Inter, non solo Icardi e Nainggolan: in casa Handanovic chiude la porta

0

INTER ROMA, L’AVVERSARIA – Il quarto posto resta ormai l’unico obiettivo stagionale da poter conquistare e la Roma sembra determinata a farlo. I giallorossi hanno ottenuto, contro l’Udinese, la seconda vittoria consecutiva in campionato, ma nonostante gli ultimi risultati positivi, la zona Champions rimane comunque insidiata da Milan e Atalanta. Adesso la squadra di Ranieri si prepara a partire con destinazione Milano: ad aspettarla ci sarà l’Inter dell’ex Spalletti. Anche i nerazzurri arrivano da una vittoria, forse combattuta più del previsto, contro il Frosinone.

Prossimi impegni 
Inter-Roma (33° turno di Serie A, 20 aprile ore 20.30, Stadio Giuseppe Meazza)
Inter-Juventus (34° turno di Serie A, 27 aprile ore 20.30, Stadio Giuseppe Meazza)
Udinese-Inter (35° turno di Serie A, 4 maggio ore 20.30, Dacia Arena)
Inter-Chievo (36° turno di Serie A, 13 maggio ore 21.00, Stadio Giuseppe Meazza)

COME ARRIVA – Il bilancio delle ultime 5 partite disputate dall’Inter in Serie A è positivo: i nerazzurri hanno ottenuto 3 vittorie, un pareggio e una sconfitta. La squadra di Spalletti ha portato a casa 3 punti nell’ultima partita di campionato disputata in trasferta a Frosinone e vinta per 3 reti a 1. L’Inter è passata in vantaggio nella prima frazione di gioco con i gol di Nainggolan e Perisic. Gli avversari hanno provato a riaprire il match nel secondo tempo con la rete di Cassata, ma a chiudere definitivamente la partita è stato il nerazzurro Vecino, che ha siglato la rete del 3 a 1. L’Inter rimane quindi al terzo posto in classifica, a quota 60 punti, 5 in più rispetto ai cugini rossoneri.

L’EX – Oltre al tecnico Luciano Spalletti, l’altro grande ex del match sarà senza dubbio Radja Nainggolan. Il belga si avvicina alla sua prima partita da titolare contro la Roma, dopo l’addio a giugno: all’andata non fu convocato per la sfida contro i giallorossi perché infortunato. I diversi problemi muscolari che lo hanno colpito in questa stagione non gli hanno permesso di dare il meglio di sé, ma i suoi numeri in nerazzurro non sono male, anzi: 23 presenze, 3 assist e 4 reti realizzate in questo campionato. Un rendimento che al momento supera quello dell’ultima annata con la maglia della Roma: 31 partite disputate, 9 assist e 4 gol segnati in Serie A. La migliore stagione della sua carriera rimane, però, quella disputata con la Roma nel 2016-2017, quando sulla panchina giallorossa sedeva proprio Spalletti: 37 presenze, 4 assist e 11 reti realizzate. Il ‘Ninja’ è tornato stabilmente uno dei protagonisti della squadra nerazzurra nelle ultime 4 partite, andando anche a segno nell’ultima contro il Frosinone.

INTRECCI DI MERCATO – Il futuro delle panchine di Roma e Inter sembra ancora piuttosto incerto. La società giallorossa sta già pensando a chi potrebbe prendere il posto di Ranieri a giugno e nemmeno Spalletti sembra poter dormire sonni tranquilli. Entrambe le squadre hanno un sogno per la prossima stagione: Antonio Conte. Un sogno che, però, sembrerebbe essere quasi proibito: le due società si sarebbero già fatte avanti per convincere il tecnico a tornare in Italia, ma su di lui ci sarebbe ora anche il Bayern Monaco. Conte vuole una squadra competitiva, in grado di contendere lo scudetto alla Juventus, con un progetto solido e ben definito: tutte garanzie che la Roma dovrà, se vorrà, dimostrare di poter fornire. Gli intrecci di mercato riguardano anche Edin Dzeko: il rinnovo del contratto in scadenza nel 2020 con i giallorossi sembra ormai lontano. Insistenti voci di mercato continuano ad accostare il bosniaco all’Inter, che sarebbe spettatrice interessata della vicenda.

PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZE – L’Inter quest’anno è stata, quasi sempre, l’indiscussa terza forza del campionato. Nonostante qualche momento di smarrimento, la squadra di Spalletti tiene saldamente in mano il terzo posto, dietro a Juventus e Napoli. In questa stagione i nerazzurri hanno realizzato 50 reti e ne hanno subite 26, aggiudicandosi così il titolo di seconda miglior difesa del campionato. In casa l’Inter è quasi sempre vincente: a San Siro sono arrivate 9 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte. Questo, anche perché, la difesa nerazzurra si trova più a suo agio tra le mure amiche: sono solo 7 i gol subiti in casa in questa stagione dai nerazzurri e nessuno ha fatto meglio in Serie A. La squadra di Spalletti, però, segna di più in trasferta: 29 dei 50 gol realizzati sono arrivati lontano da Milano. Un’occhiata al cronometro rivela che i nerazzurri tendono a segnare di più durante l’ultimo quarto d’ora di gioco e a subire maggiormente la pressione degli avversari negli ultimi 30 minuti della partita. L’uomo su cui contare, per l’Inter, rimane sempre Icardi. Nonostante la discussa vicenda che sembrava aver separato in modo irreparabile le strade dell’attaccante e della società nerazzurra, adesso l’argentino è tornato in campo e si dimostra sempre decisivo: nelle ultime 3 partite disputate dopo lo stop per l’infortunio al ginocchio, è stato autore di un gol e di 2 assist.

LE SCELTE – Il 4-2-3-1 è stato il modulo più utilizzato in stagione da Spalletti, a volte sostituito dal 4-4-3 utilizzato contro le altre big del campionato. I nerazzurri potrebbero adottare il solito 4-2-3-1 anche sabato sera contro la Roma: in porta ci sarà sicuramente l’immancabile Handanovic, con D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar e Asamoah a completare il reparto difensivo. A centrocampo spazio a Vecino affiancato da Gagliardini, in vantaggio su Joao Mario, viste le condizioni ancora da valutare di Borja Valero e l’indisponibilità di Brozovic. In attacco Icardi, che sembrerebbe favorito su Lautaro Martinez, con alle spalle Politano, Nainggolan e Perisic.

LA PROBABILE FORMAZIONE

INTER (4-2-3-1): 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 6 De Vrij, 37 Skriniar, 18 Asamoah; 8 Vecino, 5 Gagliardini; 16 Politano, 14 Nainggolan, 44 Perisic; 9 Icardi.
A disp.: 27 Padelli, 23 Miranda, 13 Ranocchia, 2 Vrsaljko,15 Joao Mario, 87 Candreva, 14 Keita Baldé, 10 Lautaro Martinez.
All.: Luciano Spalletti

BALLOTTAGGI: Gagliardini-Joao Mario; Icardi-Lautaro Martinez.
INDISPONIBILI: Brozovic (distrazione al semitendinoso della coscia), Vrsaljko (operato al ginocchio).
IN DUBBIO: Borja Valero (problema muscolare).
SQUALIFICATI: –
DIFFIDATI: Brozovic, D’Ambrosio, Gagliardini, Lautaro Martinez, Politano, Skriniar.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here