei gol incassati), delle quali 31 in campionato, 10 in Champions e nessuno tra Coppa Italia e Supercoppa. Il dato più curioso, però, è rappresentato dai minuti che Doni ha trascorso in campo. Il suo cronometro per ora si è fermato, conteggiando tutte le competizioni, a 4389 minuti. Che significano poco più di 73 ore, cioè tre giorni pieni. Ebbene sì, Doni, in questa stagione, è come se avesse giocato per tre giorni di seguito, giorno e notte. «Tanta roba davvero», direbbe Spalletti.
Domenica, il ragazzo di Junidiai sfiderà gli attaccanti dell’Atalanta per la terza volta in carriera. Li ha battuti in due occasioni (una casa) e sempre con il punteggio di due reti ad una. Un segno? Forse.
Capitolo futuro anteriore. Il numero 32 vuole giocare a vita nella Capitale, e lo ha raccontato a Roma Channel. «Nel 2005, quando sono approdato alla Roma, speravo di arrivare a questo livello e ora sto facendo bene. Magari rimanendo fino al 2012 e oltre. Sì, perché sto bene qui da tre anni, adesso ne farò altri quattro e poi mi piacerebbe concludere la carriera qui». Alexander ha scelto. Continuerà a giocare nella Roma ancora per molto tempo.

 
Ben.Sac.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here