I conti della Roma. La cavalcata in Champions fa godere Pallotta: in arrivo il record di fatturato

15

CONTI ROMA MERCATO – I buoni risultati sportivi della Roma si riflettono anche sui conti. La grande cavalcata in Champions League (unita all’arrivo del main sponsor), alla quale fanno seguito introiti per circa 100 milioni, segna un’epoca. La società giallorossa, infatti, si appresta a far registrare il record assoluto di fatturato della storia: circa 250 milioni di euro. Decisa sterzata rispetto alla scorsa stagione, quando sono stati fatti registrare introiti decisamente inferiori: 175 milioni, principalmente a causa della mancata qualificazione ai gironi della massima competizione continentale per club.

IL SOLCO – L’exploit della squadra di Di Francesco in Champions League è una manna dal cielo per Pallotta. La scorsa stagione, l’eliminazione ai preliminari e la conseguente disputa dell’Europa League ha generato proventi per complessivi 32,2 milioni di euro. Quest’anno, invece, la stima dei ricavi (il dato ufficiale uscirà solo nel prossimo bilancio, ndr) nel dettaglio è la seguente: 42,9 milioni dal market pool, 12,7 di bonus partecipazione iniziale, 25,5 per il percorso fino alle semifinali e 18,2 dal botteghino. Il totale è impressionante: 99,2 milioni, un balzo in avanti di 67 milioni netti.

MAIN SPONSOR – L’accordo con Qatar Airways permetterà alla Roma di incassare 39 milioni nel prossimo triennio (2018-21), così suddivisi: 11 milioni a stagione a cui se ne sommano ulteriori 6 al momento della firma del contratto, che saranno (esclusivamente i 6, ndr) presenti nel prossimo bilancio. Oltre a questo, la società giallorossa potrà, eventualmente, beneficiare di alcuni bonus condizionati a determinati risultati. Nel prossimo triennio si attendono buone notizie anche dai diritti tv: la nuova ripartizione potrebbe portare circa 11 milioni in più (da 69.5 a 80.3 milioni). In tutto ciò, i costi di esercizio stimati sono rimasti sostanzialmente invariati (intorno ai 200 milioni di euro).

SETTLEMENT AGREEMENT – La Roma è uscita dal regime di controllo (Settlement Agreement) al termine della scorsa stagione, anche se i risultati non sono stati conseguiti al 100%. La società, complice l’esclusione dalla Champions 2016-17, aveva infatti fatto registrare un rosso di 42.048 milioni di euro nonostante le cessioni eccellenti di Salah, Rudiger e Paredes: sforzo inutile per rientrare in uno dei parametri imposti dalla UEFA, che potrebbe infatti recapitare una sanzione pecuniaria dalle parti di Trigoria.

RIFLESSO SUL CALCIOMERCATO – Le operazioni di mercato non saranno più condizionate dalla necessità di far registrare plusvalenze. Le maggiori entrate permetteranno al ds Monchi di avere più mobilità per ciò che concerne la campagna acquisti. Tuttavia, le cessioni non sono assolutamente escluse ma, se avverranno, sarà per scelta. D’altra parte, come ha dichiarato recentemente il direttore generale Baldissoni, il trading (la compravendita di giocatori, ndr) è alla base della filosofia della Roma americana: se arriveranno offerte fuori mercato saranno prese in considerazione per ogni componente della rosa.

Casoli-Emili

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

15 Commenti

    • Guarda, in attesa che arrivi Massimo, provo a risponderti io, anche se non garantisco sia corretto quello che dico. Di sicuro non dovrebbero esserci grossi problemi con il FPF. Magari arriva una leggera sanzione, ma nulla di che. Quindi non dovremo cedere giocatori per risanare il bilancio. Sulla solidità economica della Roma invece non ho capito bene quello che succede ma non dovrebbe essere nulla di preoccupante, anzi, la situazione dovrebbe essere migliore rispetto a qualche anno fa. Massimo saprà sicuramente chiarire il tutto.

  1. Quello che non ha combinato lotirchio…… cioè la squadra non ha vinto trofei purtroppo ma è arrivata spesso 2 e in semifinale Champion. … forse è meglio vedere la lazziè arrivare sesta o ottava e vincere una coppa Italia vero?!!!!! E cmq con questa juve e questi fatturati arrivare primi non è stato possibile e non sarà facile per nessun altro come si vede purtroppo !!!!! Però non ci ha portato in serie b per 11 anni ecco cosa gli va rimproverato .

  2. Il bilancio anche quest’anno chiude in perdita. Lo scorso anno si fatturarono 175 milioni. Al netto dei ricavi EL (32 milioni), sostituiti quest’anno dai 99 milioni della CL, il fatturato sale a 242 milioni, che dovrebbe ottimisticamente attestarsi a 255 milioni grazie al bonus del nuovo sponsor e al probabile miglioramento dei ricavi commerciali e in particolare del merchandising.
    Sono molto meno ottimista della redazione sui costi operativi. Lo scorso anno furono 209 milioni, quest’anno dovrebbero essere 225 almeno. La Roma ha comunicato nella semestrale che si attende un aumento dei costi del personale, è vero che il dato intermedio a sei mesi è identico a quello dello scorso anno, ma al 31 dicembre 2016 si scontavano gli incentivi all’esodo di Garcia, Ljaijc e Falque. Quest’anno incentivi non se ne sono pagati e in più si dovrebbero pagare maggiori premi per la semifinale champions raggiunta. I costi per servizi aumenteranno di 5 milioni su base annua.
    Gli ammortamenti dovrebbero rimanere uguali a quelli dello scorso anno (58 milioni). La GNOC (le plusvalenze nette) lo scorso anno fu positiva per 79 milioni, oggi dopo la cessione emerson dovrebbe essere positiva per soli 5 milioni. I costi finanziari aumentano di 6 milioni sull’anno. La perdita presunta dovrebbe attestarsi a circa 60 milioni.

    Il conto economico in sintesi

    Ricavi operativi 255 milioni
    Costi operativi (225) milioni

    MOL 30

    Gonc 5

    EBITDA 35

    Ammortamenti (58)

    EBIT (23)

    Gestione finanziaria (27)

    GESTIONE PRIMA DELLE IMPOSTE (50)

    Gestione fiscale (9)

    UTILE/PERDITA (59)

    Al netto delle spese virtuose servono 35 milioni in plusvalenze. Possono essere meno (una decina di milioni) se il 31 maggio la Uefa libera la Roma dall’obbligo del break even, sempre che Pallotta abbia il desiderio di coprire altri 50 milioni di perdite che il fpf ci consentirebbe.
    Aggiungo che se la Roma vendesse Strootman (l’indiziato numero uno perché pesa per 10 milioni l’anno) la Roma potrebbe sostituirlo da luglio con un giocatore di pari livello e di pari costo senza peggiorare il dato economico del prossimo anno, e quindi il livello tecnico.
    A ogni modo il problema della Roma, come da comunicato di ieri, non è economico, quindi di plusvalenza, ma finanziario, quindi di liquidità.
    Probabilmente da luglio si sarà costretti a cedere anche se il dato economico fosse per assurdo eccezionale. Serve cassa e la cassa la garantisce la formula di pagamento, piuttosto che il prezzo di cessione del calciatore.

    • Grazie per i chiarimenti, veramente illuminanti!
      Quindi o Pallotta immette capitali, o aumentiamo l’indebitamento finanziario con ulteriore ricorso alle banmche, se non ho capito male?

      • Esattamente. Limitandosi al comunicato, non ho trovato il prospetto, si legge che per i prossimi 12 mesi si prevede un fabbisogno netto di 143 milioni, la richiesta al mercato pure se interamente sottoscritto si fermerebbe a un aumento di cassa di 20 milioni. L’apporto sociale è infatti limitato a una conversione in azioni.
        La Roma è sottocapitalizzata. L’indebitamento per altro, si legge sempre dal comunicato, non è rinegoziabile se non a certe condizioni. E credere che il debito, che è la causa principale della crisi di liquidità, possa essere ulteriormente aumentato, lo trovo sinceramente bizzarro.

  3. Ciao Embè. Non so se il mio messaggio verrà pubblicato perché non avevo linea quando l’ho inviato.

    Ho visto adesso la plusvalenza di Palmieri. La vedo calcolata per differenza dalle plusvalenze nette dell’anno scorso. Credo che se l’aggiungi di netto ai ricavi sia meglio per il conto che hai fatto. Avresti così circa 39 milioni di perdita in bilancio al lordo dei costi virtuosi.

    Per il resto daccordissimo.

    Sempre un piacere, un saluto grande.

    • Ciao Massimo74, purtroppo la plusvalenza Palmieri l’ho contabilizzata. La GONC comprende i 18 milioni di Palmieri. Diventa 5 milioni perché il dato a gennaio era negativo per 9 milioni ed è presumibile che diventi negativo per 13 a fine anno al netto della plusvalenza Palmieri.

      • Ok. Ho capito il tuo ragionamento su Palmieri.

        Io parto da presupposti diversi e faccio altri calcoli e, questa volta, le tue previsioni sono diverse dalle mie.

        Ma è giusto così. 🙂 Può essere certamente che abbia ragione tu.

        Ciao.

  4. Embe, oggi i miei commenti o non li postano o li postano due volte. Vabbè, lo riscrivo, a questo punto un po’ meglio.

    Ho capito il tuo ragionamento su Palmieri. Sei andato “per differenza”.

    Io invece nel mio Excel non ho fatto una comparazione tra la gestione operativa netta calciatori in bilancio dell’anno scorso e quella di quest’anno, ma ho inserito solo quella relativa a quest’anno, al netto, per come è stata fino ad ora, ovviamente compresa quella di Palmieri. Così come tutti gli altri dati che da semestrale, o da documenti anche esterni, ma relativi ad essa, come per esempio quelli sulle informazioni sui diritti tv, possono essere ritenuti “certi”. Sugli altri ovviamente ho dovuto anch’io come te andare per “proiezione” da base semestrale a base annua e per comparazione con gli anni precedenti.
    Inoltre non ho ancora inserito il main sponsor, dato che sarà per tre anni, ma a partire dal 2018/19 e andrebbe inserita nel bilancio dell’anno prossimo. Ma anch’io penso che l’accordo preveda un bonus anche per quest’anno, magari minore, dato che è difficile pensare che Q.A. cominci a pagare l’anno prossimo, ma il logo sia già sulle maglie dalla fine di questo.

    Per cui, questa volta, i miei calcoli risultano un po’ diversi dai tuoi, ma è giusto così. 🙂.

    Certamente può essere che abbia ragione tu.

    Un grande saluto.

  5. Ma i titoli degli articoli pubblicati su romanews.eu li scrive lo stesso estensore dell’articolo o un’altro della redazione? Perchè il titolo di questo articolo è perlomeno tendenzioso. Dire “…..la Champions fa godere Pallotta…..” insinua nei tifosi l’idea che il Presidente “prende i soldi e scappa”. Il titolo “onesto” era “…la Champions fa godere la Roma….” che è leggermente diverso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here