Le Assenze e gli Ex: 20 cose su Roma-Pescara

0

ROMA-PESCARA – Dopo la parentesi di Europa League, che ha visto la Roma qualificarsi con un turno d’anticipo ai sedicesimi da prima nel girone, torna il campionato. Oggi alle 20.45 i giallorossi, reduci dalla sconfitta di Bergamo, ospitano il Pescara di Massimo Oddo. Romanews.eu vi racconta tutte quello che c’è da sapere sul match, tramite tutte le lettere dell’alfabeto, dalla A alla… Z.

A come Assenze. La Roma si presenterà alla sfida con diverse assenze importanti: Manolas ed El Shaarawy, alle prese con lievi noie muscolari, saranno tenuti a riposo per il derby. Rientra tra i convocati Totti, reduce da un fastidio all’anca.

B come Bagarre. Pronti, via la neopromossa Pescara ha mostrato di poter contare su un’ottima organizzazione di squadra e un gioco fluido. Gli abruzzesi faticano a raccogliere quanto seminato e sono in piena lotta retrocessione, attualmente al terzultimo posto con 7 punti.

C come Caprari. La Roma si ritroverà ad affrontare un ex, un attaccante cresciuto proprio nelle giovanili giallorosse. Si tratta di Gianluca Caprari, attaccante classe ’93 ora di proprietà dell’Inter, che lo ha girato in prestito al club di Sebastiani.

D come De Rossi. Contro il Pescara saranno ufficialmente 400 le presenze di De Rossi in Serie A con la maglia della Roma. Non solo Daniele, traguardo anche per Nainggolan, pronto a tagliare il nastro delle 100 gare nella massima serie con la Roma.

E come Ex. Non solo Caprari, la rosa del Pescara è ricca di ex giallorossi. Oltre all’attaccante, Oddo può contare su Gyomber, Crescenzi, Pigliacelli, Verre e Pettinari, oltre a Pepe, senza dimenticare Alberto Aquilani escluso dal match dell’Olimpico perché colpito da una forte sindrome influenzale. Non solo calciatori, anche il ds della Roma è un ex, avendo giocato con la maglia del club abruzzese.

F come Fattore Olimpico. In campionato la Roma ha vinto tutte le sfide casalinghe fin qui disputate in questa stagione. In Europa League si contano due successi ed un pareggio. L’unica sconfitta contro il Porto nel ritorno del preliminare di Champions.

G come Gyomber. Il difensore slovacco, trasferitosi in prestito al Pescara in estate dalla Roma, rientrerà a disposizione di mister Oddo proprio per la sfida dell’Olimpico. Difficile un impiego dal primo minuto visto il lungo stop per frattura del perone dal quale sta recuperando.

I come Irrati. Contro il Pescara la Roma ritrova Irrati, direttore di gara della sezione di Pistoia. Bilancio di due vittorie, quattro pareggi ed una sconfitta con il fischietto toscano. L’ultimo incrocio risale ad Atalanta-Roma dello scorso anno, quando Totti firmò il 3-3 in extremis.

L come Lazio. Ancora un turno separa le due squadre capitoline dalla stracittadina. La Lazio sarà impegnata a Palermo, con Felipe Anderson in diffida. De Vrij potrebbe recuperare per il derby, mentre restano da valutare le condizioni di Marchetti.

M come Momento Magico. Vola Edin Dzeko, il cigno di Sarejevo è finalmente tornato a sorridere. Quindici gol in 19 presenze per il numero 9 giallorosso, che si augura di tornare a fare gol in Serie A, competizione in cui è a secco da tre giornate.

N come Nainggolan. Dopo aver disputato il match di Europa League con i gradi di capitano al braccio, contro il Pescara la fascia dovrebbe tornare ad essere indossata regolarmente da De Rossi, pronto a scendere in campo dal primo minuto.

O come Oddo. Prima stagione da tecnico in Serie A per l’ex Lazio e Milan Massimo Oddo. Lo scorso anno ha portato gli abruzzesi nel massimo campionato tramite i play off, dopo aver ereditato la panchina all’ottavo posto.

P come Precedenti. Sono 12 i precedenti ufficiali tra Roma e Pescara: il bilancio parla di cinque vittorie giallorosse, cinque pareggi e due successi per gli abruzzesi.

Q come Quattordicesima. Il 14° turno di Serie A vedrà la Juventus capolista (+7 sulla Roma) affrontare il Genoa in trasferta, mentre il Milan, secondo con i giallorossi, sarà impegnato ad Empoli nell’anticipo del sabato sera. Lunedì il Napoli se la vedrà con il Sassuolo, l’Inter con la Fiorentina.

R come Rangers. Il gruppo Pescara Rangers 1976, facente parte della Curva Nord abruzzese, non parteciperà alla trasferta dell’Olimpico. Segnale di solidarietà verso i tifosi della Roma, che disertano lo stadio in protesta contro le barriere divisorie installate in Curva.

S come Sfida aperta. Il presidente del Pescara Sebastiani è conscio della forza della Roma, ma lancia la sfida: “I giallorossi possono essere l’anti-Juve, ma noi proveremo a fare risultato all’Olimpico“, le sue parole.

T come Tango Argentino. Giovedì sera contro il Viktoria Plzen Diego Perotti ha finalmente ritrovato il gol su azione, che gli mancava dalla scorsa stagione.. Un tiro-cross in rabona che si è insaccato in rete con la complicità di una deviazione avversaria, ma che consente all’argentino di ripartire con entusiasmo. Le 5 marcature messe a segno (4 in campionato e 1 in Europa League) erano infatti arrivate tutte su rigore.

U come Undici. Sono complessivamente undici i punti conquistati dalla Roma in 12 sfide contro i biancazzurri, tutti in match di Serie A, unica competizione in cui i due club si sono sfidati.

V come Ventinove Anni. Complici le lunghe assenze degli abruzzesi dalla Serie A, l’ultima vittoria interna della Roma contro il Pescara risale al lontano 1987, quando i giallorossi ebbero la meglio sui biancazzurri, imponendosi 5-1 con le reti di Agostini (doppietta), Galvani, Giannini e Policano.

Z come Zero. Sette punti in classifica, zero vittorie sul campo. Per l’Atalanta sono quattro i pareggi stagionali, più i tre punti assegnati a tavolino per il match contro il Sassuolo, reo di aver schierato un calciatore non inserito nella lista dei 25.

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here