Mondiali 2018, oggi si entra nel vivo con le big: cosa c’è da sapere

1

MONDIALI DI CALCIO 2018 – Dal 14 giugno al 15 luglio, la Russia ospita la Coppa del Mondo FIFA per la prima volta nella storia, con le partite che si terranno a Mosca, San Pietroburgo, Rostov sul Don, Sochi, Ekaterinburg, Saransk, Kaliningrad, Nizhny Novgorod, Kazan, Volgograd e Samara. La competizione si è aperta ieri, fischio di inizio alle 17:00, con l’esordio allo stadio Luzhniki di Mosca dei padroni di casa della Russia opposti all’Arabia Saudita: il risultato finale ha consegnato la vittoria ai padroni di casa per 5-0. La sfida tra le nazionali col peggior ranking Fifa tra le 32 partecipanti, rispettivamente col 70esimo e il 67esimo posto, ha dato avvio alla 21esima edizione dei Mondiali. Tra oggi e sabato 16 esordiranno le squadre più attese come la Francia, la Spagna e l’Argentina.

IL CALENDARIO – Il calendario dei Mondiali 2018 è partito il 14 giugno con la fase a gironi e proseguirà il 30 giugno con gli ottavi di finale; i quarti si svolgeranno tra il 6 e il 7 luglio, le semifinali il 10 e 11 luglio, mentre la finale ci sarà il 15 luglio alle ore 18 (ora locale) allo stadio Stadio Lužniki di Mosca.

I GIRONI – Sono 8 i gironi mondiali, al termine dei quali si avranno i nomi delle 16 squadre che avranno il diritto di disputare gli ottavi di finale. Girone A:Russia, Arabia Saudita, Egitto, Uruguay. Girone B: Portogallo, Spagna, Marocco, Iran. Girone C: Francia, Australia, Perù, Danimarca. Girone D: Argentina, Islanda, Croazia, Nigeria. Girone E: Brasile, Svizzera, Costa Rica, Serbia. Girone F:  Germania, Messico, Svezia, Corea del Sud. Girone G: Belgio, Panama, Tunisia, Inghilterra. Girone H: Polonia, Senegal, Colombia, Giappone.

LA CERIMONIA DI APERTURA – La cerimonia d’apertura della Coppa del mondo è stata molto “musicale” e si è svolta solo mezz’ora prima del fischio d’inizio del match d’apertura. Le principali attrazioni dell’evento di opening sono state la star internazionale Robbie Williams, la soprano Aida Garifullina e il “Fenomeno” Ronaldo.

LE DEBUTTANTI – Un’edizione che si prospetta di grande interesse e che vedrà il Panama e l’Islanda al debutto in questa competizione. Mai Panama aveva centrato una qualificazione al mondiale: il giorno della qualificazione il Governo locale ha proclamato festa nazionale. All’esordio anche la nazionale islandese, reduce da un’ottima figura fatta a Euro 2016, dove fu la grande sorpresa, eliminata ai quarti di finale dai padroni di casa della Francia.

ROMANISTI A RUSSIA 2018 – Saranno tre i tesserati giallorossi a prendere parte al Mondiale di Russia: Alisson per il Brasile, Fazio per l‘Argentina e Kolarov per la Serbia. Ecco tutte le date e gli orari per seguire le prestazioni dei giocatori della Roma nella fase a gironi.

LA PRIMA VOLTA CON IL VAR – Tra gli spunti di interesse, oltre all’attesa per vedere i padroni di casa, ci sarà l’esordio in coppa del mondo del Var, video assistant referee. Un banco di prova importante per l’arbitro del match, l’argentino Néstor Pitana.

I RECORD – Tra i tanti record della manifestazione, da ricordare quello di Pelé che è il calciatore ad aver vinto più mondiali (3), seguito da Giuseppe Meazza, l’argentino Daniel Passarella e i brasiliani Cafù e Ronaldo con 2 titoli in bacheca.

NOTE ITALIANE – Un Mondiale di calcio senza Nazionale italiana ma non senza italiani, visto che la canzone ufficiale della Coppa del Mondo Fifa ‘‘United by love” è stata composta e prodotta da Ettore Grenci, prima di essere interpretata dalla superstar internazionale Natalia Oreiro che sul web ha già conquistato 2,5 milioni di views in 5 giorni.

DOVE VEDERE LE PARTITE – Sulle reti Mediaset si potranno vedere in diretta tutte le 64 partite della competizione. Occhio al fuso orario: quando a Roma sono le 14, in Russia sono le 15; se si gioca a Ekaterinburg le ore di fuso sono tre.

Giulia Spiniello

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Cosa c’è da sapere… Che noi ce ne restiamo a casa.
    Grazie Ventura
    Grazie Tavecchio.
    E non mi scordo manco Lotito con la felpa dell’Italia a fare il prezzemolo negli stage.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here