Brozzi, il giorno dell´addio ** Torino, quanti dubbi per Spalletti

0

 
Una svolta. Il dottor Mario Brozzi è stato licenziato dalla Roma. Il club giallorosso ha reso noto «di aver risolto il proprio rapporto di consulenza professionale con il Dott. Mario Brozzi, quale Responsabile Sanitario della Società, con effetto a decorrere dalla data odierna». Nel corso degli ultimi anni, Brozzi aveva avuto alcuni attriti con lo staff tecnico, guidato da Luciano Spalletti. Ma i Sensi avevano sempre difeso il medico di famiglia. Sino ad oggi. Qualche elemento ha spostato l’equilibrio. I Sensi hanno deciso di dare ascolto alle lamentele del tecnico. Si è cambiato, dunque. Nel pomeriggio, il dottor Brozzi è stato ricevuto a Villa Pacelli. Ad attenderlo era presente Silvia Sensi, che gli ha consegnato la lettera di licenziamento.
 
DEL SIGNORE — Brozzi era stato scelto da Franco Sensi — nel 2000 — per guidare la struttura sanitaria della Roma. Il rapporto tra i due era solido. E andava al di là dell’aspetto professionale. La società giallorossa dovrà ora scegliere un altro medico. A Torino, la squadra sarà seguita dai dottori Pengue e Affinito. Durante la prossima settimana, verrà ufficializzato il nuovo medico sociale. Il nome del dottor Del Signore circola con insistenza. Ma Del Signore — che aveva già fatto parte dello staff medico romanista — non è un medico sportivo. Bensì un ortopedico. Ultimamente, ha svolto il proprio lavoro presso la clinica Paideia, nei pressi di Corso Francia. Non è tuttavia da escludere che la scelta possa ricadere sul dottor Alfredo Carfagni, già responsabile sanitario ai tempi di Ciarrapico.
 
VERSO TORINO — Intanto, la Roma si prepara ad affrontare la trasferta di Torino. La partenza verso il Piemonte è prevista per domani pomeriggio. Spalletti non potrà contare su diversi giocatori infortunati. Oltre a Totti. Il capitano continua a seguire il programma di lavoro, stilato per recuperare dalla lesione muscolare alla coscia destra, rimediata il 22 dicembre scorso a Catania. Oggi, si è allenato sulla sabbia. Anche Doni non sarà a disposizione dell’allenatore, per la partita contro i granata. Il portiere soffre ancora per un’infiammazione al ginocchio, che si somma alla pubalgia. «Domenica non giocherò», le sue parole, pronunciate davanti ai cancelli del Fulvio Bernardini. Pure Vucinic con tutta probabilità rimarrà nella Capitale. Il montenegrino è alle prese con un forte fastidio ai flessori. Qualcuno sostiene che possa essersi procurato una lesione di primo grado ai flessori, durante l’allenamento andato in scena lunedì scorso. Ipotesi, per ora.
 
AQUILANI & DE ROSSI — Menez ha rassicurato i tifosi. «Sto bene», ha detto. Aquilani ha firmato diversi autografi, prima di lasciare Trigoria. E pure una pagella, che un ragazzo aveva portato con sé. E il contratto, Alberto? «Sì, lo firmo», ha assicurato. Mexes accusa un problema alla caviglia. Anche il francese ha tranquillizzato i sostenitori. «Non vado al Milan». Tonetto sta tentando di curare l’infiammazione al tendine d’Achille del ginocchio destro presso il centro di Cesenatico. De Rossi ha un principio di affaticamento muscolare. Nel frattempo, da Trigoria fanno sapere che sono del tutto prive di fondamento le voci di mercato relative ad un’offerta del Manchester City — pari a 60 milioni di euro — per il trasferimento del vice-capitano giallorosso in Inghilterra. I dirigenti romanisti non hanno ricevuto alcuna telefonata in tal senso. Si tratta di una sciocchezza, insomma. Almeno per ora.
 
Benedetto Saccà
 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here